Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 20 gen 2021, 14:57


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Immunoterapia: donna guarisce da cancro al seno. Inefficaci 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 1531
Località: Saluzzo
Messaggio Immunoterapia: donna guarisce da cancro al seno. Inefficaci
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... alseno.htm
Se non vuoi perderti una o molte pagina precedenti o le successive se non le vedi più in quanto sono bloccato, clicca su questo link:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... edenti.htm

Le medicine "principio attivo" per la mia SALUTE? GRAZIE NO!!! Me lo dice il "foglietto illustrativo".
E pensare che ciò che serve al MIO CORPO per AUTOGUARIRSI e mantenermi la VERA SALUTE è già in lui da quando sono stato concepito, e mi ha mantenuto in VERA SALUTE fino al primo intoppo, messo lì appositamente con lo scopo di farmi cadere, iniziando per me un giro di SOFFERENZA provocato per il beneficio di alcuni miei simili. Quindi al TUO CORPO come al MIO, servono SOLO TRE COSE, CIBO NATURALE che contengano gli "ALIMENTI ESSENZIALI" ed evitare le trappole tese apposta per noi dal nostro simile.
Vi presento una pagina in oggetto che secondo il mio modesto parere, ha lo scopo di consolare e magari illudere le donne che scoprono di avere un tumore al seno. Però mi chiedo, non sarebbe meglio cercare la causa di questa che ritengo una MALATTIA ULTRA MORTALE?
Non lo fanno loro? bene, cerchiamo di farlo noi e darne informazioni le più precise possibile, naturalmente incontestabili.
Il video importante per il cancro e big pharma da inviare a chi è malato di cancro come giustificano che secondo questo video parlando di cancro, che nel 1900 i casi di questa malattia erano di una persona su 20, nel 1940 una su 16, nel 1970 una su 10, nel 2000 una su 3, ma pare che il LATTE ED I LATTICINI siano ALIMENTAZIONE DELL'UOMO DA UN TEMPO INDEEINITOe ci si accorge solo ora che sono NOCIVI?
Video di Massimo Mazzucco gestore del forum Luogocomune
http://www.youtube.com/watch?v=1RUrIO3E ... re=related
.
a 20 minuti parla dei dottori che si corrompono già alle università.
.
a 24 minuti
Ci sono gruppi su internet che sembrano imparziali e disinteressati, gruppi di pazienti, che vogliono solo il meglio di quello che è giusto per loro ed alla fine scopri che sono finanziati al 100% da una società farmaceutica.
a 24.30 minuti
Negli ultimi anni Big Pharma si è insinuata nel normale rapporto fra medico e paziente e ha trovato un modo nuovo per aumentare le vendite, puntando direttamente al paziente, in modo indipendente sopratutto attraverso la pubbicità televisiva. Gliettetti collaterali includono dolori, gonfiori, pruriti nella zona dell'iniezione, febbre, nausea, capogiri, vomito e svenimenti.
L'anno scorso sono state scritte da 3 a 5 miliardi di ricette nei soli Stati Uniti. E per tutti i suoi miracoli e conquiste il sogno farmaceutico ha anche lasciato disastri lungo il percorso. Le tragedie degli effetti collaterali vengono denunciate quotidianamente.
Quello che ho scoperto dopo aver analizzato le banche dati governative e gli articoli sulle riviste mediche specializzate ho scoperto che 784.000 persone muoiono ogni anno prima del previsto a causa della medicina moderna. 122.000 persone muoiono ogni anno a causa degli effetti collaterali conosciuti, dei medicinali prescritti.
L'industria farmaceutica è l'industria di maggiore successo nel mondo.
Quello che vogliono è che tu non guarisca perchè se tu guarisci, loro non hanno più un mercato.
Tutto quello che viene dalla natura non si può brevettare.
Quindi non sono interessati.
Oltre quanto sopra, anche le scoperte delle così dette COMODITA' partecipano impunemente a causare la malattia più grave al mondo, dopo lo SCORBUTO, che per guarirlo il chimico dottor Albert Szent-Gyorgyi (1893-1986), Premio Nobel per LA MEDICINA nel 1937 per aver isolato l'ACIDO ASCORBICO, detto vitamina C dai peperoni piccanti, detto TUMORE o CANCRO.
La pagina riporta:
"Szeged, la bella città dell'Ungheria meridionale, si vanta di essere la capitale del peperone. Per due motivi: uno di carattere agricolo e uno di carattere scientifico, per essere stata la patria del grande chimico Szent-Gyorgyi che ha scoperto, proprio nel peperone, la fonte dell'acido ascorbico che ha fermato le morti per scorbuto, una malattia che aveva ucciso migliaia di marinai.
Albert Szent-Gyorgyi (1893-1986), figlio di una famiglia colta e benestante, cominciò i suoi studi a Budapest e, dopo un periodo di ricerche all'estero, diventò professore di chimica medica nell'Università di Szeged negli anni trenta del secolo scorso. Le ricerche di Szent-Gyorgyi erano concentrate sul meccanismo con cui le cellule viventi "bruciano", con ossigeno, le molecole organiche liberando energia e anidride carbonica, il fenomeno inverso della fotosintesi con cui i vegetali fissano l'anidride carbonica atmosferica "fabbricando" molecole organiche. Szent-Gyorgyi pensò che l'energia non viene liberata dalla ossidazione del carbonio, ma dall'ossidazione dell'idrogeno presente nelle molecole organiche e che la vita consista in fenomeni, come si dice, di ossido-riduzione catalizzate da speciali enzimi.
Oggi i biologi sanno molte altre cose su questi meccanismi, ma ai tempi del giovane Szent-Gyorgyi i suoi studi furono rivoluzionari: un ruolo importante nei fenomeni di ossidoriduzione aveva un certo acido esuronico il quale mostrò anche di possedere la proprietà di curare e di prevenire lo scorbuto. Durante i grandi viaggi oceanici, cominciati nel 1500, lo scorbuto mieteva molte vittime fra i marinai, fino a quando, nel Settecento, si vide che le morti diminuivano se le navi portavano a bordo delle scorte di agrumi che, apparentemente, contenevano qualche sostanza curativa. Szent-Gyorgyi scoprì che si trattava proprio dell'acido esuronico che egli ribattezzò acido ascorbico e che oggi è noto come vitamina C. Per proseguire gli esperimenti occorreva disporre di una certa quantità della sostanza e Szent-Gyorgyi scoprì che proprio i peperoni, coltivati su larga scala intorno a Szeged, dove insegnava, ne avevano una elevata concentrazione. Le prime prove di estrazione furono fatte nel 1931 quando la stagione di raccolta era alla fine e fornirono pochi grammi; l'anno dopo l'estrazione cominciò all'inizio della campagna agricola e fornì qualche chilogrammo di acido ascorbico che poté essere distribuito ad altri laboratori.
Per queste sue ricerche Szent-Gyorgyi ebbe il premio Nobel per la medicina nel 1937; Szent-Gyorgyi fu attivo nella resistenza antinazista e lasciò poi l'Ungheria nel 1948 trasferendosi negli Stati uniti dove ha diretto, nel Massachusetts, ricerche per la cura del cancro; è stato anche impegnato come difensore dei diritti civili e nella protesta contro la guerra nel Vietnam (un suo libro di sostegno alla contestazione giovanile, "Uomo o scimmia pazza ?", è stato tradotto anche in italiano).
Oggi l'acido ascorbico, contenuto nella verdura e nella frutta, specialmente negli agrumi, viene prodotto artificialmente su larga scala, partendo dal glucosio, e trova impiego anche come antiossidante, oltre che in medicina. Di certo ha un ruolo fondamentale nella sintesi del collagene e in molte altre funzioni biologiche. Il chimico Linus Pauling, anche lui premio Nobel per la chimica (e per la pace) (si veda Altronovecento n. 5) ha sostenuto per tutta la vita che l'acido ascorbico cura anche i tumori. E tutto è cominciato con i peperoni ungheresi.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... yorgyi.htm
Riguardo al tumore al seno, la prima causa di morte per le donne, ritengo di fare presente che la causa principale di questa malattia è il FORNO MICROONDE.
Di questo però, non se ne vuole parlare, in quanto, dato il fine della diminuzione della popolazione mondiale impostata fin dal secolo scorso, questa invenzione è stata messa lì con questo bellissimo fine.
La riprova ci viene dal fatto che la percentuale di morte maggiore, lo riporta l'articolo, che è all'eta di 49 anni (41%).
Lo conferma il fatto che sono loro ad usufruire di più di questa cosi detta COMODITA' detta forno microode (RADIAZIONI), ed eccone i risultati.
Infatti le donne di una certa età non si fidano e sono molte di meno ad usare questo forno microonde.
Però a poter informare queste persone e farle fare la personale esperienza di annaffiare una pianta con l'acqua fatta bollire in questo prodotto, ecco che la morte di questa pianta annaffiata con questa acqua, indica esattamente che questo aggeggio in quanto funzionante a RADIAZIONI è per l'essere umano la causa di questa terribile malattia.
Lo conferma il fatto che se metti del latte o altro cibo sul gas o altro modo di riscaldare NATURALE, lo sappiamo ormai tutti che questo cibo si riscalda partendo dall'esterno verso l'interno, quindi l'unico modo di riscaldare NAtURALE, mentre nel forno microonde, sappiamo anche tutti che il cibo viene riscaldato partendo dall'interno verso l'esterno.
A questo punto è bene sapere il fatto che determina senza ombra di dubbio che la causa dei tumori al seno sono esattamente le RADIAZIONI incontrollate che si sprigionano dall'apparecchio quando è in funzione.
Parto da lontano. ma chiarisco un fatto che ritengo molto importante che si conosca.
Sappiamo tutti che negli ospedali, nelle cliniche e in tutte le strutture che sono dedicate alla salute umana vi è un reparto chiamato REPARTO RAGGI X.
Di solito è un corridoio con tante porte in quanto le apparecchiature sono molte, dedicate alle varie necessità, e sulle porte i vari avvisi della pericolosità di queste RADIAZIONI.
Che i RAGGI X siano pericolosi per la salute degli esseri viventi, che per l'uomo lo dichiarano le scritte su tutte le porte dei locali dove vengono svolti il dedicato apparecchio.
Naturalmente gli addetti ai lavori si cerca di proteggerli al massimo, ed il pericolo è solo per i malati che vi si recano per i vari problemi.
Quindi abbiamo certezza che il pericolo sono le RADIAZIONI che emettono queste apparecchiature che per svolgere il loro compito, queste RADIAZIONI devono emetterle.
Ma le RADIAZIONI,pericolose lo sono solo quelle dei locali di queste strutture oppure qualsiasi tipo di RADIAZIONI come quelle del microonde?
Oh, ma allora volete dirmi che chi ha riscontrato questa pericolosità, non sà che quelle del forno microonde sono sempre RADIAZIONI uguale a quelle dei RAGGI X? Ma allora chi permette questo è CONSAPEVOLE.
Ecco che ora devo far presente che il commerciante che vende questi forni a microonde non informa il cliente che il suo apparecchio in vendita lavora a RAGGI X uguali come le apparecchiature sopra descritte, e non solo, ma per svolgere il suo compito deve emettere delle RADIAZIONI, le stesse che gli addetti ai lavori delle strutture sopradette DEVONO ESSERE PROTETTI AL MASSIMO, mentre questo apparecchio considerato COMODITA' la sua carenatura non sono altro che quattro lamiere dipinte.
A conferma della sua PERICOLOSITA' l'abbiamo già stabilito in quanto che il cibo che si mette a riscaldare o a cuocere, il suo trattamento parte dall'interno e viene verso l'esterno, cambiando la STRUTTURA a questo cibo, ed ecco che è CONTRO NATURA.
E non solo, ma scoprendo che la posizione di questo apparecchio in cucina è all'altezza del seno della cuoca, e dato che le RADIAZIONI NON PARLANO E NON SI FANNO NEPPURE VEDERE, MA SANNO FARE IL LORO LAVORO, ho anche scoperto che tra le donne più giovani, le quali credono di avere una COMODITA', sono quelle la cui percentuale 41% di morte è fortemente giustificata e provata. La foto della pagina lo dimostra senza ombra di dubbio.

La pagina recita:
"Prima di tutto, anche con questa foto, voglio far notare che la posizione del FORNO MICROONDE è proprio all'altezza del seno della donna che lo manovra.
Avrà importanza questo?
E' quanto ho intenzione di stabilire unendo le informazioni in mio possesso.
La pagina descrive chiaramente quanto avviene ai CIBI NATURALI quando vengono messi sul FUOCO NATURALE e ci descrive anche ciò che avviene allo stesso CIBO NATURALE nel FORNO A MICROONDE alla mercè delle RADIAZIONI. E chissà cosa avviene agli "ALIMENTI ESSENZIALI" detti "integratori" dalla medicina, che questo CIBO NATURALE DEVE CONTENERE per la nostra SALUTE?
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... roonde.htm

Altra pagina recita:
"La pagina dedicata alla storia della mia ex compagna Anna recita:
"Anche questa foto dimostra che il FORNO MICROONDE è posizionato all'altezza del seno femminile, ecco che mi chiedo:
"sarà importante saperlo, visto che le RADIAZIONI non si vedono, non si sentono ma l'apparecchio le emette per svolgere il suo lavoro, incontestabile vero?"
Da questa pagina possiamo rilevare quanto lontano possono arrivare queste RADIAZIONI, e chi o cosa può fermarle?
Solo chi produce questo apparecchio garantisce che queste RADIAZIONI non causano danni perchè ben protette, ma loro sono IN CONFLITTO DI INTERESSE e noi sappiamo molto bene che questo ha un peso rilevante nell'affare.
In proposito la pagina ci dice:
""Ricapitolando, le microonde sono adoperate (o possono esserlo) per i seguenti scopi:
- per modificare le condizioni meteorologiche (Vedi anche N. Begich, J. Manning, Angels don't play this H.A.A.R.P., 1995);
- per alimentare le nanostrutture distribuite con le scie chimiche (conclusione cui sono giunte la Palit, Castle e la Staninger);
- per il controllo mentale;
- per minare gli equilibri degli esseri viventi;
- per causare malattie legate alle radiazioni non ionizzanti;
- per disperdere manifestanti, provocando dolore e riscaldamento nelle parti colpite e lesioni di vario tipo, insieme con altre armi definite ipocritamente "non-letali".
Anche la recente decisione del governo della Repubblica Ceca che, su pressione degli Stati Uniti, ha accettato di installare un potente impianto radar nell'ambito del programma di "difesa" strategica, si inquadra in questo attacco al pianeta, un'aggressione perpetrata con armi invisibili ma, non per questo, meno micidiali di molte altre.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ebiosf.htm

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... deonde.htm

È la nuova frontiera dell’immunoterapia, grazie alla quale una donna in stadio avanzato della malattia è riuscita a guarire: combattere il cancro al seno grazie alle cellule immunitarie delle pazienti.

Questo nuovo barlume di speranza è il frutto di uno studio clinico di un team guidato da Steven Rosenberg, del National Institutes of Health in Bethesda in Maryland.

Scopriamo insieme di più.

Cancro al seno: il nemico numero uno delle donne

Il cancro al seno è la neoplasia più frequente in assoluto tra le donne. Nel 2017, in Italia, si sono ammalate di tumore al seno circa 50.500 donne. Complessivamente, una donna su otto va incontro a questa diagnosi nel corso della sua vita. Rispetto all’incidenza di tutti gli altri tumori, il carcinoma della mammella è quello più frequentemente diagnosticato tra le donne sia nella fascia d’età che va fino ai 49 anni (41%), che sia nella classe d’età 50-69 anni (35%), sia in quella più anziana, che supera i 70 anni (22%).
Immunoterapia: la soluzione che dona speranza

Una nuova speranza nella lotta contro questa malattia viene dall’immunoterapia. I ricercatori del National Cancer Institute (Nci) americano hanno sperimentato su una donna in metastasi un nuovo approccio, basato sulle cellule immunitarie della stessa paziente.

La paziente era stata sottoposta a diversi altri trattamenti, senza alcun beneficio. Inserita all’interno di uno studio clinico condotto dal capo della Divisione chirurgica del Centro per la ricerca sul cancro (Cccr) del Nci (che fa parte dei National Institutes of Health, Nih), Steven A. Rosenberg, ha visto la regressione totale della malattia.
Il metodo

L’immunoterapia ha consentito ai ricercatori di estrarre e “addestrare” le cellule della paziente, in modo da riconoscere e spazzare via dal corpo solo quelle malate.

In particolare, i linfociti T della donna sono stati in grado di eliminare completamente il cancro al seno e tute le sue metastasi.
immunoterapia cancro donna
Chemioterapia biologica: un aspetto della ricerca sempre più importante

I ricercatori hanno mappato Dna e Rna di uno dei tumori della paziente, oltre al tessuto normale, identificando le mutazioni specifiche delle cellule malate. Poi, hanno selezionato i linfociti più abili nel riconoscere le proteine ??mutate. Le cellule sono state espanse e reinfuse nella donna, cui è stato somministrato anche pembrolizumab per prevenire la possibile inattivazione delle cellule T.

Sono già due anni che la paziente è libera dalla malattia. Si tratta del primo grande successo dell’immunoterapia nella cura di un tumore in stadio così avanzato.

Rosenberg spiega:

«Abbiamo sviluppato un metodo molto efficace per identificare le mutazioni presenti in un tumore che sono riconosciute dal sistema immunitario. Questa ricerca è sperimentale in questo momento, ma poiché questo nuovo approccio all’immunoterapia dipende dalle mutazioni, non dal tipo di cancro, è in un certo senso un progetto che possiamo usare per molti tipi di tumore».
L’immunoterapia vince sulle tecniche tradizionali

L’immunoterapia è arrivata là dove le terapie tradizionali non erano riuscite. La paziente, infatti, aveva già ricevuto trattamenti multipli che, però, nulla avevano potuto contro la progressione del cancro.

immunoterapia donna cancro

Attualmente sono due gli approcci più efficaci di immunoterapia: l’attivazione delle cellule immunitarie del paziente direttamente nel suo corpo tramite farmaci e l’uso diretto di cellule immunitarie.

Secondo gli studiosi, il successo di questo studio potrebbe aprire le porte a nuove cure con ampie possibilità di successo anche per altre pazienti con cancro al seno.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... alseno.htm
.
.


02 gen 2021, 16:20
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)