Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 09 lug 2020, 03:27


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Intossicazione da alluminio e metalli pesanti 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 1434
Località: Saluzzo
Messaggio Intossicazione da alluminio e metalli pesanti
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... iintos.htm
Per le pagine precedenti o le successive se non le vedi più:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... edenti.htm

Ed ora non posso non riportare una informazione che ritengo tra le più importanti: COME, DOVE E QUANDO INGOIO L'ALLUMINIO?
Ecco il video dell’intervento del Dr. Zanella al XVI Convegno medico-scientifico internazionale – Bologna 10/09/2011, dal titolo Alluminio, Sclerosi Multipla e Terapia Chelante.
https://youtu.be/6LF0oeGZHkQ

Devo informare e sottolineare il fatto che un cibo con alta concentrazione di ALLUMINIO è il
LATTE DI SOIA
E TUTTI I DERIVATI di questo latte yogurth ecc.
Altro prodotto incriminato è il THE VERDE, del quale molte persone ne fanno una bevanda giornaliera inconsapevoli di intossicarsi di ALLUMINIO con questo.

Dell'articolo in oggetto sottolineo la parte che recita:
"Veleni in cucina
Molto spesso, dopo aver sottoposto nuovi Pazienti al dosaggio dei metalli tossici il quale evidenzia valori patologici, la domanda che mi sento spesso porre è la seguente: «Ma come e da dove posso aver assunto tutti questi veleni?» Tralasciando le fonti di intossicazione professionale e accidentale, un ruolo importante nella contaminazione da metalli tossici riveste la quotidiana alimentazione.
Infatti fin dal nostro risveglio siamo bombardati dai metalli iniziando con l’ingestione di un buon caffè contenuto in sacchetti di alluminio e contaminato dal rilascio del metallo dalla maggior parte delle caffettiere casalinghe costruite in alluminio. Non creda di salvarsi chi quotidianamente assume una tazza di thè a colazione poiché la pianta del thè ne contiene grandi quantità nelle sue foglie. Mangiamo qualche biscotto che nella stragrande maggioranza dei casi è contenuto in sacchetti rivestiti all’interno da alluminio. A metà mattina per la pausa caffè possiamo ingerire un’altra piccola dose di metalli attraverso l’ingestione di prodotti da forno conservati in alluminio e formaggini rivestiti dall’onnipresente alluminio.
Finalmente arriva l’ora del pranzo e anche qui non abbiamo che l’imbarazzo della scelta: cibi cotti in tegami che riscaldati rilasciano alluminio, alimenti conservati e cotti nelle vaschette di alluminio, patate o altri cibi al cartoccio avvolti nella pellicola di alluminio. Beviamo qualche bicchiere d’acqua dal rubinetto di casa contenente piombo rilasciato da vecchie tubature e alluminio che viene utilizzato nel trattamento delle acque per rimuovere particelle e microrganismi.
Per la merenda possiamo scegliere tra un succo di frutta o una bibita rigorosamente in lattina di alluminio e un pezzetto di cioccolato avvolto da alluminio.
Non parliamo poi della cena e se magari per placare la nostra sete possiamo bere una birra conservata in lattina di alluminio?
E se, alla fine di questo bollettino di guerra, vi è venuta una comprensibile gastrite, nessun problema, potrete sempre assumere un comune antiacido, naturalmente ricco di Alluminio!"

La riprova che i metalli pesanti sono nel CAFFE', ecco un video molto chiarificatore al riguardo la pagina recita:
"....e non solo ma nel CAFFE' vi sono i minerali pesanti come descritto molto chiaramente su questo video:
https://www.facebook.com/groups/2363884 ... o&d=n&vh=e
Ma come farà a contenere questi minerali pesanti se nel chicco non possono esserci in quanto altrimenti il chicco morirebbe, in quanto nei semi non possono esserci che in caso morirebbero come ogni individuo vivente.
Questo chicco però viene tostato a 240°, questo però brucia sia il GERME che è la partenza per la futura pianta se seminato, che tutto il suo contenuto che è di TUTTI i semi al mondo.
Ne rimane SOLO la CAFFEINA, quindi neanche quì possono esserci i minerali pesanti, alluminio compreso, ma come potranno mai esserci nel CAFFE' finito?
CERTO, DOPO LA TOSTATURA ECCO L'AGGIUNTA DI QUESTI MICIDIALI PRODOTTI, NON PUO' ESSERE DIVERSO CHE CON L'AGGIUNTA.
Quindi concludo che si fà di tutto per ammalare le persone, anche drogandole e approfittando della dipendenza, anche AVVELENANDOLE.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... iintos.htm

Una pagina recita:
"Mi permetto di riportare un video che ritengo molto importante riguardo all'ALLUMINIO, che anche se solo particelle di danni al corpo di ogni essere vivente non possono causare che danni.
Quindi pensare che venga messo nel corpo umano volontariamente non può che farmi RIBREZZO, il che mi fà giudicare in modo particolare che vuole impormi questo.
Non mi permetto di riportare quale sia il mio pensiero, ma lo lascio scoprire a voi.
Ora di questo video vi riporto alcune frasi che ritengo molto esplicative, in modo che possiate giudicare da soli AUTONOMAMENTE, pensando che il vostro giudizio, ho certezza che sarà come il mio.
"Da quando li utilizziamo nella produzione di vaccini,
i sali di ALLUMINIO sono stati oggetto di dibattito
e la rete "Salute ed ambiente" ritiene oggi che,
per quanto riguarda la loro nocività,
siamo passati dal sospetto alle certezze.
Tecnicamente da 25 a 600 microgrammi
a stimolare la reazione immunitaria
infatti questa induce una piccola infiammazione
nel sito in cui viene iniettata e
se la maggior parte degli specialisti ritiene che
una volta iniettato nel corpo
l'ALLUMINIO si dissolverà spontaneamente
senza effetti tossici,
altri sostengono il contrario.
In particolare è il parere del professor Romain Gherardi
che accogliamo in questa trasmissione.
che direttore di ricerca presso l'INSERM
(Istitut Natural de la Sanitè et de la Cecherche medicale)
e che lavora presso l'ospedale Henri-Mondor di Crateil."

il video incriminato:
https://www.youtube.com/watch?v=pZujmSk ... D1rJkOGTsc

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ivideo.htm
Altra pagina recita:
"Mi sono permesso di aprire questo gruppo denominato:
"L'ALLUMINIO ED IL CIBO UMANO"
Se vuoi unirti a noi ed entrare nei nostri gruppi eccoti il modo cliccando su questo link e chierene di entrare. Sarò onorato di accoglierti per informare:
https://www.facebook.com/groups/263456548185398/
"Alluminio, dentifricio, caffè e prodotti CHIMICI VELENOSI, gli avamposti dei problemi umani"

Mi sono permesso di aprire questo gruppo denominato L'ALLUMINIO ED IL CIBO UMANO,onde poter informare l'umanità che fra le molte trappole disseminate sulla loro strada nella loro vita, oltre che il FLUORURO DI SODIO, l'ALLUMINIO, un minerale detto PESANTE, in quanto VELENO DELLA VITA, che si iniziano ad usare, ed ingoiare inconsapevolmente, fin dalla tenera età, in quanto contenuto nei dentifrici il primo, ed usato come pentole e padelle il secondo, usati con costanza giornaliera, Per il secondo, la stagnola, e contenitori usati per i CIBI, sia dalle industrie che in cucina. Il FLUORURO DI SODIO ha a che fare con l'ALLUMINIO in quanto lo scarto della lavorazione di questo metallo, che giocando sulla DISINFORMAZIONE dichiarano di voler apportare FLUORO per i denti.
FALSO! è dimostrato chiaramente su questa pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... sangue.htm
dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ivideo.htm

Mi sono permesso di aprire questo gruppo denominato:
"L'ALLUMINIO ED IL CIBO UMANO"
Se vuoi unirti a noi ed entrare nei nostri gruppi eccoti il modo cliccando su questo link e chierene di entrare. Sarò onorato di accoglierti per informare:
https://www.facebook.com/groups/263456548185398/
"Alluminio, dentifricio, caffè e prodotti CHIMICI VELENOSI, gli avamposti dei problemi umani"

Mi sono permesso di aprire questo gruppo denominato L'ALLUMINIO ED IL CIBO UMANO,onde poter informare l'umanità che fra le molte trappole disseminate sulla loro strada nella loro vita, oltre che il FLUORURO DI SODIO, l'ALLUMINIO, un minerale detto PESANTE, in quanto VELENO DELLA VITA, che si iniziano ad usare, ed ingoiare inconsapevolmente, fin dalla tenera età, in quanto contenuto nei dentifrici il primo, ed usato come pentole e padelle il secondo, usati con costanza giornaliera, Per il secondo, la stagnola, e contenitori usati per i CIBI, sia dalle industrie che in cucina. Il FLUORURO DI SODIO ha a che fare con l'ALLUMINIO in quanto lo scarto della lavorazione di questo metallo, che giocando sulla DISINFORMAZIONE dichiarano di voler apportare FLUORO per i denti.
FALSO! è dimostrato chiaramente su questa pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... sangue.htm


L'articolo recita:
Riporto questo post che descrive con chiarezza una delle malattie considerata inguaribile, la EPILESSIA.
Prima di tutto l'articolo in oggetto informa che il caso è recente, quindi recita:
"Ricevuto: 2 maggio 2019 / Revisionato: 14 giugno 2019 / Accettato: 14 giugno 2019 / Pubblicato: 16 giugno 2019
Astratto
(1) Introduzione: L'esposizione umana all'alluminio è un problema fiorente. Nel 1988, la popolazione della città della Cornovaglia di Camelford fu esposta a livelli estremamente alti di alluminio nella sua fornitura di acqua potabile. Qui forniamo la prova che l'alluminio ha avuto un ruolo nella morte di un residente di Camelford a seguito dello sviluppo dell'epilessia ad esordio tardivo. (2) Sommario del caso: abbiamo misurato il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale in questo individuo e abbiamo dimostrato accumuli significativi di alluminio nell'ippocampo (4,35 (2,80) µg / g di peso secco) e nel lobo occipitale (2,22 (2,23) µg / g dry wt., media, SD, n = 5), quest'ultimo associato a calcificazioni anormali. La microscopia a fluorescenza specifica dell'alluminio ha confermato la presenza di alluminio in entrambi questi tessuti e ha effettuato l'osservazione coerente delle cellule gliali caricate con alluminio in stretta prossimità di detriti cellulari / neuronali ricchi di alluminio."
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... civita.htm
L'articolo recita:
"L'articolo in oggetto scrive:
"C'è una lunga (e forse deplorevole) storia dell'iniezione di sali di alluminio nel tessuto cerebrale in modelli animali (compresi i primati) di epilessia umana. In quest'ottica, potrebbe essere sorprendente che la nostra recente ricerca ( www.mdpi.com/1660-4601/16/12/2129 ) sia la prima a misurare e identificare l'alluminio nell'epilessia umana."
Faccio presente che questo articolo è riferito ad un acquedotto particolare, dove la sorgente di questa acqua è tra le rocce di boxite contenente quindi tanto ALLUMINIO:
A dimostrazione cito altra parte che recita:
"Per quanto riguarda l'avvelenamento da alluminio a Camelford nel 1998, ora abbiamo studiato tre cervelli donati da soggetti esposti e abbiamo misurato l'alluminio elevato in tutti e tre."
In quegli anni non si sapeva ancora che l'ALLUMINIO è nocivo alla salute umana, infatti erano ancora di moda pentole e quant'altro per preparare i cibi.
Ora, dopo mie richieste, gli acquedotti il controllo fanno questo controllo periodicamente, onde correre eventualmente ai ripari.
Quindi consiglio a chi come me e mia moglie usiamo l'acqua dell'acquedotto da sempre di vivere tranquillo poichè questa nostra acqua è controllata regolarmente dagli addetti.ellule gliali caricate con alluminio in stretta prossimità di detriti cellulari / neuronali ricchi di alluminio."
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... aumana.htm
La pagina scrive:
"Ritengo che ogni mia parola sull'ALLUMINIO sia inutile, in quanto sappiamo TUTTI che fà parte di quei minerali pesanti, così chiamati perchè, anche se fanno parte del nostro pianeta, la loro unica prerogativa è quella di UCCIDERE la vita
Quindi mi permetto di riportare solo la GIUSTA informazione in proposito lasciando ad ognuno di voi le vostre personali conclusioni leggendo l'articolo in oggetto.

Altra pagina recita
"Riporto questo post che descrive con chiarezza una delle malattie considerata inguaribile, la EPILESSIA.
Prima di tutto l'articolo in oggetto informa che il caso è recente, quindi recita:
"Ricevuto: 2 maggio 2019 / Revisionato: 14 giugno 2019 / Accettato: 14 giugno 2019 / Pubblicato: 16 giugno 2019
Astratto
(1) Introduzione: L'esposizione umana all'alluminio è un problema fiorente. Nel 1988, la popolazione della città della Cornovaglia di Camelford fu esposta a livelli estremamente alti di alluminio nella sua fornitura di acqua potabile. Qui forniamo la prova che l'alluminio ha avuto un ruolo nella morte di un residente di Camelford a seguito dello sviluppo dell'epilessia ad esordio tardivo. (2) Sommario del caso: abbiamo misurato il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale in questo individuo e abbiamo dimostrato accumuli significativi di alluminio nell'ippocampo (4,35 (2,80) µg / g di peso secco) e nel lobo occipitale (2,22 (2,23) µg / g dry wt., media, SD, n = 5), quest'ultimo associato a calcificazioni anormali. La microscopia a fluorescenza specifica dell'alluminio ha confermato la presenza di alluminio in entrambi questi tessuti e ha effettuato l'osservazione coerente delle cellule gliali caricate con alluminio in stretta prossimità di detriti cellulari / neuronali ricchi di alluminio."

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... toccio.htm
Riguardo a questo ALLUMINIO usato anche per i CIBI come contenitori, nonostante si sappia che è un VELENO, la pagina recita:
"POVERI RAGAZZI!
... martellati dalla PUBBLICITA' SPAZZATURA di certe tv alle quali conta SOLO l'AUDITEL
Mi spiego:
Il 9 dicembre 2019, quindi pochi giorni fà, Max Laudadio ha intervistato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, sulla pericolosità dell'ALLUMINIO, ed ha parlato solo della stagnola, ma e le lattine di alluminio di TUTTE le bevande a portata di mano dei nostri ragazzi a cominciare dalla coca-cola?
Daranno loro mai la SALUTE?
l'intervistato parla di non tenere il cibo nella stagnola, ma nelle lattine che le bevande ci stanno anche mesi, saranno SALUTARI?
Il SISTEMA, quanto è FALSO ed INFINGARDO il SISTEMA!
Sono certo che passa inosservata questo interessamento al riguardo, anche perchè le industrie dell'alluminio sono POTENTI, ed al riguardo la pagina recita:
"I governi e gli istituti di medicina sono finanziati e controllati da queste grandi aziende che fatturano più di intere nazioni, non aspettare che lo dicano in televisione,"
Questa frase la trovi sotto.
Noi sappiamo che l'ALLUMINIO è causa di molti problemi di SALUTE.
Ho visitato molti castelli, dei quali le relative cucina.
Le pentole usate a quei tempi erano di RAME.
Ma il rame è anche nel SANGUE degli ANIMALI, e di conseguenza nella LINFA dei VEGETALI.
Ce lo dice la R.G.R. (Razione Giornaliera Raccomandata) del Ministero della Salute:
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagi ... 5_file.pdf

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... ionerg.htm
A quei tempi i medici erano una rarità, eppure la durata della vita era longeva.
Nel secolo scorso però a rimpiazzare il RAME, le pentole sono diventate di ALLUMINIO, ad un costo malto più basso.
In tutte le case le pentole di ALLUMINIO erano in abbondanza.
Però si è accorciata anche la vita delle persone.
Ora dato che si dice che ad allungare la vita è stata la medicina, ma questo non è altro che un SOGNO, ecco che alla luce della verità già nel secolo scorso hanno preso piede le pentole di acciaio, introdotte le quali sono state abbandonate quelle di alluminio, eliminando di conseguenza i danni causati da questo minerale.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... gevita.htm

Altra pagina recita:
"Prima di tutto, onde evitare che dopo le prime tre righe qualcuno, DROGATO di CAFFE', rinunci a leggere l'articolo fino in fondo, perchè considerato troppo lungo, allora riporto subito cosa si può fare contro queste INTOSSICAZIONI da alluminio.
E' naturale e comprensibile che la prima mossa verso la SALUTE è quella di eliminare dalla cucina TUTTI i prodotti contenenti alluminio, primo fra tutti la stagnola e poi tutti gli altri senza rimpianti.
Se la stagnola la si vuole usare, mettere il cibo nella pellicola e poi nella stagnola, evitando così il contatto diretto dei cibi al VELENOSO metallo
Naturalmente evitare come la peste i prodotti elencati nell'articolo in oggetto, ma, dato che non basta si deve correre ai ripari ingoiando gli "ALIMENTI ESSENZIALI" dei quali il primo è l'ACIDO ASCORBICO costantemente ogni giorno, il quale è LA BASE DELLA VITA SUL NOSTRO PIANETA, il quale sà benissimo come togliere l'individuo dagli impicci nei quali il suo CERVELLO STUPIDO lo trascina il più delle volte.
Ora dobbiamo tirare delle CONCLUSIONI riguardo agli "ALIMENTI ESSENZIALI" da me ingoiati con tanta costanza dal 1992, sopratutto abbondantemente nelle varie occasioni.
Devo riportare quanto scrive Linus Paulig sul suo libro dichiarato da Irwin stone:
"pagina 107/340------dice Irwin: 1) battericida, 2) disintossica, 3) controlla, 4) è innocuo
Irwin Stone (1972) ha descritto l'ACIDO ACORBICO in relazione alle malattie batteriche nel modo seguente:
1) E' battericida o batteriostatico e uccide o previene la crescita di organismi patogeni.
2) Disintossica e rende innocui le tossine batteriche ed i veleni.
3) controlla e mantiene efficace la fagocitosi.
4) E' innocuo ed atossico, senza danno per il paziente, gli effetti sopramenzionati.
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... nalelp.pdf
Nello specifico, l'articolo riporta di un altro "ALIMENTO ESSENZIALE" di nome ACIDO MALICO: che viene in aiuto agli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" come l'ACIDO ASCORBICO, il BORO ecc. che INSIEME formano le DIFESE IMMUNITARIE e mai da soli, di cui l'articolo riporta:
"Acido Malico – L’acido malico è uno dei più potenti disintossicanti dall’alluminio. Aiuta a ridurre la tossicità di alluminio per il cervello, e per questo motivo potrebbe essere utilizzato per aiutare nei casi di morbo di Alzheimer. L’acido malico ha dimostrato di aumentare l’escrezione fecale e urinaria di alluminio. Può anche ridurre la quantità di alluminio che si trova negli organi e nei tessuti del corpo. L’acido Malico si trova in natura, soprattutto nel rabarbaro, nell’aceto di mele e nel vino.
Cosa è l'ACIDO MALICO, e dove lo si trova?"
Wikipedia ci viene in aiuto e scrive:
"L’acido malico, noto anche come acido di mela o acido fruttico in quanto si ritrova nelle mele (in particolare nella buccia) ed in altra frutta, è un acido organico alfa-idrossilato, presente sia nelle piante che negli animali, incluso l'uomo. Sotto forma del suo anione, il malato, l'acido malico è l'intermedio chiave nel principale ciclo di produzione dell'energia cellulare, noto come ciclo di Krebs o ciclo dell'acido citrico, che si svolge all'interno dei mitocondri.
https://it.wikipedia.org/wiki/Acido_malico

Ora invece letto l'articolo in oggetto, la prima mia impressione, non sò la vostra, ma è quella di vivere in un "campo minato" preparato dai marines nelle guerre del passato, tanto l'ambiente è TOSSICO, VELENOSO e CATTIVO."
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ossico.htm
"Ma questo non è una volta ogni tanto, ma una azione COSTANTE di più volte al giorno per tutta una vita, iniziando dalla tenera età, e come si può pretendere che questo VELENO a contatto di organi DELICATISSIMI come gli OCCHI e le ORECCHIE passi senza lasciare danni irreversibili?
A questo punto, onde evitare fraintendimenti, devo riportare quanto scritto sul tubetto del dentifricio:
"Creando la DISINFORMAZIONE, ti dicono di CURARE i tuoi denti col FLUORO usando il FLUORURO DI SODIO "VELENO" PER I TOPI.
Tornando al tuo tubetto, troverai la scritta:
NON INGOIARE
LAVATI I DENTI SOLO 2 ( due) VOLTE AL GIORNO
SE UN BAMBINO NE INGOIA, PORTALO SUBITO DAL DENTISTA O DAL MEDICO.
COSA???????
Ma allora queste ultima tre scritte sono una dichiarazione di VELENOSITA' del mio dentifricio. altrimenti che ragione ci sarebbe di queste scritte come avviso?
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ordita.htm
Da dove entra per causare tutti questi danni?
Prima dalle mucose, abbondanti in bocca, ma il resto entra dai buchi del palato che sono collegati agli OCCHI, alle ORECCHIE ed anche al NASO.
Che è lo scarto della lavorazione dell'ALLUMINIO, ed è la trappola che ritengo più subdola che l'essere umano poteva escogitare.
Naturalmente altra trappola è il FORNO MICROONDE, in quanto funziona a RADIAZIONI come i raggi X degli ospedali o cliniche dedicate alla FALSA salute umana:
"Oggi 12 febbraio 2020, apro il gruppo "IL FORNO MICROONDE ED IL TUMORE AL SENO" perchè ho certezza che la maggior parte delle donne col tumore al seno usano o hanno usato il FORNO MICROONDE nella loro vita, perchè ritengo ne sia la principale VERA CAUSA.
In questo gruppo vengono accettate le sole donne, in quanto data la complessità di un censimento, quindi impossibile a farsi, la intenzione è di radunare più membri possibili consapevoli, a dimostrare la pericolosità di questa INVENZIONE UMANA detta COMODITA', affinchè questo FORNO A MICROONDE venga bandito consapevolmente dal genere umano e non sia un solo fatto di commercio e quindi di lucro.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ordita.htm
seguito dal "PRIMO FLAGELLO UMANO" detto CAFFE' in quanto DROGA-INSETTICIDA, che se si vuole smettere di berlo, si ha la stessa sensazione del cocaiomane, data la dipendenza.
La pagina recita:
"I Tannini
Il caffè torrefatto residua una notevole quantità di tannino, la cui presenza nell'organismo può provocare danno alla salute quale: diminuzione dell'accrescimento corporeo e dell'utilizzazione dell'azoto proteico (i tannini formano un legame specifico con le proteine). Ii tannini inattivano gli enzimi proteasi, lipasi ed amilasi, che svolgono nell'organismo una funzione insostituibile; la loro inibizione comporta interferenze negative nell'utilizzazione metabolica di molte sostanze nutritive. Un esempio di tale interferenza è dato dall'associazione del caffè (contenente anche tannino), con il latte (contenente proteine grassi e zuccheri); la spiegazione è che la caffeina, aumenta la secrezione gastrica (aumento della produzione di acido cloridico), mentre l'azione del tannino ostacola la digestione e l'assimilazione in particolare delle proteine ma anche degli altri componenti del latte. Inoltre i tannini sembrano influire negativamente sull'assorbimento di ioni metallici (oligoelementi).
Per concludere
Vi siete mai chiesti come mai quando andiamo dal medico e gli esponiamo i nostri problemi di salute una delle prime domande che il medico ci fa è: quanti caffè bevi in un giorno? E secondo di come gli risponderemo lui ci dirà:
hai problemi di stomaco? Non bere caffè
hai problemi alla vescica? E' meglio se rinunci al caffè
hai problemi alla prostata? Fai a meno del caffè
hai problemi al cuore? Non bere caffè
ecc. ecc.
Ma perché il "nostro" medico di famiglia non ci dice chiaramente che solo un organismo perfettamente sano tollera, e ripeto tollera, uno o due caffè al giorno? E che comunque sarebbe meglio farne a meno?
In verità quando beviamo un caffè, introduciamo nel nostro corpo una quantità di tossine per varietà e quantità molte volte superiore a quelle che introdurremmo mangiando un fungo tossico, anche se non letale.
Allora mi chiedo, mangereste tutti i giorni un fungo sapendo prima che il fungo è TOSSICO (ma con un buon sapore) o ne fareste a meno?...
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... ricoli.htm

....e non solo ma nel CAFFE' vi sono i minerali pesanti come descritto molto chiaramente su questo video:
https://www.facebook.com/groups/2363884 ... o&d=n&vh=e
Ma come farà a contenere questi minerali pesanti se nel chicco non possono esserci in quanto altrimenti il chicco morirebbe, in quanto nei semi non possono esserci che in caso morirebbero come ogni individuo vivente.
Questo chicco però viene tostato a 240°, questo però brucia sia il GERME che è la partenza per la futura pianta se seminato, che tutto il suo contenuto che è di TUTTI i semi al mondo.
Ne rimane SOLO la CAFFEINA, quindi neanche quì possono esserci i minerali pesanti, alluminio compreso, ma come potranno mai esserci nel CAFFE' finito?
CERTO, DOPO LA TOSTATURA ECCO L'AGGIUNTA DI QUESTI MICIDIALI PRODOTTI, NON PUO' ESSERE DIVERSO CHE CON L'AGGIUNTA.
Quindi concludo che si fà di tutto per ammalare le persone, anche drogandole e approfittando della dipendenza, anche AVVELENANDOLE.
La pagina recita:
"Quest'ultimo video dichiara il contenuto in METALLI PESANTI nel CAFFE', in ogni forma si usi.
A questo punto non ho più parole riguardo al tanto pubblicizzato, consigliato ed amato CAFFE', del quale si dice anche FALSAMENTE faccia parte della nostre tradizioni, dopo aver ascoltato questo video.
Prendetevi il vostro tempo, in quanto capirete perchè l'ho definito il
PRIMO FLAGELLO umano

cliccando su questo link:
https://www.facebook.com/groups/2363884 ... o&d=n&vh=e
dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... esanti.htm
ed ancora:
"In oggetto mi permetto di riportare l'articolo che parla della sentenza di un giudice in California USA, riguardo al CAFFE' e più esattamente al prodotto ritenuto CANCEROGENO denominato ACRILAMIDE che si sviluppa durante la tostatura di questa DROGA-INSETTICIDA.
Sulla pagina riporto anche cosa è questo PRODOTTO CHIMICO ACRILAMIDE ed in che occasione viene a formarsi in quantità molto nociva alla salute di chi beve questo CAFFE'.
Prima è da vedere questo video, è CHIARISSIMO.
https://www.youtube.com/watch?v=kq7W3I8aL-c
e da sentire questo
https://www.youtube.com/watch?v=-UBDSGhW0Go
dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... iroide.htm

Altre trappole che minano la SALUTE umana sono i "principi attivi", che sono proposti da chi dichiara di dedicarsi alla SALATE UMANA. Questa FALSITA' è dimostrata pienamente dal FOGLIETTO ILLUSTRATIVO ALLEGATO detto BUGIARDINO, ad ogni prodotto da questi personaggi proposto, che alla fine nessun individuo è mai guarito da questi PRODOTTI CHIMICI VELENOSI, dichiarato appunto da questo sopradetto FOGLIO ILLUSTRATIVO che ne elenca NON i benefici che apporta, in quanto benefici non ne apportano e non ne hanno apportato MAI, ma, e neppure tutte, le CONTROINDICAZIONI che causano.
Che queste CONTROINDICAZIONI non si vedano subito, ma solo col tempo, è un modo per salvarsi dalle responsabilità anche penali, e loro questo questi personaggi lo sanno molto bene.
L'altra prova inconfutabile sono le RICERCHE SCIENTIFICHE che dichiarano di aver fatto, le quali dImostrano chiaramente che sono PRODOTTI CHIMICI VELENOSI, in quanto che sui PRODOTTI NATURALI queste RICERCHE SCIENTIFICHE non vengono mai fatte.
Un chiaro esempio di RICERCHE SCIENTIFICHE fatte su un prodotto che tutti conosciamo molto bene:
l'ASPARTAME
che è aggiunto ai cibi dichiarati DIETETICI dedicati agli individuo OBESI e quelli DIABETICI.
NON HO PAROLE.

Iniziare portando cosa è l'ALLUMINIO per la vita sulla terra, ma che ormai sappiamo tutti aggiunto nei vaccini.
E pensare che le industrie che producono questo ALLUMINIO fatturano più di una nazione. dall'articolo.

Pertanto detto questo mi chiedo, e non riesco a comprendere il perchè, questo ALLUMINIO, detto MINERALE PESANTE, nemico della vita, possa finire in tutto ciò che in un modo o nell'altro nel corpo umano, iniziando dallo scarto della lavorazione denominato FLUORURO DI SODIO,ma che continuando finisce come contenitore del CIBO UMANO.
Non solo ma è in commercio ed usato in mille modi, come contenitore per i dolci, usato della pasta fresca come contenitore dei vari CIBI, stampato in mille forme, che trasmette a questi CIBI le sue particelle MALEFICHE.
Senza contare come stagnola in cucina la quale è usata per cuocere il pesce al cartoccio, trasmettendo a questo pesce queste sue particelle MALEFICHE.

Una pagina recita:
"Ho già riportato alcuni articoli che ci informano della tossicità dell'ALLUMINIO, ma ho avuto sottomano questo che pare voglia sollevare questo metallo dalla pericolosità per i cibi che moltissime persone conservano, cuociono o riscaldano, inconsapevoli dei danni che questo metallo causa.
L'ho ritenuto utile, proprio perchè conferma che usare questo metallo in cucina, egli deve essere trattato con le molle facendo attenzione a molte cose delle quali TUTTI dovrebbero conoscere.
Quindi è proprio l'autore di questo articolo in oggetto che ci fà capire gli errori che facciamo, trovandoci poi con dei problemi di SALUTE non indifferenti quale l'alzhaimer, la perdita di memoria e molto altro.
Mi permetto di citare la frase che recita:
"Ma, c’è un ma. Spesso l’alluminio è stato accusato di essere nocivo per la salute. Il rischio evidenziato è che particelle di alluminio possano migrare dai contenitori al cibo contaminandolo e rendendolo tossico per l’uomo, pericoloso in particolare per cervello e reni. L’Istituto Superiore di Sanità ha condotto un ampio studio per capire se e in quali condizioni l’alluminio può effettivamente diventare dannoso per la salute e ha individuato alcuni casi, specifici e limitati, sulla base dei quali sono state stilate poi delle avvertenze – che a norma di legge devono essere riportate, ad esempio, sulle tutte le confezioni di carta argentata – che permettono un uso sicuro dell’alluminio in cucina. Gli elementi fondamentali da prendere in considerazione sono tre: temperatura, tempo di contatto e natura del cibo."
che,sinceramente non sono cuoco, ma non mi risulta che queste avvertenze siano alla portata di tutti, e capisco anche il perchè:
TROPPI INTERESSI CI GIRANO ATTORNO, MA NON E' PER LA SALUTE UMANA.
A questo punto devo informare che, dopo ricerche approfondite, ho scoperto che la maggior parte dei ristoranti usano pentolame in ALLUMINIO, quindi posso capire che chi ha l'abitudine di cibarsi sovente nei ristoranti, col tempo rischiano problemi di SALUTE non indifferenti.

A questo punto sono certo che ogni parola sia inutile in quanto per chi ci tiene alla sua SALUTE L'ATTENZIONE DEVE ESSERE AL MASSIMO.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... cucina.htm

La ricerca ha dimostrato che il progressivo inquinamento ambientale ed alimentare che accompagna e caratterizza la società industrializzata mette in crisi il nostro sistema detossificante.

L’intossicazione da metalli pesanti produce una diffusione di malattie cronico-degenerative, quali cancro, immunodeficienze, autismo, Alzheimer e la comparsa di sintomatologie difficilmente inquadrabili.

I metalli tossici, mercurio, piombo, alluminio, cadmio,arsenico sono certamente i principali responsabili e purtroppo il loro ruolo non viene interpretato dalla medicina specialistica. I metalli tossici sono sostanze inquinanti che penetrano in maniera insidiosa nel nostro organismo attraverso cibi, bevande, aria atmosferica, abiti e trasporti.

I metalli si accumulano lentamente e progressivamente negli organi (ossa, fegato, rene, SNC, tessuto adiposo) e nei tessuti dove svolgono la loro azione dannosa. L’ eccesso di metalli nel nostro corpo blocca l’attività di numerosi complessi enzimatici a molti e diversi livelli con conseguente danno metabolico ed energetico inducendo una vasta gamma di sintomi spesso di difficile interpretazione.
Alluminio e malattie cerebrali

La neurotossicità dell’Alluminio è nota fin dal secolo scorso.

L’Alluminio è molto diffuso sulla terra rappresentando il terzo elemento (8,3%) dopo Ossigeno e Silicio ma non svolge alcuna funzione utile per il nostro organismo. L’Alluminio non si trova libero in natura ma sotto forma di composti. Il minerale in cui è maggiormente presente è la bauxite roccia rosso brunastra da cui viene estratto con un processo di lavorazione complesso e altamente inquinante.

Il boom dell’alluminio è iniziato dopo la prima guerra mondiale quando le industrie belliche cominciarono a modificare i loro cicli di produzione costruendo stoviglie e utensili di ogni tipo grazie alla duttilità e malleabilità dell’alluminio.

Per le sue caratteristiche l’alluminio viene oggi utilizzato per la produzione di stoviglie; rotoli e vaschette in alluminio per la conservazione e cottura dei cibi; contenitori di caffè, biscotti e cioccolata; lattine per bibite; pesce conservato in scatolette di alluminio. L’Alluminio è presente anche in molti vaccini (come eccipiente e conservante), farmaci (antiacidi e antidiarroici), deodoranti, dentifrici, saponi e nell’acqua potabile.
Le fonti di contaminazione

Sono il cibo (circa il 95%), la pianta del thè ne accumula grandi quantità dal terreno e dall’acqua, utensili, involucri (molto pericolosa la cottura dei cibi al cartoccio, dato che l’allumino riscaldato rilascia più facilmente particelle), cibi raffinati (additivi alimentari, latte artificiale), preparati per dolci, farmaci e vaccini.

La ricerca scientifica ha dimostrato l’estrema pericolosità della esposizione cronica all’alluminio anche a basso dosaggio e soprattutto la costante associazione tra alluminio e patologie caratterizzate da disturbi mentali quali Alzheimer, Parkinson, SLA, sclerosi multipla, demenza, etc.

L’assunzione giornaliera non dovrebbe superare i 20 mg mentre una compressa di aspirina ne contiene 10 – 52 mg.

L’Alluminio una volta penetrato nel nostro organismo inibisce gli enzimi destinati alla detossificazione e interferisce sulla funzione dei globuli rossi.

Recentemente ho sottoposto un centinaio di Pazienti affetti da sclerosi multipla a dosaggio dei metalli tossici dopo somministrazione endovenosa di EDTA ed in tutti ho rilevato valori molto elevati (da 4 a 30 volte superiori ai limiti ritenuti normali) di Alluminio il che confermerebbe la neurotossicità di questo metallo e la sua compartecipazione nella genesi della patologia (causa ambientale). La rimozione di tale metallo ha determinato un netto miglioramento della sintomatologia in questo gruppo di Pazienti.

Ecco il video dell’intervento del Dr. Zanella al XVI Convegno medico-scientifico internazionale – Bologna 10/09/2011, dal titolo Alluminio, Sclerosi Multipla e Terapia Chelante.

La ricerca ha dimostrato che il progressivo inquinamento ambientale ed alimentare che accompagna e caratterizza la società industrializzata mette in crisi il nostro sistema detossificante.

L’intossicazione da metalli pesanti produce una diffusione di malattie cronico-degenerative, quali cancro, immunodeficienze, autismo, Alzheimer e la comparsa di sintomatologie difficilmente inquadrabili.

I metalli tossici, mercurio, piombo, alluminio, cadmio,arsenico sono certamente i principali responsabili e purtroppo il loro ruolo non viene interpretato dalla medicina specialistica. I metalli tossici sono sostanze inquinanti che penetrano in maniera insidiosa nel nostro organismo attraverso cibi, bevande, aria atmosferica, abiti e trasporti.

I metalli si accumulano lentamente e progressivamente negli organi (ossa, fegato, rene, SNC, tessuto adiposo) e nei tessuti dove svolgono la loro azione dannosa. L’ eccesso di metalli nel nostro corpo blocca l’attività di numerosi complessi enzimatici a molti e diversi livelli con conseguente danno metabolico ed energetico inducendo una vasta gamma di sintomi spesso di difficile interpretazione.

Alluminio e malattie cerebrali

La neurotossicità dell’Alluminio è nota fin dal secolo scorso.

L’Alluminio è molto diffuso sulla terra rappresentando il terzo elemento (8,3%) dopo Ossigeno e Silicio ma non svolge alcuna funzione utile per il nostro organismo. L’Alluminio non si trova libero in natura ma sotto forma di composti. Il minerale in cui è maggiormente presente è la bauxite roccia rosso brunastra da cui viene estratto con un processo di lavorazione complesso e altamente inquinante.

Il boom dell’alluminio è iniziato dopo la prima guerra mondiale quando le industrie belliche cominciarono a modificare i loro cicli di produzione costruendo stoviglie e utensili di ogni tipo grazie alla duttilità e malleabilità dell’alluminio.

Per le sue caratteristiche l’alluminio viene oggi utilizzato per la produzione di stoviglie; rotoli e vaschette in alluminio per la conservazione e cottura dei cibi; contenitori di caffè, biscotti e cioccolata; lattine per bibite; pesce conservato in scatolette di alluminio. L’Alluminio è presente anche in molti vaccini (come eccipiente e conservante), farmaci (antiacidi e antidiarroici), deodoranti, dentifrici, saponi e nell’acqua potabile.
Le fonti di contaminazione

Sono il cibo (circa il 95%), la pianta del thè ne accumula grandi quantità dal terreno e dall’acqua, utensili, involucri (molto pericolosa la cottura dei cibi al cartoccio, dato che l’allumino riscaldato rilascia più facilmente particelle), cibi raffinati (additivi alimentari, latte artificiale), preparati per dolci, farmaci e vaccini.

La ricerca scientifica ha dimostrato l’estrema pericolosità della esposizione cronica all’alluminio anche a basso dosaggio e soprattutto la costante associazione tra alluminio e patologie caratterizzate da disturbi mentali quali Alzheimer, Parkinson, SLA, sclerosi multipla, demenza, etc.

L’assunzione giornaliera non dovrebbe superare i 20 mg mentre una compressa di aspirina ne contiene 10 – 52 mg.

L’Alluminio una volta penetrato nel nostro organismo inibisce gli enzimi destinati alla detossificazione e interferisce sulla funzione dei globuli rossi.

Recentemente ho sottoposto un centinaio di Pazienti affetti da sclerosi multipla a dosaggio dei metalli tossici dopo somministrazione endovenosa di EDTA ed in tutti ho rilevato valori molto elevati (da 4 a 30 volte superiori ai limiti ritenuti normali) di Alluminio il che confermerebbe la neurotossicità di questo metallo e la sua compartecipazione nella genesi della patologia (causa ambientale). La rimozione di tale metallo ha determinato un netto miglioramento della sintomatologia in questo gruppo di Pazienti.

Ecco il video dell’intervento del Dr. Zanella al XVI Convegno medico-scientifico internazionale – Bologna 10/09/2011, dal titolo Alluminio, Sclerosi Multipla e Terapia Chelante.

Ti interessano le nostre notizie? Da oggi puoi seguire le nostre news DIRETTAMENTE SU GOOGLE NEWS CLICCANDO LA STELLINA su SEGUI!
Veleni in cucina

Molto spesso, dopo aver sottoposto nuovi Pazienti al dosaggio dei metalli tossici il quale evidenzia valori patologici, la domanda che mi sento spesso porre è la seguente: «Ma come e da dove posso aver assunto tutti questi veleni?» Tralasciando le fonti di intossicazione professionale e accidentale, un ruolo importante nella contaminazione da metalli tossici riveste la quotidiana alimentazione.

Infatti fin dal nostro risveglio siamo bombardati dai metalli iniziando con l’ingestione di un buon caffè contenuto in sacchetti di alluminio e contaminato dal rilascio del metallo dalla maggior parte delle caffettiere casalinghe costruite in alluminio. Non creda di salvarsi chi quotidianamente assume una tazza di thè a colazione poiché la pianta del thè ne contiene grandi quantità nelle sue foglie. Mangiamo qualche biscotto che nella stragrande maggioranza dei casi è contenuto in sacchetti rivestiti all’interno da alluminio. A metà mattina per la pausa caffè possiamo ingerire un’altra piccola dose di metalli attraverso l’ingestione di prodotti da forno conservati in alluminio e formaggini rivestiti dall’onnipresente alluminio.

Finalmente arriva l’ora del pranzo e anche qui non abbiamo che l’imbarazzo della scelta: cibi cotti in tegami che riscaldati rilasciano alluminio, alimenti conservati e cotti nelle vaschette di alluminio, patate o altri cibi al cartoccio avvolti nella pellicola di alluminio. Beviamo qualche bicchiere d’acqua dal rubinetto di casa contenente piombo rilasciato da vecchie tubature e alluminio che viene utilizzato nel trattamento delle acque per rimuovere particelle e microrganismi.

Per la merenda possiamo scegliere tra un succo di frutta o una bibita rigorosamente in lattina di alluminio e un pezzetto di cioccolato avvolto da alluminio.

Non parliamo poi della cena e se magari per placare la nostra sete possiamo bere una birra conservata in lattina di alluminio?

E se, alla fine di questo bollettino di guerra, vi è venuta una comprensibile gastrite, nessun problema, potrete sempre assumere un comune antiacido, naturalmente ricco di Alluminio!

Veleni in cucina

Molto spesso, dopo aver sottoposto nuovi Pazienti al dosaggio dei metalli tossici il quale evidenzia valori patologici, la domanda che mi sento spesso porre è la seguente: «Ma come e da dove posso aver assunto tutti questi veleni?» Tralasciando le fonti di intossicazione professionale e accidentale, un ruolo importante nella contaminazione da metalli tossici riveste la quotidiana alimentazione.

Infatti fin dal nostro risveglio siamo bombardati dai metalli iniziando con l’ingestione di un buon caffè contenuto in sacchetti di alluminio e contaminato dal rilascio del metallo dalla maggior parte delle caffettiere casalinghe costruite in alluminio. Non creda di salvarsi chi quotidianamente assume una tazza di thè a colazione poiché la pianta del thè ne contiene grandi quantità nelle sue foglie. Mangiamo qualche biscotto che nella stragrande maggioranza dei casi è contenuto in sacchetti rivestiti all’interno da alluminio. A metà mattina per la pausa caffè possiamo ingerire un’altra piccola dose di metalli attraverso l’ingestione di prodotti da forno conservati in alluminio e formaggini rivestiti dall’onnipresente alluminio.

Finalmente arriva l’ora del pranzo e anche qui non abbiamo che l’imbarazzo della scelta: cibi cotti in tegami che riscaldati rilasciano alluminio, alimenti conservati e cotti nelle vaschette di alluminio, patate o altri cibi al cartoccio avvolti nella pellicola di alluminio. Beviamo qualche bicchiere d’acqua dal rubinetto di casa contenente piombo rilasciato da vecchie tubature e alluminio che viene utilizzato nel trattamento delle acque per rimuovere particelle e microrganismi.

Per la merenda possiamo scegliere tra un succo di frutta o una bibita rigorosamente in lattina di alluminio e un pezzetto di cioccolato avvolto da alluminio.

Non parliamo poi della cena e se magari per placare la nostra sete possiamo bere una birra conservata in lattina di alluminio?

E se, alla fine di questo bollettino di guerra, vi è venuta una comprensibile gastrite, nessun problema, potrete sempre assumere un comune antiacido, naturalmente ricco di Alluminio!
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... iintos.htm
.
.


16 giu 2020, 15:16
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)