Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 09 lug 2020, 05:00


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Vitamina C e salute. Quanta ne serve davvero per ottenere i 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 1434
Località: Saluzzo
Messaggio Vitamina C e salute. Quanta ne serve davvero per ottenere i
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... oiarne.htm
Per le pagine precedenti o le successive se non le vedi più:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... edenti.htm

La prima cosa che dobbiamo pensare quando ci chiediamo quanto ACIDO ASCORBICO possiamo ingoiare giornalmente, volendolo fare, è di ricordarci che TUTTI gli esseri viventi se lo AUTOPRODUCONO TUTTA LA LORO VITA, VEGETALI compresi. Difatti la medicina ti dice che se vuoi ingoiare vitamina C devi ingoiare frutta e verdura.
Questo deve essere un punto fermo e di partenza per arrivare ad una buona realtà.
Infatti l'unico essere vivente (altri 4 animali come noi) a non AUTOPRODURSELO più è la razza umana, per motivi che nessuno potrà mai sapere e che alla fine non importa a nessuno.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... omanca.htm

Questo disegno è dello SCIENZIATO del secolo scorso Irvin Stone che l'ACIDO ASCORBICO lo ha ingoiato e studiato per più di 50 anni.
Però possiamo determinare senza ombra di dubbio che se tutti gli altri individui viventi se lo AUTOPRODUCONO è perchè >Madre >Natura e la EVOLUZIONE hanno ritenuto che farlo è IMPORTANTISSIMO e ne và della loro vita.
Ma se è IMPORTANTISSIMO per loro, ho certezza che sarebbe IMPORTANTISSIMO anche per l'uomo
Fissato anche questo parametro, ora di parametri ne abbiamo 3 (tre):
il primo è che TUTTI gli esseri viventi selo AUTOPRODUCONO
il secondo è che si può dire che solo la razza umana NON SE LO AUTOPRODUCE PIU'
il terzo parametro è che è IMPORTANTISSIMO per ogni essre vivente, uomo compreso, dato che arriviamo TUTTI dalla medesima fonte.
La pagina recita:
"E per noi "terrestri", la pagina recita:
"Ma non si ricorda che nella quarta o quinta elementare, informandoci della EVOLUZIONE, i maestri ci hanno detto che ad un certo punto di questa, molto tempo fà, avvenne la GRANDE SEPARAZIONE in REGNO ANIMALE e REGNO VEGETALE?
Cosa vuol dire questo?
Che prima della GRANDE SEPARAZIONE TUTTI GLI ESSERI VIVENTI ERANO UNA COSA UNICA, non può essere diverso, vero?
Altrimenti non avrebbe potuto avvenire la GRANDE SEPARAZIONE.
Allora vuol anche dire che TUTTE le SPECIE ANIMALI o VEGETALI, provenendo da una unica fonte, hanno bisogno degli stessi "ALIMENTI ESSENZIALI" che le medicina chiama "integratori", che in primis, circolando nel SANGUE degli ANIMALI ma circolano anche nella LINFA dei VEGETALI. Sono poi nel liquido seminale maschile chiamato SPERMA per gli ANIMALE, e nel GERME per i VEGETALI, che è da questi ultimi che parte la VITA di entrambi i REGNI, quindi LA CONTINUAZIONE DELLE SPECIE. Però ci hanno anche detto che li unisce un fatto IMPORTANTISSIMO: LA CATENA ALIMENTARE, per cui l'ANIMALE ingoia il VEGETALE e viceversa. Quindi questo fatto dimostra chiaramente che per CIBARCI abbiamo bisogno di OGNI ESSERE VIVENTE, NESSUNO ESCLUSO.
MOTIVO FINALE per il quale ogni individuo di qualsiasi specie esso sia, compreso per l'Homo Sapiens, è venuto al mondo.
Di questo SEMPLICISSIMO motivo, ho certezza che gli individui della SPECIE UMANA, non ne sono informati, ma SOLO LO STUPIDO CERVELLO NON LO SA', in quanto i corpi di entrambi i sessi lo sanno benissimo, ed è alla MATURAZIONE che ogni corpo inizia a GENERARE l'uno ed a PRODURRE l'altra, lo SPERMATOZOO il primo e l'OVULO la seconda, per l'UNICO VERO MOTIVO per cui è nato.
Naturalmente per il maschio, prima il suo corpo PRODUCE quel liquido seminale nel quale poi può GENERARE quello spermatozoo che è l'inizio della vita ANIMALE.
A questo punto, chiedo scusa, ma voglio premettere che non sono maschilista, anzi mi vergogno che esista questa parola, in quanto profittare dell'altro sesso per i propri porci comodi è INQUALIFICABILE SEMPRE E COMUNQUE, anche perchè questo sesso è quello che in pratica dà al maschio la possibilità di compiere quell'UNICO scopo per il quale è venuto alla vita.
Per essere preciso, personalmente mi paragono ad un FUCO, che nelle api, dopo aver fecondato la regina, diventa inutile mantenerlo in vita, poichè l'anno successivo, di maschi ne nascono altri che saranno pronti a compiere lo stesso dovere di questi, anzi più giovani e più forti di questi se rimanessero in vita, mentre no, la EVOLUZIONE di questa specie, vuole che dopo aver compiuto il loro dovere, i FUCHI MUOIANO, perchè per la maggior parte di loro, non sono in grado di ritornare all'alveare, oppure uccisi dalle api al ritorno. Solo qualcuno ha la fortuna di vivere ancora.
Incontestabile, fino a quì. vero?"
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... rvello.htm

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... areora.htm

Chiarito anche questo importantissimo fatto, ora con questi possiamo iniziare le nostre ricerche.
Fatte le dovute ricerche, ho trovato una informazione che ritengo utilissima per determinare la eventuale dose da ingoiare giornalmente:
Da un libro di Irwin Stone ho rilevato un fatto che chiarisce ancora di più il fatto della quantità giornaliera AUTOPRODOTTA dagli esseri viventi che fanno parte del REGNO ANIMALE come noi:
Riporto esattamente:
"pagina 4/7------meccanismo biochimico ereditario FEEDBAK
I mammiferi con il gene intatto del GLO posseggono anche un meccanismo biochimico ereditario feedback, che aumenta la sintesi di ACIDO ASCORBICO da parte del fegato in risposta alle varie tipologie di stress. Questo meccanismo di feedback fu un'importante fattore nell'assicurare ai mammiferi la sopravvivenza e la dominazione sulla terra negli ultimi 165 milioni di anni di evoluzione. Alcuni miei studi indicano come alcuni grandi gruppi di mammiferi si estinsero durante questo periodo, in quanto incapaci di produrre una dose giornaliera sufficiente di ACIDO ASCORBICO che avrebbe garantito loro la sopravvivenza. L'Homo Sapiens ha pagato un forte tributo in termini di decessi, malattie e debolezze durante gli ultimi milioni di anni di evoluzione, cercando di sopravvivere senza i benefici derivanti dal gene intatto del GLO. Considero l'Homo Sapiens come mammifero più a rischio, prevedendo la sua estinzione nel ventunesimo secolo a causa dell'inquinamento da sovrappopolamento, a meno che non decida di prendere in mano il proprio destino evolutivo e si trasformi nella sua robusta, l'Homo Sapiens Ascorbicus."
...ed ancora:
"pagina 3/7------chi assume diventa più intelligente rilevato dai suoi dipendenti
A partire dagli anni '30, quando l'ACIDO ASCORBICO divenne commercialmente disponibile, io e la mia famiglia diventammo le cavie di noi stessi, sperimentando gli effetti di queste mega dosi sulla nostra salute e sul nostro benessere. Al diminuire del prezzo dell'ACIDO ASCORBICO aumentarono le nostre dosi giornaliere. Sviluppai presto anche una terapia, efficace al 95% secondo i miei test, per interrompere il comune raffreddore. Non ho mai avuto un raffreddore per oltre quarant'anni. A partire dalla metà degli anni quaranta ho avuto nel mio laboratorio confezioni da 100 grammi circa di ACIDO ASCORBICO e di ASCORBATO DI SODIO, che vendevo ai miei impiegati al prezzo di costo. Notai un calo di assenteismo dovuto a malattia e quando erano al lavoro era come se avessero più stima, erano meno stanchi e sembravano più intelligenti delle loro "SCORBUTICHE" controparti.

pagina 3/7------le dosi ingerite causa il suo incidente e guarigione
Nel maggio del 1960, all'incontro di Mineapolis, fui eletto Vice Presidente della società Americana dei mastro birrai, un'associazione alla quale ho partecipato a lungo. Questo significava che sarei diventato presidente nel 1962-63. Dopo l'incontro decidemmo di trascorrere una vacanza alle Blak Hills, Sud Dakota e visitare il monte Rushmore ma non ci arrivammo mai. Fuori Rapid Citym Sud Dakota, fummo vittime di un grave incidente automobilistico, in cui un ubriaco che guidava contromano a 150 km/h fece una collisione frontale con la nostra vettura. Mia moglie ed io fummo gravemente feriti e l'unica ragione per cui ci salvammo fu che prendevamo regolarmente mega dosi di ACIDO ASCORBICO da decenni. Non andammo mai in shok profondo, condizione letale per la maggior parte delle vittime di incidenti, e fui personalmente in grado di verificare le notevoli qualità curative dell'ascorbato, assumendone una dose di 50 fino a 60 grammi al giorno durante la nostra convalescenza. Mia moglie si rimise presto e mi fece da "infermiera". Subii cinque operazioni serie senza nessun trauma chirurgico e le mie numerose lesioni alle ossa guarirono così in fretta che fui in grado di lasciare l'ospedale in meno di tre mesi; fare un viaggio in treno di verso casa per più di 3500 km e solo dopo ancora due mesi essere già in grado di tornare al lavoro nel mio laboratorio. Lasciai l'ospedale coi miei mezzi, con le stampelle, camminando con delle gambe che il dottore predisse non sarei stato in grado di usare per almeno un anno. La mia laringe fu danneggiata da una parte del volante che mi ferì profondamente la gola e i dottori persero la speranza, dicendomi che non avrei più proferito parola. Con l'aiuto di megadosi di ascorbati, risolsi lentamente il problema e fui in grado di riprendere a tenere discorsi pubblici in qualità di presidente della società scientifica, anche se con tono di voce leggermente diverso. Se chiedete a mia moglie vi dirà che ora parlo anche troppo."
...e continua:
"pagina 5/7------carenza di ACIDO ASCORBICO anche per i cani ed i gatti
Nel 1975, in collaborazione con un mio caro amico, Wendell O.Belfield, Dottore in Veterinaria, scrissi una relazione per dimostrare il bisogno e gli ottimi risultati della terapia mega-ascorbica ottenuti in cani e gatti, nonostante essi siano dotati di gene intatto GLO. Scoprimmo che cani e gatti producono scarse dosi giornaliere di ACIDO ASCORBICO nel loro fegato, circa un quinto della quantità prodotta da altri mammiferi con il gene intatto del il GLO. Per molti anni Wendell continuò, da solo e con grande successo, ad utilizzare i mega-ascorbici nella cura del cimurro e della displasia dell'anca in cani di grande taglia. Recentemente ha anche risolto con dosi mega-ascorbiche, il problema della leucemia felina, prima causa di morte infantile nei gatti. Wendell, come i suoi colleghi nella medicina umana, ebbe problemi con le istituzioni mediche veterinarie. I suoi due libri sui cani (1981) e sui gatti (1983) sono dei classici per mantenere queste due razze in buona salute."
http://digilander.libero.it/genfranco/I ... 50anni.pdf

E questo è per il REGNO ANIMALE, mentre per il REGNO VEGETALE scrive:
"pagina 1/10------sostanza fondamentale
L'ACIDO ASCORBICO è una sostanza ubiquitaria fondamentale nel processo vitale. Tutti gli organismi viventi o la producono o la prendono dal nutrimento oppure periscono. I sistemi enzimatici per la produzione dell'ACIDO ASCORBICO sono di antica origine e si sono formati molto presto nello sviluppo del processo vitale su questo pianeta, probabilmente mentre le forme più altamente sviluppate erano ancora forme primitive unicellulari.
pagina 1/10------solo embrione ma produce molto ACIDO ASCORBICO
L'evidenza della embriologia sia delle piante che degli animali corrobora questo punto di vista dal momento che il seme dormiente della pianta e l'uovo dell'animale sono privi di ACIDO ASCORBICO. C'è una produzione immediata di ACIDO ASCORBICO nel seme che germina o nell'uovo in sviluppo, perfino quando l'embrione non è niente più che un grumo di alcune cellule.
pagina 1/10------alta produzione sia in piante che animali
Anche la sua diffusa presenza in tutti gli odierni organismi pluricellulari, sia piante che animali, lo testimonia. Possiamo anche dedurre che la produzione di ACIDO ASCORBICO era ben sviluppata prima che gli organismi viventi divergessero nelle forme di piante e di animali.
pagina 2/10------RENI E FEGATO
Il luogo degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico nei vertebrati a sangue freddo, i pesci, gli anfibi ed i rettili, è nei reni. I più altamente attivi mammiferi a sangue caldo tutti sintetizzano il loro acido ascorbico nel fegato. Una delle principali funzioni dell’acido ascorbico nella fisiologia animale è il mantenimento della omeostasi biochimica sotto stress. Più grande è lo stress a cui è sottoposto l’animale, più acido ascorbico produce.
Circa 165 milioni di anni fa, quando la natura aveva in vista l’evoluzione dei più attivi e stressanti mammiferi, doveva essere presa una importante decisione morfologica e fisiologica. I reni, pure adeguati come sito di sintesi dell’acido ascorbico per i lenti vertebrati a sangue freddo, erano inadeguati per le aumentate richieste di acido ascorbico per i più altamente stressati mammiferi. La soluzione vincente di questo problema fu il trasferimento degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico dai
relativamente piccoli e biochimicamente affollati reni al più spazioso fegato, che è il più grande organo del corpo. Tutti gli odierni mammiferi capaci di sintetizzare acido ascorbico lo producono nel fegato perché ogni antica forma che non effettuò tale
passaggio era così handicappata biochimicamnte che fu eliminata dalle forze della evoluzione.
...racconta l'EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI E L'ACIDO ASCORBICO
e spiega la perdita di produrcelo autonomamente
pagina 6/10------l'ACIDO ASCORBICO è un metabolita per tutti gli animali e non una VITAMINA
Stone 20. Negli ultimi 60anni, l'ACIDO ASCORBICO è stato visto come"vitamina C" quando in realtà è un metabolita del fegato e certamente non una "vitamina" per la miriade di mammiferi che hanno intatto il gene per lo L-gulonolactone ossidase. Tali mammiferi non prendono lo scorbuto, anche se hanno una dieta completamente priva di vitamina C."
http://digilander.libero.it/genfranco/I ... turale.pdf

Difatti nessun essere vivente si reca dal suo simile per la salute, ma se non si AUTOGUARISSERO, nel mondo non ci sarebbe più la vita, poichè ogni specie si sarebbe ESTINTA.
Ma questa AUTOGUARIGIONE è anche per l'Homo Sapiens, difatti è quella che sfruttano i medici rifilandoti PERICOLOSI "principi attivi" pur di fare quattrini.
PERICOLOSO?
Questo non lo dico io, ma il relativo "foglio illustrativo" che NON ELENCA le malattie che cura, ma SOLO I DANNI CHE ARRECA QUESTO VELENO, purtroppo.
Me lo si può contestare?

Sono certo che fino a questo punto abbiamo chiarito la importanza di questo ACIDO ASCORBICO, detto dall'autore dell'articolo in oggetto vitamina C, per ogni essere vivente, sia del REGNO ANIMALE, del quale fà parte che la specie umana, e sia del REGNO VEGETALE, dei quali è LA BASE DELLA VITA.
Questa base per il REGNO ANIMALE è che questo ACIDO ASCORBICO è LA BASE DEL LIQUIDO SEMINALE MASCHILE da dove parte la vita di questo REGNO, mentre per il REGNO VEGETALE non può essere parte del GERME da dove parte la vita di questo REGNO, in quanto il seme non contiene acqua, la quale necessita all'ACIDO ASCORBICO per sciogliersi e compiere il compito a lui assegnato nell'individuo, ma, come scrive Irwin Stone riportato sopra::
""pagina 1/10------solo embrione ma produce molto ACIDO ASCORBICO
L'evidenza della embriologia sia delle piante che degli animali corrobora questo punto di vista dal momento che il seme dormiente della pianta e l'uovo dell'animale sono privi di ACIDO ASCORBICO. C'è una produzione immediata di ACIDO ASCORBICO nel seme che germina o nell'uovo in sviluppo, perfino quando l'embrione non è niente più che un grumo di alcune cellule.".
Mentre del liquido seminale maschile, la pagina recita:
"Ora però ti devo fare una domanda chiara: SAI PERCHE' SEI VENUTO AL MONDO?
Lo sai che il tuo passaggio su questa terra è perchè tu abbia modo di continuare la TUA SPECIE e quindi la SPECIE UMANA?
SIII?!?!?!? BENE, NE SONO FELICE.
Però ciò che purtroppo NON SAI e che invece devi sapere chiaramente, è che da questi "ALIMENTI ESSENZIALI" dipende questa tua possibilità, che tu sia maschio o che tu sia femmina. Lo scoprirai sotto, se avrai la voglia di ed tempo di capirlo. Scoprirai che l'ACIDO ASCORBICO è la BASE di quel liquido seminale maschile di TUTTI i maschi animali al mondo chiamato SPERMA. Scoprirai che questo ACIDO ASCORBICO insieme a tutti gli altri"ALIMENTI ESSENZIALI" essi permettono di GENERARE quello spermatozoo dal quale tuo figlio nascerà e dandoti un nipote potrà continuare la tua specie e che da questi dipende la NOSTRA SALUTE, questo perchè SONO LA BASE DELLA NOSTRA VITA.
QUINDI TI AVVISO CHE SE CHI GUIDA LE REDINI DEL MONDO VOLESSE IMPEDIRTI DI INGOIARE NEI CIBI O A CUCCHIAINI COME FACCIO DAL 1992, DATO CHE I CIBI NEI MOMENTI ATTUALI SONO CARENTI DI QUESTI "ALIMENTI ESSENZIALI", CAUSA LA RAFFINAZIONE INDUSTRIALE, EGLI COSI' FACENDO TI IMPEDIRA' QUESTA TUA CONTINUAZIONE, RENDENDO INUTILE LA TUA VENUTA AL MONDO, COME HA RESO INUTILE E VANA LA MIA, STERILIZZANDOMI CON I VACCINI NEGLI ANNI 60.
IN QUESTO CASO, LASCERAI FARE TERMINANDO LA TUA SPECIE O TI RIBELLERAI COME STO' FACENDO PERSONALMENTE OGNI GIORNO?
Eccoti chiaro il perchè della mia instancabile e continua INFORMAZIONE con ogni mezzo possibile a mia disposizione senza cercare nè guerre, nè rivoluzioni ma con la SOLA NOSTRA SALUTE.
...sono stato sterilizzato CON I VACCINI DELLA INFLUENZA E DEL TETANO negli anni 60 come puoi rilevare dal video che dice:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... eciale.htm

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... sperma.htm

Quindi, dato che la medicina ed anche l'articolo in oggetto ti dice che se vuoi ingoiare ACIDO ASCORBICO devi ingoiare frutta e verdura, è chiaro che per esempio una mela, per vere dentro di sè questo ACIDO ASCORBICO, qualcosa o qualcuno DEVE averglielo fornito, e chi se non la pianta madre? e come avrù mai fatto a fornirglielo?
Noi sappiamo che nella pianta circola un liquido chiamato LINFA, il quale parte dalle radici ed arriva ad ogni parte del suo corpo.
Oh ma allora ha le stesse funzioni del SANGUE ANIMALE, oh ma allora il SANGUE ANIMALE è UGUALE alla LINFA VEGETALE e questo ACIDO ASCORBICO circola liberamente in ogni individuo, sia ANIMALE che VEGETALE.

Così abbiamo definito senza ombra di dubbio che l'ACIDO ASCORBICO è IMPORTANTISSIMO per ogni essere vivente e che lui è LA BASE DELLA SUA VITA.
E' quindi comprensibile che la CARENZA può essere letale per ogni individuo vivente e ne fà fede la AUTOPRODUZIONE.

Come posso quindi equiparare il disegno riportato all'inizio pagina ed all'inizio dell'articolo in oggetto, il quale fissa delle dosi ipotetiche della BASE DELLA MIA VITA, e che riporta dei valori di ACIDO ASCORBICO o vitamina C, decisamente IRRISORI se li paragono alle AUTOPRODUZIONI di TUTTE le altre specie viventi, sia in ANIMALI che in VEGATALI, le quali alla necessità ne AUTOPRODUCONO la quantità necessaria per superare l'eventuale STRESS a cui sono sottoposti?

Se posso esprimere il mio pensiero, posso dichiarare senza problemi che l'autore vuole essere certo che la specie umana si ammali. Non importa di quale malattia, purchè si ammali.

Al riguardo mi permetto di riportare quanto scrive Irwin Stone sulle dosi giornaliere, sue e degli amici suoi che hanno circa la sua età:
"I mammiferi con il gene intatto del GLO posseggono anche un meccanismo biochimico ereditario di feedback, che aumenta la sintesi di acido ascorbico da parte del fegato in risposta alle varie tipologie di stress. Questo meccanismo di feedback fu un’importante fattore nell’assicurare ai mammiferi la sopravvivenza e la dominazione sulla terra negli ultimi 165 milioni di anni di evoluzione. Alcuni miei recenti studi indicano come alcuni grandi gruppi di mammiferi si estinsero durante questo periodo, in quanto incapaci di produrre una dose giornaliera sufficiente di acido ascorbico che avrebbe garantito loro la sopravvivenza. L’Homo Sapiens ha pagato un forte tributo in termini di decessi, malattie e debolezze durante gli ultimi milioni di anni di evoluzione, cercando di sopravvivere senza i benefici derivanti dal gene intatto del GLO. Considero l’”Homo” come il mammifero più a rischio, prevedendo la sua estinzione nel ventunesimo secolo a causa dell’inquinamento da sovrappopolamento, a meno che non decida di prendere in mano il proprio destino evolutivo e si trasformi nella sua robusta sottospecie, l’Homo Sapiens Ascorbicus. Leggete i miei documenti sull’”Homo Sapiens Ascorbicus”; ne ho pubblicati diversi sin dal 1979.
Vorrei mostrarvi a questo punto un campione di tre provette. La prima contiene la quantità di acido ascorbico che un essere umano di 70 kg produce giornalmente nel suo fegato. La provetta è vuota. La seconda è piena per più della metà di acido ascorbico, ovvero contiene 13.000 milligrammi ( 13 grammi ) che una capra di 70 kg, in condizioni normali, produce giornalmente nel suo fegato. In condizioni di stress la provetta non sarebbe abbastanza capiente da contenere tutto l’acido ascorbico prodotto. La terza piccola provetta contiene l’attuale RDA di acido ascorbico, 60 milligrammi appena sufficiente per coprire la base della provetta. Questa è l'assunzione giornaliera per adulti umani del peso di 70 kg raccomandato dai nutrizionisti, dai fisici e dal Consiglio per l’ Alimentazione e la Nutrizione dell’Accademia Nazionale delle Scienze di Washington. La mia dose giornaliera raccomandata di acido ascorbico si avvicinerebbe molto a quella sintetizzata quotidianamente dai mammiferi con il gene del il GLO intatto. In condizioni di stress le dosi devono essere incrementate Ho preso per molti anni circa 20 grammi di acido ascorbico giornalmente, oltre trecento volte l’attuale RDA, godendo sempre di ottima salute per tutto il periodo. Nelle mie pubblicazioni del 1983 relative agli effetti del regime mega-ascorbico sull’invecchiamento e sulla sindrome di Alzhaimer, cito come esempi lampanti del potere che l’acido ascorbico ha nel mantenere una lunga e sana vita attiva, senza malattie, i miei vecchi amici e colleghi: Albert Szent-Gyorgyi (età 91); Linus Pauling ( età 83); Frederick Klenner (età 77); me stesso (età 77). Stanno tutti lavorando ancora sodo e nessuno mostra la minima traccia di Alzhaimer. "
http://digilander.libero.it/genfranco/I ... 50anni.pdf
Che confermo personalmente da anni, ma che dopo l'intervento durante il quale mi hanno tolto un tumore al colon, le mie dosi giornaliere per medi sono state anche fino a 150 grammi al giorno per bocca.
Quindi è rilevabile la differenza della quantità consigliata dall'autore dell'articolo e le dosi ingoiate per moltissimi anni dagli SCIENZIATI citati dalla pagina precedente e che confermo, anche mie da moltissimi anni avendo iniziato nel 1992.

Ed ancora, dell'articolo sottolineo la parte che recita:
"Pertanto, anche individui definiti “sani” nei paesi industrializzati possono essere a rischio di carenza da vitamina C a causa di fattori legati allo stile di vita, come quelli che seguono una dieta squilibrata e le persone che affrontano periodi di eccessivo stress fisico o psicologico."

Che mi permetto di citare le parole:
"come quelli che seguono una dieta squilibrata"
della quale vorrei chiedere all'autore cosa intende per DIETA EQUILIBRATA.
Se intende ingoiare dei CIBI VELENOSI delle industrie esposti nei supermercati, sono certo che di !equilibrato" non trova paroprio NULLA, ma TUTTI CIBO VELENOSI.

L'articolo scrive:
"Asssumere vitamina C con la dieta."
Ma non si vuole capire che tra l'AUTOPRODURRE l'ACIDO ASCORBICO al bisogno ed ingoiarlo con la dieta la differenza è TOTALE, oppure l'autore dell'articolo non è proprio così informata su questo IMPORTANTISSIMO PRODOTTO, ma se non ha le basi necessarie, non riesco a capire perchè intavola questo discorso così pericoloso per la specie umana?
Ma no, lo capisco benissimo, ed è quello di NON FARTE INGOIARE, in quanto se tu hai la SALUTE, questo autore dottore, dove troverà ancora i clienti da spennare?

E poi riporta una foto con i valori di ACIDO ASCORBICO contenuti nella frutta e nella verdura, che riporta la frase:
"Vitamina C negli alimenti (100g)"
Ma non sà neppure che anche gli ANIMALI l'ACIDO ASCORBICO se lo AUTOPRODUCONO per tutta la loro vita?
Infatti gli eschimesi di frutta e verdura non ne vedono neanche l'ombra, eppure campano come tutti noi.
Certo, ma loro ingoiano pesce crudo con tanto ACIDO ASCORBICO come la frutta e la verdura.
Inoltre il contenuto di questo cibo è IRRISORIO, ma lei fà parte di quella medicina che non calcola la salute delle persone, ma solo il loro DIO DENARO.

Posso quindi concludere che l'articolo è completamente FALSO e vuole mantenere in CARENZA la persone che hanno la sfortuna di leggerlo, in quanto così facendo, saranno sempre IN MALATTIA per la fortuna degli addetti alla FALSA MEDICINA.
Solo alcuni giorni fà abbiamo dimostrato, senza ombra di dubbio, ciò che è VERO IN NATURA, e che non basta fregiarsi delle parola "scientifico" per scrivere la VERITA' sugli "ALIMENTI ESSENZIALI", che nel caso specifico si tratta del CLORURO DI MAGNESIO, un "ALIMENTO ESSENZIALE" descrivendolo UNA BUFALA, quindi DEMONIZZANDOLO.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... bufala.htm

La vitamina C (o acido ascorbico) è il più potente antiossidante idrosolubile nel nostro corpo ed è il principale antiossidante che agisce eliminando i radicali perossilici e prodotti ossidati plasmatici derivanti da proteine, carboidrati, lipidi ed acidi nucleici. Oltre alla funzione antiossidante, la vitamina C e’ indispensabile per la sintesi del collagene, sintesi di carnitina, entra in gioco nel metabolismo del ferro, aumentandone la assimilazione, inibisce la formazione di nitrosamine, che sono composti cancerogeni. Inoltre, la vitamina C e’ fondamentale per il sistema immunitario, dove contribuisce:

-alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari del sistema immunitario innato e adattivo

– a mantenere integra e funzionante la barriera epiteliale contro i patogeni.

– a migliorare la chemiotassi e il meccanismo di fagocitosi da parte dei neutrofili (globuli bianchi coinvolti nella difesa contro i patogeni, stimolando la produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS).

Pertanto una carenza di vitamina C compromette il sistema immunitario e determina una maggiore suscettibilità alle infezioni. A loro volta, le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C, che viene consumata durante il processo infiammatorio.

Come mantenere buoni livelli di vitamina C nel sangue e nelle cellule

Le concentrazioni plasmatiche di vitamina C dipendono da diversi fattori:

-assunzione con la dieta

-assorbimento di vitamina C da parte del tratto gastrointestinale

-distribuzione nei fluidi corporei e assorbimento da parte dei tessuti

-metabolismo irreversibile della vitamina C (utilizzo)

-escrezione della vitamina C da parte dei reni.

Tra tutte le variabili, la più importante, e’ l’assunzione con gli alimenti.

Una dieta che fornisce 100-200 mg/die di vitamina C e’ sufficiente a determinare livelli adeguati sia nel sangue che nelle cellule, senza necessità di supplementazione

Tuttavia cattive abitudini alimentari, stili di vita che limitano l’assunzione o aumentato fabbisogni in determinate fasi della vita, quali gravidanza, esposizione a sostanze inquinanti, fumo (sia attivo che passivo), malnutrizione (in eccesso o difetto) possono essere causa di ipovitaminosi C (vitamina C plasmatica <23 µmol/L), che e’ relativamente comune nelle popolazioni occidentali, o determinare una carenza, (vitamina C <11 µmol/L).

Pertanto, anche individui definiti “sani” nei paesi industrializzati possono essere a rischio di carenza da vitamina C a causa di fattori legati allo stile di vita, come quelli che seguono una dieta squilibrata e le persone che affrontano periodi di eccessivo stress fisico o psicologico.

La carenza di vitamina C determina una patologia della pelle, lo scorbuto, che oggi non più frequente, poiche’ per prevenirla bastano concentrazioni molto basse che assumiamo facendo una dieta corretta. Pertanto, la dose giornaliera raccomandata (RDA) di vitamina C, che varia a seconda del sesso, età e dallo stato individuale, e’ mirata a:

mantenere costanti i livelli ottimali nel sangue

assicurare livelli ottimali (saturazione) nelle cellule immunitarie

limitare l’eliminazione per escrezione urinaria

raggiungere una dose “ottimale” e non sufficiente in base alle esigenze dell’individuo

Quanta Vitamina C dovremmo assumere?

I fabbisogni raccomandati di assunzione giornaliera con la dieta per il bambino varia da 40-65 mg/die per la fascia di età da 1 a 11 anni. Nell’adulto, i fabbisogni sono rispettivamente a sono di 105 mg/die nell’uomo adulto, e 85 mg/die per la donna, che diventano 100 e 130, in gravidanza e allattamento (LARN, 2012). Queste indicazioni riguardano persone sane e non fumatori, e si basano sugli studi di farmacocinetica.

La dose giornaliera raccomandata per la vitamina C è determinata da diversi fattori, biodisponibilità, livelli ematici individuali, escrezione urinaria, concentrazione cellulare. E’ importante capire che una persona che introduce con la dieta circa 100 mg al giorno di vitamina C, raggiunge già i 2/3 della concentrazione massima della vitamina nel sangue, pertanto una supplementazione, in questo caso non apporta benefici. A livello cellulare, con 100 mg al giorno, neutrofili e linfociti raggiungono la saturazione (rispettivamente, 1300 mM, 3650 mM). In una meta-analisi che comprendeva 9.000 casi di tumore ai polmoni, l’assunzione di 100 mg al giorno di vitamina C per via alimentare, riduceva il rischio di cancro del polmone del 7%. Questa dose è anche associata anche a una ridotta mortalità complessiva e mortalità specifica per carcinoma mammario nelle donne. Il fatto che la vitamina C potesse prevenire o ritardare lo sviluppo del cancro è stato ulteriormente supportato da studi pre-clinici.

Vitamina C: a dosi troppo elevate, la eliminiamo per via renale

Data la sua importanza per il sistema immunitario, siamo portati a pensare che più vitamina C assumiamo e meglio e’. In realtà questo non e’ esattamente vero, in quanto il sistema di assorbimento di vitamina C e’ saturabile, la biodisponibilità diminuisce tanto più aumentiamo le dosi e l’eccesso di vitamina viene eliminato attraverso i reni, con le urine. Come si può vedere bene nella figura a dosi elevate di 1000 mg al giorno, la biodisponibilità è pari al 60% in quanto gran parte della vitamina non viene assorbita totalmente e viene eliminata le urine. Nella figura, si vede bene come a basse concentrazioni, invece la biodisponibilità e’ elevata e l’eliminazione renale e’ pari a zero, mentre a dosi elevate di 500-1000 mg la biodisponibiltà si dimezza, e la maggior parte della vitamina assorbita viene eliminata nelle urine, dove contribuisce alla formazione di ossalati e di urati ( calcoli renali). Quindi sebbene, elevati dosaggi non sono tossici potrebbero contribuire alla calcolosi in soggetti predisposti.

Assumere vitamina C con la dieta.

La dose giornaliera di vitamina C dovrebbe essere assunta con la dieta, attraverso i cibi che ne sono ricchi. Poiche’ la vitamina C e’ facilmente ossidabile e termolabile, e’ opportuno avere delle accortezze: conservare frutta e vegetali che la contengono al fresco, proteggerli dalla luce, e non utilizzare alte temperature. Nella spremuta di arancia la vitamina C in realtà, si perde facilmente, se resta all’aria dopo spremuta o conservata lungo, pertanto andrebbe bevuta subito. Studi condotti sul succo di fragole, hanno dimostrato come la conservazione a temperature fredde e l’aggiunta di zucchero prevengano l’ossidazione della vitamina, ma aggiungere zucchero non e’ una soluzione salutare, cosi come e’ consigliabile mangiare il frutto intero e non spremuto, per assumere le fibre, importanti nel controllare l’assorbimento degli zuccheri.

Meglio mangiare verdura preferibilmente cruda come lattuga, crescione, cavolo rosso radicchio verde che ne contengono buone quantità e per la verdura che va consumata previa cottura, e’ consigliato utilizzare il vapore che e’ sicuramente il modo migliore di conservare maggiormente la vitamina.

Quando e come supplementare?

Ci sono alcune condizioni, come l’esposizione ad inquinanti ambientali, fumo di sigaretta, infezioni o patologie di tipo ossidativo e infiammatorie croniche, come il diabete di tipo 2, Morbo di Crohn, in cui potrebbe essere necessario un maggiore fabbisogno di vitamina C. Tuttavia e’ sempre preferibile eseguire un dosaggio per valutare i livelli di vitamina C nel sangue e se opportuno, ricorrere ad integrazioni per os, a basse concentrazioni, che assicurano la maggiore biodisponibilità, evitando eliminazione per via urinaria.

Vitamina C e dosaggi terapeutici

E’ importante specificare che il trattamento terapeutico con vitamina C ad alto dosaggio, proposta per curare infezioni virali e patologie tumorali, va effettuata endovena, in quanto e’ ampiamente riconosciuto che la concentrazione 25-30 mM (millimolare) di vitamina C, necessaria per indurre la citotossicità nelle cellule tumorali può essere raggiunta solo se cosi somministrata. Infatti se la stessa dose di vitamina c viene somministrata per via orale, si raggiunge una concentrazione plasmatica massima inferiore a 0,2 mM, ossia cento volte inferiore. Anche se il trattamento terapeutico ha dato risultati interessanti, gli studi sull’efficacia terapeutica sono ancora da confermare.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... oiarne.htm
.
.


25 mag 2020, 12:14
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)