Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 18 ott 2019, 17:05


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Eccessi di selenio e vitamina E sono dannosi per la prostata 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 1305
Località: Saluzzo
Messaggio Eccessi di selenio e vitamina E sono dannosi per la prostata
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ostata.htm
Per le pagine precedenti o le successive se non le vedi più:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... edenti.htm

Dell'articolo in oggetto, oltre la intestazione: Fondazione Veronesi, ho rilevato la scritta:
"IL PORTALE DI CHI CREDE NELLA RICERCA"
Quindi devo dedurre che per credere ai loro articoli bisogna chiudere gli occhi e credere in quello che propinano, in quanto le RICERCHE hanno come sempre le due facce della medaglia:
una faccia BUONA
ed una CATTIVA.
Così lo sono i "principi attivi" frutto di queste RICERCHE che ormai conosciamo molto bene.
Mi permetto di dirlo in quanto, visto i risultati della medicina, questa medaglia è a senso unico:
LA FACCIA CATTIVA,
la cui conferma ci viene dal foglio illustrativo o BUGIARDINO allegato ad ogni prodotto spacciato per MEDICINALE, frutto delle RICERCHE cosidette SCIENTIFICHE.
Lo dimostrano ampiamente questi fogli illustrativi o BUGIARDINI allegati, i quali dichiarano i BENEFICI PROBABILI, e NON CERTI, ma sopratutto ne elencano i MALEFICI, e neanche tutti in quanto neanche chi li ha SCOPERTI sà quali disguidi si possono avere, dato che ogni individuo è a se.
Nel tempo è stato ampiamente dimostrato che sono prevalsi questi ultimi, in quanto nessun "principio attivo" ha MAI guarito almeno una malattia, ed è per questo motivo che nel frattempo le malattie sono diventate ereditarie, croniche, autoimmuni, degenerative, ma sopratutto MOLTE NUOVE di cui non si conoscono neppure le origini.
Questo è incontestabile, vero?
Detto questo ora dedichiamoci all'articolo.
Quante bugie, ma sopratutto quanta IGNORANZA da parte della medicina in merito a ciò che è NATURALE.
Lo dimostra il fatto che uno dei compiti della vitamina E, una imputata dell'articolo insieme al SELENIO, è di essere un ANTIOSSIDANTE sostituendo il mancante ACIDO ASCORBICO in quanto idrosolubile, in TUTTI i semi vegetali al mondo, in quanto essa circola liberamente nell'olio, liposolubile, perchè i semi non contengono acqua, ma olio nel loro interno. La vitamina E, oltre che circolare in questo olio per svolgere quanto le stato affidato da >Madre >Natura e la EVOLUZIONE, è anche nel GERME da dove parte la vita vegetale.
Difatti la vitamina E nei semi ha il compito di evitare la morte del seme causata dal troppo caldo o dal troppo freddo..
Questo avviene perchè, anche se il seme è fermo, in lui, l'olio circola in continuazione in quanto contenente questa vitamina E, un ANTIOSSIDANTE, e la porta dove richiesto per evitare la morte del seme evitando così la ESTINZIONE.
Riguardo allo studio dell'articolo sul tumore alla prostata, è impossibile che la vitamina E ed il solo SELENIO possano evitarne il tumore, in quanto per evitare questo tumore sono certo ci vogliono anche gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI", primo tra i quali l'ACIDO ASCORBICO che formando quelle FORTI DIFESE IMMUNITARIE necessarie che riescono ad evitarlo.
Che l'ACIDO ASCORBICO si importante ce lo dimostrano i vegetali, i quali è il primo "ALIMENTO ESSENZIALE" che si AUTOPRODUCONO.
Ce lo dice lo SCIENZIATO Irwin Stone che l'ACIDO ASCORBICO lo ha ingoiato e studiato per più di 50 anni e scrive:
"pagina 1/10------sostanza fondamentale
L'ACIDO ASCORBICO è una sostanza ubiquitaria fondamentale nel processo vitale. Tutti gli organismi viventi o la producono o la prendono dal nutrimento oppure periscono. I sistemi enzimatici per la produzione dell'ACIDO ASCORBICO sono di antica origine e si sono formati molto presto nello sviluppo del processo vitale su questo pianeta, probabilmente mentre le forme più altamente sviluppate erano ancora forme primitive unicellulari.
pagina 1/10------solo embrione ma produce molto ACIDO ASCORBICO
L'evidenza della embriologia sia delle piante che degli animali corrobora questo punto di vista dal momento che il seme dormiente della pianta e l'uovo dell'animale sono privi di ACIDO ASCORBICO. C'è una produzione immediata di ACIDO ASCORBICO nel seme che germina o nell'uovo in sviluppo, perfino quando l'embrione non è niente più che un grumo di alcune cellule.
pagina 1/10------alta produzione sia in piante che animali
Anche la sua diffusa presenza in tutti gli odierni organismi pluricellulari, sia piante che animali, lo testimonia. Possiamo anche dedurre che la produzione di ACIDO ASCORBICO era ben sviluppata prima che gli organismi viventi divergessero nelle forme di piante e di animali.
pagina 2/10------RENI E FEGATO
Il luogo degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico nei vertebrati a sangue freddo, i pesci, gli anfibi ed i rettili, è nei reni. I più altamente attivi mammiferi a sangue caldo tutti sintetizzano il loro ACIDO ASCORBICO nel fegato. Una delle principali funzioni dell’ACIDO ASCORBICO nella fisiologia animale è il mantenimento della omeostasi biochimica sotto stress. Più grande è lo stress a cui è sottoposto l’animale, ACIDO ASCORBICO produce.
Circa 165 milioni di anni fa, quando la natura aveva in vista l’evoluzione dei più attivi e stressanti mammiferi, doveva essere presa una importante decisione morfologica e fisiologica. I reni, pure adeguati come sito di sintesi dell’acido ascorbico per i lenti vertebrati a sangue freddo, erano inadeguati per le aumentate richieste di ACIDO ASCORBICO per i più altamente stressati mammiferi. La soluzione vincente di questo problema fu il trasferimento degli enzimi per la produzione dell’ACIDO ASCORBICO dai relativamente piccoli e biochimicamente affollati reni al più spazioso fegato, che è il più grande organo del corpo. Tutti gli odierni mammiferi capaci di sintetizzare ACIDO ASCORBICO lo producono nel fegato perché ogni antica forma che non effettuò tale passaggio era così handicappata biochimicamnte che fu eliminata dalle forze della evoluzione.
...racconta l'EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI E L'ACIDO ASCORBICO e spiega la perdita di produrcelo autonomamente
pagina 6/10------l'ACIDO ASCORBICO è un metabolita per tutti gli animali e non una VITAMINA
Stone 20. Negli ultimi 60anni, l'ACIDO ASCORBICO è stato visto come"vitamina C" quando in realtà è un metabolita del fegato e certamente non una "vitamina" per la miriade di mammiferi che hanno intatto il gene per lo L-gulonolactone ossidase. Tali mammiferi non prendono lo scorbuto, anche se hanno una dieta completamente priva di vitamina C.
http://digilander.libero.it/genfranco/I ... turale.pdf

Alla medicina però questo non è di suo gradimento, anzi con il nome di vitamina C, l'ha resa anonima, della quale tutti sanno che esiste ma della quale nessuno pensa mai che questa abbia un così importante ruolo nella vita sulla terra, che svelato questo questi CERVELLONI stanno perdendo la faccia.
Tornando alla vitamina E, lo dimostra il fatto che non mi risulta che gli animali che si cibano tutta la loro vita di questi semi contenenti appunto questa vitamina E, si ammalino di questa malattia, che se così fosse non potrebbero più continuare la loro specie, anzi queste specie non esisterebbero più perchè ESTINTE da molto tempo.
Quindi è una riprova della falsità di questo studio che è dichiarato per dimostrare che sia la vitamina E che il SELENIO non hanno alcuna importanza ed ingoiarli può essere SOLO NOCIVO. Quindi dichiarando quanto nell'articolo in oggetto, vuol dire che lo scrivente è completamente ignorante in materia di PRODOTTI NATURALI, ma sopratutto INCOMPETENTE, dimostra invece che gli "ALIMENTI ESSENZIALI" vitamina E e SELENIO sono DEMONIZZATI da questa Fondazione Veronesi, ma questo è più che comprensibile, in quanto è stato ampiamente dimostrato che tutta la congregazione medica è in grande CONFLITTO DI INTERESSE, non avendo quindi nessun interesse alla guarigione delle persone ma al contrario l'interesse è che le persone siano malate.
Quindi posso solo dedurre che ad inventare di sana pianta un così DEMONIZZANTE articolo l'autore deve essere completamente fuori dalle più elementari informazioni
Quindi mi permetto di consigliare agli oncologi della Fondazione Veronesi di provare a far produrre dal corpo dell'individuo malato ALTE DIFESE IMMUNITARIE dando giornalmente quelle dosi di "ALIMENTI ESSENZIALI" necessaie a combattere qualsiasi malattia compresi i tumori alla prostata o di un qualsiasi altro tumore, in quanto questi sono quelli che circolano ogni secondo nel sangue di TUTTI gli animali al mondo, sia a sangue caldo che a sangue freddo e nella LINFA dei vegetali.
Un consiglio mi permetto di darglielo personalmente:
cercate invece la causa di queste malattie nel FLUORURO DI SODIO e gli altri componenti dei dentifrici, in quanto VELENO PER I TOPI ed altri animaletti, che dovrebbe essere usato SOLO PER QUESTO FINE e non nella bocca, quindi nel corpo della umanità.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... tadent.htm

Letto poi il parere dell'esperto, capisco che questo và con i piedi di piombo e questo solleva di molto la dichiarazione del falso studio riportato.
Però riguardo a questi "ALIMENTI ESSENZIALI" ed agli studi da fare, vorrei dire sia all'autore dell'articolo che all'esperto che LORO in questi vitamina E, il SELENIO e tutti gli altri SALI MINERALI e VITAMINE, dato che fanno parte di quegli "ALIMENTI ESSENZIALI" di cui ha bisogno il corpo vivente, quindi sia ANIMALE che VEGETALE, sono contenuti nello SPERMA per gli animali, nel quale anche LORO sono stati GENERATI, ed anche nel GERME vegetale, e quindi stanno anche nel LORO SANGUE come sono nella LINFA dei vegetali in quanto i due REGNI sono fratelli, quindi sono scritto a LETTERE DI FUOCO nel DNA di ogni essere vivente sulla terra.
Purtroppo tutto ciò non posso dirlo a LORO, ma a VOI SI'.
Inoltre si deve tenere presente che di questa DEMONIZZAZIONE la MEDICINA ne ha bisogno per poter continuare ad esercitare il loro cosidetto mestiere, e non solo questo, ma avere la supremazia sul resto del mondo.
Quindi regolatevi come vi pare, ma attenti alla vostra SALUTE ed alla medicina.
Ora mi permetto di farvi fare un ragionamento molto esplicativo ma difficilissimo da demolire:
Abbiamo certezza che per vivere ogni essere vivente, sia animale che vegetale deve cibarsi, vero?
Tra gli animali moltissime specie si alimentano di un unico prodotto, per esempio le specie carnivore, ma anche le erbivore sulla terra ferma, mentre nei mari la maggior parte delle specie: pesci, si alimenta di altre specie di pesci.
Fissato questo, analizziamo cosa contiene il CIBO che ingoiano e ci dobbiamo chiedere COSA cerca il loro corpo da questo CIBO, che sono 4 (quattro): le PROTEINE, i CARBOIDRATI, i GRASSI e gli "ALIMENTI ESSENZIALI", che sono gli unici PRODOTTI NATURALI che devono entrare nella bocca di ogni anumale.
Non è che ingoiando la carne, questa venga assorbita per formare la carne dell'individuo, oppure ingoiando il chicco di grano, parte della crusca che lo forma, viene assorbita per aumentare i muscoli per esempio.
Questo proprio no, quindi tutto il resto dei 4 (quattro): PROTEINE, CARBOIDRATI, GRASSI ed "ALIMENTI, ESSENZIALI", non è che scarto che esce alla fine con le feci.
Ora vediamo cosa sono:
le PROTEINE:
"Cosa sono le PROTEINE
Le PROTEINE esistono sulla Terra da miliardi di anni e sono la base primaria per molte forme di vita, dai più semplici batteri ad organismo più complessi. Esistono tantissimi tipi di molecole proteiche, tutte contenenti differenti combinazioni di 20 aminoacidi essenziali; le proteine sono anche tra le molecole più complesse presenti nel corpo umano e possono contenere da 50 a 2.000 aminoacidi, inclusi i 20 essenziali. Al momento sono state identificate circa 10.000 differenti proteine nel genoma umano anche se la varietà presenta sul nostro pianeta comprende almeno un trilione di variazioni.
Per capire quanto siano importanti le proteine per il nostro organismo, riportiamo le quantità presenti al suo interno: una persona di 70 Kg è costituita da circa 11 Kg di proteine; quasi la metà è sotto forma di muscoli scheletrici, circa 2 Kg compongono pelle e sangue e il resto si distribuisce tra ossa e organi (in dati percentuali, le proteine costituiscono il 90% del peso del sangue a secco, il 70% della pelle e l’80% dei muscoli).
In termini nutrizionali, la proteina è una dei tre macronutrienti essenziali di cui il nostro corpo necessita per sopravvivere. È un macronutriente perché, come i grassi e i carboidrati, viene consumato in dosi elevate e utilizzato dall’organismo come fosse un carburante. Vitamine e minerali sono invece considerati micronutrienti o "ALIMENTI ESSENZIALI" per via della loro bassa quantità richiesta dal corpo ogni giorno."

https://www.multipoweronline.it/guide/proteine.html

... e cosa sono i CARBOIDRATI:
"I CARBOIDRATI sono la principale fonte di energia per l’organismo. Possono essere semplici, quando sono costituiti da una (monosaccaridi) o poche (disaccaridi, trisaccaridi, oligosaccaridi) molecole di zucchero, oppure complessi, quando assumono la forma di lunghe catene di zuccheri, uguali o diversi, legati tra loro.
Sono zuccheri semplici il glucosio, il fruttosio, il maltosio, il lattosio e il galattosio. Sono carboidrati complessi l’amido (di riso, di frumento, di mais, di patata eccetera) e la cellulosa.
Quest’ultima, utilizzata come molecola strutturale per la costruzione delle pareti delle cellule vegetali, costituisce un’eccezione perché non è digerita né assimilata dall’organismo umano che non ne trae nutrimento, ma la espelle come scoria (è una fibra).
Il termine “carboidrato” si riferisce agli elementi base di ciascuna molecola di zucchero, ossia atomi di carbonio e molecole d’acqua (o meglio, per essere più precisi, gruppi ossidrili)."

https://www.saperesalute.it/carboidrati#che-cosa-sono

... e cosa sono i GRASSI:
"Quando si parla di alimentazione e dieta, i grassi vengono subito messi alla gogna. La loro demonizzazione è tuttavia giustificata solo in parte, perché i grassi vanno suddivisi in categorie distinti, cioè quelli buoni e quelli cattivi: i primi sono addirittura utili all’organismo e possono essere assunti come nutrienti, mentre i secondi sono dannosi e nel tempo comportano una serie di rischi, i più pericolosi dei quali sono malattie come il diabete, il cancro, l’obesità e varie patologie cardiovascolari. Conoscere la differenza tra i grassi buoni e quelli cattivi, saperli distinguere, aiuta a vivere in maniera sana, senza rinunciare a prescindere a cibi a contenuto lipidico.
Gli studi che vengono continuamente svolti sui grassi portano man mano alla luce nuovi risvolti, oltre a confermare fatti ormai acclarati come ad esempio l’utilità e i benefici degli acidi grassi, che possono essere trovati in alimenti di origine sia animale che vegetale. La lotta tra bene e male nel campo dei grassi non è ancora finita, perché con la ricerca vengono rilevate nuove prospettive in grado di cambiare la visione sulla funzione e sull’impatto dei grassi sul nostro organismo: un esempio è la considerazione, fino a poco fa negativa, nei confronti dei grassi saturi, il burro su tutti, visto come un alimento da evitare a tutti i costi (perché additato come trasportatore di colesterolo cattivo nel corpo) e da poco invece riabilitato dal mondo scientifico.
I grassi occupano un ruolo importante nella nostra dieta, sono essenziali come le proteine e i carboidrati e fungono da carburante per le attività vitali dell’organismo. Alcune funzioni corporee fanno affidamento sulla presenza di grassi: alcune vitamine (liposolubili) richiedono il grasso per potersi dissolvere nel sangue e fornire i nutrienti necessari al fabbisogno del corpo.
Tuttavia, va sempre tenuto a mente che un eccesso di calorie assunte con l’alimentazione, a prescindere dalla loro natura beneficia o malevole, comporta nel tempo un aumento di peso.
Perché abbiamo bisogno dei grassi
I grassi rappresentano i nutrienti a maggiore densità calorica (e quindi energetica) della nostra dieta, fornendo 9 calorie per grammo. Questo li rende un elemento chiave nel processo energetico dell’organismo. Inoltre, i grassi sono utili per altri diversi scopi, tra cui:
- il trasporto di vitamine liposolubili, cioè la A, la D, la E e la K.
- il supporto strutturale dell’organismo, essendo presenti nelle membrane cellulari e cerebrali
- il coinvolgimento nei processi biologici del corpo, come ad esempio le reazioni chimiche collegate alla crescita e allo sviluppo muscolo scheletrico.
Quindi, anche se alcune diete promuovono un’alimentazione povera di grassi, dipingendoli come non salutari, in realtà essi sono essenziali per la nostra sopravvivenza e rappresentano una componente importante di una dieta sana. Ovviamente vanno selezionati i grassi buoni e il loro consumo va misurato limitatamente al fabbisogno."

https://www.multipoweronline.it/guide/grassi.html

Nel tempo abbiamo capito che DEMONIZZARE i GRASSI è sbagliato, in quanto questi prodotti fanno parte della vita animale da sempre, quindi a causare la OBESITA' sono le aggiunte di PRODOTTI CHIMICI, fatte ai CIBI INNATURALI che negli intestini causano quei danni invisibili ma letali, per esempio la STITICHEZZA, prima causa della OBESITA', che ne parleremo più oltre.

Sulla RICERCA è tutto FALSO, in quanto la RICERCA è una parola VANA, in quanto questa RICERCA già l'ha fatta la EVOLUZIONE dall'inizio della vita sulla terra, quindi ciò che è frutto di questa RICERCA non può che CAUSARE DANNI a chi ingoia questi PRODOTTI VELENOSI.
E' semplice capire che il corpo dell'individuo, seguendo un tracciato di nome DNA che si è modificato nel lungo tempo trascorso, sono certo che non sarà lo STUPIDO CERVELLO UMANO a modificare questo DNA frutto RICERCHE NATURALI delle specie.
Si può quindi concludere che queste RICERCHE NON SERVIRANNO MAI A NULLA in quanto la eventuale modifica la può fare SOLO LA EVOLUZIONE della specie e non i "principi attivi" frutto delle RICERCHE, che però all'ingenuo individuo umano servono solo per fargli bere, come si dice, l'ACQUA PER IL VINO, per il proprio fine.

E come buon ultimo gli "ALIMENTI ESSENZIALI" che la medicina li denomina vergognosamente integratori o micronutrienti:
"I micronutrienti o "ALIMENTI ESSENZIALI", un elemento piccolo ma essenziale per la crescita
Le sostanze alimentari di cui un organismo ha bisogno per il normale sviluppo e il mantenimento di uno stato di buona salute sono dette "nutrienti".
Essi si dividono in due principali tipologie:
i macronutrienti, cioè le proteine, i lipidi (grassi) e carboidrati necessari per la produzione di energia e per la crescita, e i micronutrienti o "ALIMENTI ESSENZIALI", cioè le vitamine (A, B, C, D, E, K), i minerali (calcio e fosforo) e gli oligoelementi (ferro, zinco, selenio e manganese), [ma non si parla di MAGNESIO, POTASSIO, SILICIO, FLUORO, BORO, CLORO ecc.] che migliorano il valore nutritivo degli alimenti e incidono profondamente sullo sviluppo del bambino e sulla salute della madre. [e del resto della popolazione che sono gli adulti, ci si dimentica? Pare che questi siano esclusiva di quella parte di popolazione nominata].
Ad essi si devono aggiungere l'acqua e le fibre alimentari.
I micronutrienti o "ALIMENTI ESSENZIALI" sono così chiamati perché il corpo ne ha bisogno solo in piccole quantità, ma giocano un ruolo essenziale nella produzione di enzimi, ormoni e altre sostanze che aiutano a regolare la crescita, l'attività, lo sviluppo e il funzionamento dei sistemi immunitario e riproduttivo. [e ti pare poco questi due ultimi che importantissimi ed il "riproduttivo" in quanto il VERO MOTIVO della nostra venuta al mondo]
https://www.unicef.it/doc/280/i-micronu ... escita.htm

In quest'ultimo articolo che è della UNICEF, si nominano anche le fibre alimentari.
Certo sono quelle che aiutano ad evacuare evitando la STITICHEZZA che è la malattia più grave tra tutte le malattie, ma della quale nessuno ne parla.
La pagina recita:
"La STITICHEZZA è la malattia più grave di cui soffre la umanità, in quanto è dagli intestini che iniziano TUTTE le malattie possibili. La causa vera di questa STITICHEZZA è la CARENZA certa di ACIDO ASCORBICO. Difatti quando si parla di ACIDO ASCORBICO viene immediatamente collegata la DIARREA. La prova semplice è che nessun essere vivente soffre di STITICHEZZA. Loro non hanno gabinetti e sono certo che non si curano di dove depositano le loro feci liberando i loro intestini.
Questo semplice fatto anche da solo dimostra senza ombra di dubbio che liberare gli intestini è un fatto IMPORTANTISSIMO.
Questi CIBI INNATURALI degli scaffali, quindi delle industrie alimentari, sono la prima causa di STITICHEZZA, la malattia più grave per l'uomo ed è la causa di TUTTE le malattie conosciute e sconosciute poichè è dagli intestini che hanno l'inizio.
La medicina non la considera tale, poichè i suoi interessi sono tutt'altro che la SALUTE UMANA.
La dimostrazione pratica è che molti di noi, camminando per strada hanno avuto la disavventura di trovarsi le feci di un colombo o di un altro uccello sul vestito.
LE FECI NON DEVONO ESSERE DURE, MA MORBIDE, ED A VOLTE ANCHE LIQUIDE poichè dipende sopratutto dal CIBO che si è ingoiato il giorno precedente. Sì perchè questi scarti non devono stare giorni dagli intestini, ma devono essere subito ELIMINATI.
LE FECI DURE E LA STITICHEZZA SONO LA CAUSA DELLE EMORROIDI, QUINDI LAVORO PER LA CLASSE MEDICA, MA QUANTA SOFFERENZA PER L'INDIVIDUO.
DEVO SFATARE LA CONVINZIONE CHE LE DONNE INCINTE DEBBANO SOFFRIRE DI EMORROIDI, IN QUANTO E' FALSA LA CONVINZIONE CHE SIANO CAUSATE DAL LORO STATO.
Difatti non mi risulta che le femmine delle altre specie soffrano di EMORROIDI, e a voi?
Un altro fatto incontestabile però è che TUTTE le specie, sia animali che vegetali hanno la AUTOPRODUZIONE di questo ACIDO ASCORBICO.
Che sia IMPORTANTISSIMO eliminare gli scarti dal corpo lo conferma il dottor Alexis Carrel, un francese Premio Nobel. La pagina recita:
"LE CELLULE SONO IMMORTALI!
ALLORA PERCHE' MORIAMO?
Alexis Carrel dimostrò che le cellule sono immortali facendo vivere il cuore di un pollo per 29 anni!
Ecco qual'è il segreto dell'immortalità e della morte.
In passato è stato dimostrato che una cellula potrebbe vivere per un tempo indeterminato in perfetta salute.
E' stato dimostrato realmente in laboratorio da un famoso premio Nobel.
Un famoso fisiologo francese, Alexis Carrel, Al Rockefeller Institutte for Medical Research, mantenne in vita il cuore di un pollo per circa 29 anni in una soluzione salina (che conteneva minerali nelle stesse proporzioni di quelle del sangue del pollo) che egli rinnovava tutti i giorni.
Carrel giunse alla conclusione che il tempo di vita di una cellula è indefinito fintanto che viene fornito il nutrimento e viene ripulita dalle sua escrescenze.
Difatti le cellule crescevano e prosperavano fintanto che le loro evacuazioni venivano rimosse. Condizioni non igieniche procuravano una minore vitalità, deterioramento e morte.
Carrel mantenne in vita cellule di un cuore di pollo fino a quando qualcuno si dimenticò (dimenticato) di eliminare le loro escrezioni.
Riuscì quasi a decuplicare la media durata di vita di quelle cellule.
La chiave per mantenere in perfetta salute una cellula è quella di liberarla dai residui dentro e intorno ad essa.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... eterne.htm

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... chezza.htm

Perchè gli intestini DEVONO ESSERE LIBERI?
Perchè delle ciglia di nome VILLI che sono distribuite per buona parte degli intestini, devono assorbire quanto di loro competenza e lo immettono direttamente nel SANGUE, il quale è l'unico che circolando in tutto il corpo, distribuisce quanto richiesto dai vari SENSORI per loro specifico fabbisogno. Sono certo che i VILLI assorbono a richiesta specifica dei vari SENSORI distribuiti in abbondanza in tutte le parti del corpo, senza rischio di carenza in quanto da loro dipende la vita dell'individuo.
 
Questi micronutrienti o "ALIMENTI ESSENZIALI" sono IMPORTANTISSIMI, in quanto le cellule sono formate da 4 di loro e si chiama "pompa SODIO-POTASSIO" che in effetti sono sì SODIO e POTASSIO, ma anche MAGNESIO e CALCIO.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... nzione.htm

Ma non basta, come abbiamo letto sopra, il famoso Premio Nobel fisiologo francese, Alexis Carrel, dimostrò che la cellula è ETERNA, ma di cosa si ciba la cellula?
Lui non lo dice, ma un altro articolo SI.
"Come vedremo sotto, mano a mano che avanziamo nella lettura, troviamo che per mantenersi in SALUTE, ogni essere vivente deve CIBARSI.
Quindi il CIBO NATURALE è ciò che deve essere una regola per ogni individuo di ogni specie sia animale che egetale.
Conta quindi il contenuto di questi CIBI NATURALI in SALI MINERALI e VITAMINE. Mentre la medicina li chiama INTEGRATORI, ed il SISTEMA sà perfettamente il perchè di questa parola, noi che ne conosciamo la utilità di questi, arrogantemente li abbiamo denominati "ALIMENTI ESSENZIALI". La parola la scrivo in maiuscolo e tra virgolette, poichè HO CERTEZZA che dentro questi il corpo di mio padre ha GENERATO quello spermatozoo che mi ha dato la vita. E vi pare poco?
Stabilito questo: CIBI NATURALI contenenti gli "ALIMENTI ESSENZIALI", dobbiamo aggiungere il terzo ingrediente indispensabile per la VERA SALUTE degli animali, in quanto ai nostri fratelli vegetali questo ingrediente non è richiesto, in quanto il primo è il CIBO NATURALE, il secondo gli "ALIMENTI ESSENZIALI" contenuti in questo CIBO NATURALE, il terzo:
IL MOVIMENTO.
Parleremo del più importante tra gli "ALIMENTI ESSENZIALI":
L'ACIDO ASCORBICO
definiremo senza ombra di dubbio, cosa unisce gli ANIMALI ai VEGETALI.
Parleremo del primo ANTICIBO, che danneggia giornalmente la SALUTE UMANA, in quanto DROGA-INSETTICIDA:
IL CAFFE'
Continueremo con quanto causa le più disparate malattie:
LA STITICHEZZA
Troveremo conferma di quanto sia importante liberare il corpo dai rifiuti, quindi evitando questa sopracitata STITICHEZZA.
Parleremo delle CELLULE di cui il corpo animale è composto, e di quanto sia importante che queste cellule siano liberate da questi scarti.

Detto questo, mi permetto di citare la parte dell'articolo in oggetto che dice:
"Per cui, come al solito, per un buon funzionamento del nostro corpo, servono soprattutto VITAMINE e MINERALI, questo mangiano le nostre cellule e questi importanti nutrimenti si trovano in ogni CIBO NATURALE sia vegetale che animale che per intederci sono si frutta e verdura, ma anche carne, latte, latticini ecc.. Non sono in farmacia, non sono dentro i medicinali, sono dentro a cibo vivo ed organico."
Quindi l'articolo ci informa che le cellule VIVONO di "ALIMENTI ESSENZIALI" come il SODIO, il POTASSIO, il CALCIO, il MAGNESIO che ne sono la base e gli altri che le sono indispensabili per mantenersi in SALUTE.
Sotto la spiegazione precisa della pompa SODIO-POTASSIO che ne sono la loro base.
L'articolo cita queste vitamine e minerali come "integratori", ma la parola è FALSA, in quanto, sapendo che questi SONO NEL MIO SANGUE e sono anche nel MIO LIQUIDO SEMINALE MASCHILE di maschio, NON AMMETTO CHE SIANO DENOMINATI con questo nome, ma devono essere denominati "ALIMENTI ESSENZIALI" in quanto sono scritti nel mio DNA a lettere di fuoco.
La conferma certa ci viene dal medico di base il quale ne richiede il valore al laboratorio analisi che riescono a definirli SOLO con formula chimica, poichè solo così si possono riconoscere.
A riprova ancora la RGR (Razione Giornaliera Raccomandata) che li elenca TUTTI i conosciuti e riporta come quantità massima consentita da ingoiare giornaliero, per questi "ALIMENTI ESSENZIALI", come si può rilevare dal link, i valori massimi sotto descritti.
Si potrà anche rilevare che nelle diverse date queste quantità sono state aumentate di valori che ritengo irrisori rispetto ai valori che >Madre >Natura ha sicuramente previsto per la AUTOPRODUZIONE.
vitamina C - ACIDO ASCORBICO, nella prima tabella il valore di 0.60 mg, nella seconda 500 mg e nell'ultima attuale 1000 mg.
vitamina D, nella prima tabella il valore di 5 mcg, nella seconda 7.5 mcg e nell'ultima attuale 10 mcg.
MAGNESIO, mantenendo sempre il valore di 450 mg.
COLESTEROLO, non è previsto nella tabella, in quanto non si ha mai avuto un segnale di CARENZA, ma sempre un segnale di ABBONDANZA, quella che si dovrebbe avere per ognuno di questi grazie alla AUTOPRODUZIONE.
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... ionerg.htm

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... vivere.htm

Possiamo quindi concludere che per mantenersi in vita, da tutto ciò che è CIBO NATURALE, il corpo animale assimila solamente i 4 (quattro) prodotti: le PROTEINE, i CARBOIDRATI, i GRASSI e gli "ALIMENTI ESSENZIALI" che abbiamo ampiamente descritto sopra, quindi non solo le fibre alimentari fanno parte dello scarto, le feci, ma TUTTO il resto che lo compone.

Purtroppo però, i CIBI che mi permetto di definire INNATURALI, distribuiti dalle industrie, poveri di questi "ALIMENTI ESSENZIALI", contengono al loro posto PRODOTTI CHIMICI CANCEROGENI, frutto delle RICERCHE SCIENTIFICHE, che servono SOLO ad alimentare quel GIOCO che tutti conosciamo molto bene: IL BUSINESS, che detto in italiano è COMMERCIO.
Questi prodotti sono i CONSERVANTI, COLORATI ecc. e di questi, come buon ultimo gli "AROMI " o "AROMI NATURALI" che di naturale non hanno proprio nulla, poichè le persone ingenue a questa parola pensano alle vie delle indie di Marco Polo, ma che sono invece ricavati dal petrolio, che arrivando negli intestini vengono assorbiti causando sicuramente ogni malattia possibile, tumori compresi.
In associazione a questi la CARENZA di "ALIMENTI ESSENZIALI" in quanto i CIBI INNATURALI industriali sono raffinati in quanto estraggono questi "ALIMENTI ESSENZIALI" presenti nel GERME oltre che nell'olio che circola in loro, poichè questi CIBI sono TUTTI VEGETALI come il grano.
Ecco perchè consiglio alla Fondazione Veronesi di ricercare la causa dei tumori nella CARENZA di questi "ALIMENTI ESSENZIALI" e la presenza di PRODOTTI CHIMICI CANCEROGENI oltre quello già consigliato, il FLUORURO DI SODIO, che sono loro a dare la autorizzazione alla produzione dei dentifrici.
L'esempio che ho citato e continuo a farlo, anche se non è nei CIBI ma che ingoi giornalmente se non ne sei informato, il FLUORURO DI SODIO dei dentifrici.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... tadent.htm

Ma alla fine gli "ALIMENTI ESSENZIALI" sono quelli che veramente contano, i quali sono gli stessi che davano la vita all'individuo preda sia animale che vegetale. Sono loro che formano le DIFESE IMMUNITARIE impostati da >Madre >Natura e la EVOLUZIONE di miliardi e miliardi di generazioni fà. Non riesco proprio a capire come possa la medicina, della quale fà parte la Fondazione Veronesi, a cambiare ciò che è di NATURALE con la loro RICERCA, visto che scrive:
"IL PORTALE DI CHI CREDE NELLA RICERCA"
facendo credere alle persone non competenti in materia delle cose INVEROSIMILI ed IMPOSSIBILI, causando TANTA SOFFERENZA pur di mantenere quella supremazia che ritengo NON SIA DI LORO COMPETENZA.
Al riguardo della VITAMINA E, la pagina recita:
"Si ritiene invece che la VITAMINA E, in dosi che vanno da 50 UI a 2500 UI al giorno possa prevenire e guarire malattie cardiache compreso il DIABETE. Queste le parti che possono rendere l'idea. L'informazione complete e la fonte da pagina 160/340 a pagina 170/340 di questo link:
pagina 160/640 (vitamina E) i disturbi cardiovascolari
Per il controllo della patologia arteriosclerotica, che è la causa dei disturbi cardiovascolari nelle loro svariate manifestazioni, un'altra vitamina ha manifestato la propria efficacia, somministrata da sola o associata all'ACIDO ASCORBICO. Si tratta della vitamina E (tocoferolo). una vitamina liposolubile. Essa è stata scoperta nel 1922 da Hwerbwert M. Evans, professore di biochimica all'università della California, e della sua collaboratrice Katherine Scott Bischop.
pagina 162/340
Non si ha notizia di effetti collaterali negativi seguiti all'assunzione de dosi elevate di vitamina E. Sotto questo aspetto, essa differisce dai vari farmaci, come l'aspirina (per citarne uno dei meno pericolosi), che sono diffusamente usati nel trattamento delle malattie per le quali Shute sostengono l'efficacia della vitamina E.
Il fatto che la vitamina E sia priva di pericoli e che gli Shute ne affermino l'efficacia nel trattamento delle malattie coronariche ed in parecchie altre patologie avrebbe dovuto provocare un'approfondita indagine da parte delle scettiche autorità sanitarie: si sarebbe dovuto accertare la verità attraverso un gran numero di prove a doppio ceco, in cui i pazienti di un gruppo ricevessero un placebo. Ma in realtà queste indagini non sono mai state fatte, a trentanove anni di distanza dalle prima comunicazioni in proposito.
La vitamina E, che è antiossidante e liposolubile, e la vitamina C, anch'essa antiossidante ma idrosolubile, collaborano nel proteggere i vasi sanguigni e altri tessuti dai danni provocati dall'ossidazione. Esse rallentano il processo di deterioramento che avviene nell'organismo con il passare del tempo e aiutano a prevenire le malattie cardiovascolari. Sono efficaci anche come coadiuvanti delle terapie convenzionali.
Oltre a molte relazioni pubbliche in varie riviste mediche dal 1946 in poi, gli Shute hanno descritto i loro metodi e risultati in due libri, "Vitamin E for Ailing, and Healthy Hearts (Vitamina E per cuori sani e malati), di Wilfrid E. Shute e Harold J. Taub (1969); e "The Heart and Vitamin E (Il cuore e la vitamina E), di Eavn Shute e collaboratori (1956,1969). Le malattie discusse in distinti capitoli di questi libri includono disturbi coronarici ed ischemia del cuore e la concomitante angina, febbri reumatiche, disturbi cardiaci reumatici acuti e cronici, ipertensione, disturbi cardiaci congeniti, malattie vascolari periferiche, arteriosclerosi, ulcera indolore, DIABETE, disturbi renali e ustioni.
pagina 165/340
Tuttavia è ben noto che occorre assumere la vitamina E per due o tre mesi perchè essa cominci ad operare. Essa viene immagazzinata nei grassi, e l'esaurimento della scorta dell'organismo avviene molto lentamente; pertanto, il sistema dei mesi alterni non poteva permettere ai pazienti di modificare in modo significativo la quantità di vitamina E immagazzinata."
http://digilander.libero.it/genfraglo/I ... nalelp.pdf

Quindi la vitamina E il suo conosciuto compito nell'uomo è dedicata invece all'apparato circolatorio, che però NON SI DEVE SAPERE.
Quindi posso solo concludere che qualcuno ha BISOGNO di DEMONIZZARE questi "ALIMENTI ESSENZIALI" e lo fanno senza pietà.

I risultati di uno studio condotto su oltre 35mila uomini attestano l’inefficacia protettiva dei due micronutrienti contro il rischio di tumore
Eccessi di selenio e vitamina E sono dannosi per la prostata

Assunti in giuste quantità vitamina E e selenio possono contribuire a migliorare la salute. La prima riducendo il rischio di malattie cardiovascolari, rafforzando la vista e rallentando il declino cognitivo. L’altra, grazie a proprietà antiossidanti, combattendo l’invecchiamento, migliorando la funzionalità tiroidea e fluidificando il sangue. Ma se l’apporto dietetico o l’integrazione eccedono, i risvolti possono essere dannosi specie per l’uomo che vedrebbe aumentare le probabilità di tumore della prostata. Ad affermarlo sono i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of National Cancer Institute.

LO STUDIO
Sono stati arruolati, nello studio SELECT (Selenium and Vitamin E Cancer Prevention Trial), oltre 35mila uomini con l’obiettivo di stabilire se l’assunzione di una alta dose di vitamina E (400UI) al giorno e/o di selenio (200 microgrammi) potesse proteggere dall’insorgenza di tumore alla prostata. Le premesse iniziali sono state tutte disattese e hanno indotto a concludere lo studio anche prima de tempo: «La ricerca ha consentito di annoverare anche la vitamina E e il selenio fra gli integratori di nutrienti che, assunti in quantitativi molto superiori alle dosi raccomandate, possono aumentare il rischio di cancro», commenta Alan Kristal, del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle e primo autore dello studio. Secondo la ricerca, l’integrazione di selenio in soggetti con livelli di base già elevati aumenterebbe il rischio di tumore della prostata ad alto grado fino al 91%, mentre la vitamina E se assunta in presenza di bassi livelli di selenio iniziali inciderebbe del 63% sullo sviluppo di malattia. Occorre precisare che i livelli di micronutrienti somministrati sono di molto superiori a quelli consigliati e raggiungibili soltanto attraverso l'integrazione della dieta.

IL PARERE DELL’ESPERTO
«Molti studi sono ancora necessari per conoscere gli effetti cellulari di queste due sostanze – commenta Patrizio Rigatti, direttore dell’unità operativa di Urologia dell’Istituto Auxologico Italiano di Milano – ed è necessario ricordare che ad oggi non esiste nessuna raccomandazione circa l'uso di selenio e vitamina E per la prevenzione del tumore alla prostata». I risultati della ricerca statunitense sono comunque condivisi anche in Italia. «Il trial SELECT - dichiara l’urologo - non sembra essere in contraddizione con l'ipotesi di indagini precedenti, sia nella popolazione umana sia nel modello animale, riguardanti una relazione tra i livelli sierici di selenio e il rischio aumentato di sviluppare un tumore della prostata, se il selenio resta al di sotto e al di sopra di 120-137 ng/ml. Più complessa, e meritevole di ulteriori indagini, è invece l'interpretazione del ruolo della Vitamina E, il cui incremento dietetico, su modello animale, influirebbe sul metabolismo del selenio riducendone i livelli plasmatici».
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ostata.htm
.
.


10 ott 2019, 06:56
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)