Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 25 mag 2019, 01:11


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 La mia esperienza con la STOMIA 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 1239
Località: Saluzzo
Messaggio La mia esperienza con la STOMIA
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... stomia.htm
Per le pagine precedenti o le successive se non le vedi più:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... edenti.htm

In questo articolo voglio parlare di una mia personale esperienza MOLTO NEGATIVA, la:
COLOSTOMIA che AVREI POTUTO TANTO FARE A MENO DI VIVERLA, MA NON E' DIPESO DA ME PERCHE' DISINFORMATO.
INFORMO SUBITO CHE IN SPAGNA LA COLOSTOMIA NON E' DI MODA, QUANTO INVECE LO E' IN ITALA.
Perchè scrivo MODA?
Lo scrivo perchè ho forti dubbi della sua utilità, quanto invece, dato i danni che causa questa STOMIA al malcapitato, ne elenco dettagliatamente sotto quelli che ho rilevato personalmente, onde poter quantificare i relativi costi per il Servizio Sanitario, che dal tutto gli unici a guadagnare siano SOLO gli addetti ai lavori iniziando dai chirurghi, dato che sono certo che il costo maggiore è proprio loro.
Ma infine i medici chirurghi guadagnano SOLO se fanno degli interventi chirurgici. O NO?
Voglio dimostrare che questa STOMIA è il più GRANDE IMBROGLIO del secolo, ma che è una grande resa, sia per chi la applica al malcapitato, sia per le ditte che fabbricano questo "sacchetto", e per contro SOLO DISGRAZIA IN TUTTI I SENSI E TANTA SOFFERENZA PER CHI LA SUBISCE.
Amici che vivono in Spagna ed hanno subito il mio stesso problema, TUMORE MALIGNO al colon non hanno dovuto subire la STOMIA e sono guariti in breve tempo senza i problemi che mi permetto di riportare sotto.
Ad uno di questi miei amici, hanno levato la maggior parte del colon discendente e del colon sigmoide rimanendogliene solo circa 5 centimetri, avendone quindi molte evacuazioni nella giornata.
Per cominciare partirò dal giorno che prima dell'intervento il chirurgo che mi doveva operare mi ha informato che mi sarei svegliato con un sacchetto alla pancia chiamato STOMIA e mi ha chiesto l'autorizzazione a poterla applicare e mi ha fatto firmare una impegnativa.
Naturalmente questa STOMIA per me era una novità, quindi mancandomene la necessaria informazione ho dato il consenso, non immaginando il mio errore.
E di lì sono iniziati i miei guai che ora, a fine 2018, non sono ancora finiti e ci vorrà ancora almeno 6 (sei) mesi.
In merito all'inizio di questa mia esperienza, la pagina recita:
"Abbiamo assoluta certezza che nessun essere vivente si reca dal suo simile per la salute.
Abbiamo quindi assoluta certezza che per evitare la ESTINZIONE essi si AUTOGUARISCONO.
Quindi TUTTI gli esseri viventi hanno la possibilità di curarsi dalle eventuali malattie, però anche l'Homo Sapiens.
Questo lo dimostra apertamente anche la chirurgia, parte della medicina.
Difatti dopo un intervento di appendicite, trascorso il tempo necessario di osservazione, la persona viene dimessa senza alcuna terapia del caso.
Questo perchè anche la medicina sfrutta questa AUTOGUARIGIONE lasciando che siano i CIBI a provvedere..
Personalmente ne sono una prova vivente, poichè dal 23 marzo 2016, primo intervento di laparoscopia,
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... nistra.htm

il 5 luglio 2016, secondo intervento di laparoscopia.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... destra.htm

Ogni volta senza alcuna terapia da seguire.
Dal 3 agosto 2016 una infezione terribile che mi ha reso difficile la vita.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ticato.htm

Per mio personale vissuto DOCUMENTATO, devo denunciare un PROTOCOLLO MEDICO che ritengo sia tutt'altro che seguito per aiutare i malati di tumore verso una eventuale guarigione, dimostrando invece che la guarigione del paziente valga meno degli introiti ottenuti dall'impiego della chemio o radio.
I fatti:
In data 25 marzo 2017 sono stato operato con l'asportazione del tumore, poi dimesso il 7 aprile 2017 come da documento allegato:
documento sotto
In data 14 aprile 2017, esattamente 20 giorni dopo l'intervento, sono stato convocato dal S.O.C. di Oncologia come da documento allegato:
documento sotto
Nella occasione mi è stato proposto una cura preventiva di CHEMIO e come si potrà rilevare, al mio rifiuto la dottoressa ha scritto:
"...che il paziente RIFIUTA in modo categorico."
Quindi ho continuato ad ingoiare SOLO gli "ALIMENTI ESSENZIALI" di cui il più importante ACIDO ASCORBICO.
A seguire, e dato che era mia intenzione farmi levare la STOMIA il più presto possibile, ho dovuto fare gli esami consigliati dal seguente documento:
documento sotto
dove dice:
VISITA:
C.E.A ad ogni visita
Emocromo ad ogni visita
documento
Dato che il chirurgo, da me interpellato onde fissare la data per questo intervento mi ha chiesto la visita di controllo dal S.O.C. di Oncologia, al mio medico curante ho richiesto di farmi fare questi sopra richiesti esami, di cui i risultati in data 5 giugno 2017 come da documenti allegati:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... chemio.htm
L'unica terapia gli antibiotici che NON HO INGOIATO MAI.
Quindi è l'AUTOGUARIGIONE sostenuta dai CIBI a prevalere su ogni altra invenzione umana.
dalla pagina:
:http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/ricanalizzazione.htm
Il cancro al colon asportatomi in data 25 marzo 2017 con la applicazione della STOMIA, ragione di una RICANALIZZAZIONE come sotto descritto.
Ed ora ecco gli eventi di questo quarto stress, il più debilitante poichè durante il quale, rilevando un tumore maligno al colon, questo è stato asportato.
I dolori di pancia sono iniziati il giovedì 23 marzo 2017, il peso è di 76,3 kg., ma non riuscivo a mangiare normale.
Il sabato mattina 25 non potendo più sopportare il dolore mi recai al pronto soccorso.
I raggi alla pancia segnalarono una ostruzione intestinale. Nel pomeriggio la TAC e la decisone dei medici di un intervento di urgenza che è iniziato verso le 17 dello stesso giorno.
Giorno dopo giorno lo stress che causa un intervento chirurgico. Tanta debolezza e perdita di peso. Alle dimissioni il mio peso è risultato 70,3 kg. Oggi è di 71 kg, segnale che il mio corpo stà recuperando, ma le forze rimangono latitanti.
Ho scoperto alcuni giorni dopo che durante l'intervento mi è stato tolto un carcinoma del colon stadio II.
Mi è stato comunicato che era ben localizzato come è stato ben localizzato la infezione da punto metallico, quindi sono certo che gli "ALIMENTI ESSENZIALI" hanno avuto il loro peso al riguardo.
Non ho ingoiato gli "ALIMENTI ESSENZIALI" per i primi due giorni dopo l'intervento, ma dandone informazione ai medici ed agli infermieri sono stato costante nell'ingoiare le mie solite dosi.
La mia terapia è stata SOLO questa, poichè non ho mai assunto alcun farmaco, se non saltuariamente una pastiglia della pressione che ultimamente non ingoiavo più. Durante la degenza, questa pressione mi è stata rilevata ogni mattina insieme alla temperatura corporea con valori sempre nella norma.
Come da documento sono stato dimesso in data 7 aprile 2017, con colostomia autonoma ed una unica terapia:
NESSUNA
MIA PERSONALE: solo gli "ALIMENTI ESSENZIALI".
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... lcolon.htm

Quindi come da documentazioni, il mio problema è iniziato il giorno dopo la applicazione di questa STOMIA, il giorno 26 marzo 2017. Non avevo più stimoli di evacuazione, ma le feci uscivano senza preavviso e dovevo stare attento che se erano abbondanti avrebbero potuto staccare il "sacchetto" inondandomi la pancia, in quanto non ero in grado di alzarmi dal letto, data la debolezza.
La mia degenza è durata fino al 07/04/2017, quindi 14 giorni e per tutto il periodo il personale della struttura fu sempre sollecita alla mie chiamate.
Mi fu comunicato che il mio colon era stato chiuso come da disegno in sezione A-A ed applicata la STOMIA come da cerchio pieno in rosso, sul fondo del colon rimasto.
Quindi parte del mio COLON DISCENDENTE ad il COLON SIGMOIDE sono stati resi INATTIVI, ma mi chiedo: "quale danno subirà questo organo nel tempo?'
Il terzo giorno però, ricordo che successe l'inaspettato e staccatosi il "sacchetto" le feci schizzarono tutto intorno, oltre che nel letto.
In questa occasione ho capito cosa voleva dire avere la STOMIA.
Il giorno prima della dimissione, una infermiera mi ha insegnato come provvedere autonomamente alla sostituzione di questo "sacchetto", poichè non volevo dare questo incarico a mia moglie Franca.
Me ne vergognavo.
Ho appreso molto facilmente, tanto che il giorno dopo, quello della dimissione ho fatto tutto da solo.
Dal reparto ho avuto la mia prima fornitura di questi "sacchetti", e mi hanno fornito anche di un foglio da compilare e consegnare all'INPS, che mensilmente di questi "sacchetti" me ne forniva una quantità definita. Questa fornitura era fatta mensilmente e sarebbe stata solo per 6 (sei) mesi, poi sarebbe stata a mio carico.
Faccio presente che ingoiando gli "ALIMENTI ESSENZIALI" il mio corpo non è più soggetto alla STITICHEZZA, anzi, ha bisogno di liberarsi delle feci molte volte al giorno, sempre solo di mattino. Vi sono giorni che è anche di 5-6 volte.
Il costo di questi "sacchetti" supera i 2 euro, quindi, oltre alle beffa, anche il danno, che, trascorsi i 6 (sei) mesi, può essere anche di 12 euro al giorno.
Un bell'incasso per le ditte che producono questo sacchetto, sulla disgrazia altrui, vero?
Dall'INPS la prima fornitura e dopo alcuni giorni, con Franca abbiamo deciso di andare in una qualche località lontani da casa per 15 giorni, e così abbiamo fatto.
Ero molto debole ed il mio stomaco faceva le bizze e dato il soggiorno in albergo avevo il terrore di sporcare il letto.
Fortunatamente non è mai successo nulla, ma non trovavo il cibo adatto al mio stomaco che mi pareva di non riuscire a digerire con conseguenze debilitanti.
Ho capito col tempo che non era lo stomaco ma il mio colon a fare le bizze, in quanto non era pronto per le sue originali funzioni.
Intanto avevo perso kg. ed il mio corpo doveva recuperare.
Ma le conseguenze peggiori avevano ancora da arrivare e la prima non si fece attendere molto.
Passato del tempo, circa un mese, tornando a casa, il mio corpo col CIBO NATURALE ingoiati nell'albergo, e gli "ALIMENTI ESSENZIALI" che ingoiavo con costanza, senza ingoiare alcun "principio attivo" in nessun caso, piano piano si stava riprendendo, ed ecco che sentendomi più forte ho cominciato a camminare, l'unico modo per fare MOVIMENTO che è il terzo fabbisogno per la SALUTE di tutti gli animali, quindi anche per la mia.
Purtroppo però dopo alcuni giorni di camminate ecco che durante una di queste un pò più lunga, mi si presenta un forte dolore alla parte bassa destra della pancia, che visto sul disegno corrisponde alla parte bassa dell'ascendente al collegamento con il cieco in prossimità dell'appendice che non ho più, data la asportazione all'età dei 16 anni.
Subito mi sono preoccupato di questo dolore improvviso e duraturo, e non sapendo cosa fosse, me ne sono tornato a casa.
Mi sono allungato sul sofà ed il dolore è scomparso, ma la fifa mi è rimata. Ecco quindi un'altra sofferenza inaspettata
Il giorno dopo ho riprovato con la camminata, ma il dolore si è ripresentato ancora, che però facendo aria è scomparso.
Mi sono recato dal mio medico di base per avere delle delucidazioni in merito, che palpando il punto esatto del dolore che in quel momento non avevo, mi ha informato che probabilmente era una ERNIA.
Sul disegno è tracciato il punto preciso.
Mi ha informato che più in là, se continuava questo dolore mi avrebbe fatto fare una ecografia per stabilire così il da farsi. Ma secondo lui per eliminare la causa era necessario un piccolo intervento.
Per saperne di più lui mi ha proposto una visita da un chirurgo, che io ho rifiutato.
Anche perchè grazie agli "ALIMENTI ESSENZIALI", che ho ingoiato ogni giorno, ma sopratutto l'ACIDO ASCORBICO e la LISINA, avevo certezza che il COLLAGENE che mi facevano AUTOPRODURRE, avrebbe provveduto a risolvere questo problema.
Intanto ho capito anche la causa di questa ERNIA,
Guardando il disegno sopra si può rilevare che, dato che le feci, con la STOMIA, escono solo col sistema del TROPPO PIENO, ecco che queste feci fanno peso sul punto più basso, vista la uscita in un punto più alto.
Quindi è facile capire che questo peso caricando il punto più basso causava il rigonfiamento del colon in quel punto causando il dolore e la fuoruscita della ERNIA.
Ho anche scoperto che quando avevo il dolore, spingendo con le dita verso l'interno il punto, questo rigonfiamento ed il dolore scomparivano e per un periodo indeterminato non si presentavano più.
Ma sopratutto spariva se facevo aria. Quale miglior riprova cha la ERNIA era causata dal troppo peso delle feci o dal rigonfiamento causato dall'aria nell'intestino?
Ho provato a mangiare meno, ma la cosa non è cambiata in quanto ci voleva più tempo ad avere il carico necessario, ma il problema si ripresentava.
Ormai avevo capito come comportarmi, quindi non mi sono preoccupato più, anzi avevo la certezza che col tempo il mio corpo si sarebbe AUTOGUARITO come è naturale che sia.
Anticipo che in data odierna, questa ERNIA, grazie alla cura NATURALE CHE SEGUO SIA IN CIBI NATURALI CHE IN "ALIMENTI ESSENZIALI", OGNI GIORNO CON COSTANZA, ora a fine anno 2018, è sparita completamente.
Però in caso contrario, quanto sarebbe costata al Servizio Sanitario? Ma sopratutto quanto sarebbe stata la mia SOFFERENZA AGGIUNTA?
Intanto ho fatto molte ricerche sul web, dove ho trovato dei blog dove i membri raccontano la loro personale esperienza in merito a questa STOMIA.
Ho capito che molte persone dopo l'intervento della RICANALIZZAZIONE che rimetteva in funzione il loro colon, dopo molte peripezie hanno deciso di farsi rimettere la STOMIA in quanto il loro colon non rispondeva più alle sue originali funzioni, quindi causava loro sofferenze e disguidi debilitanti e continuati.
Certo, sono tutte persone, ed anche persone giovani, che questa STOMIA l'hanno tenuta per molto tempo, anche di un anno e più. Quindi è comprensibile che al loro colon serve MOLTO TEMPO per rimettersi a funziona normalmente, ed è comprensibile che nel frattempo può creare molte difficoltà.
La pagina recita:
"quindi, come la maggior parte della gente, fino a poco fa, non sapevo che fosse una stomia.
che cos’è?
è un “buco” sulla pancia. ne esistono di vari tipi e sono dei “salvavita” per un sacco di malattie.
la modella qui sopra ha il morbo di Chron e grazie ad una ileostomia può vivere… altrimenti sarebbe morta."
https://oltreilcancro.it/2016/02/18/la-mia-nuova-vita/

Questa dichiarazione è COMPLETAMENTE FALSA, ed è fatta in quanto così ci hanno insegnato.
Ma ci avranno insegnato BENE O PER LORO COMODO?
Questa domanda ce la dobbiamo porre, in quanto nessun medico ti dice chiaro:
TU TI AUTOGUARISCI. Parola che a lui NON E' STATA INSEGNATA o non ne conosce il significato.
Certo non lo dice perchè non glielo hanno insegnato.
MA LA AUTOGURIGIONE E' PER OGNI ESSERE VIVENTE, VEGETALI COMPRESI, quindi figuriamoci se non lo è anche per l'HOMO SAPIENS.
Personalmente ne sono un esempio vivente e sopratutto disponibile con tutti.
Ho dovuto notare che alla mia richiesta di eliminare questa STOMIA al chirurgo di turno, questi era restio a mettermi in lista e comunque doveva passare almeno 3 (tre) mesi dalla applicazione. Non capivo il perchè, ma questo perchè l'ho capito col tempo e la mia esperienza personale, motivo per il quale oggi sono quì a raccontarla a tutto il mondo poichè la GRANDE PORCATA DEVE ESSERE CONOSCIUTA DA TUTTE LE PERSONE ALLE QUALI QUESTA STOMIA VIENE PROPOSTA.
Per poter subire questo nuovo intervento di RICANALIZZAZIONE, mi hanno sottoposto a nuova COLONSCOPIA come da documentazione riportata sulla pagina relativa sotto descritta.
Quindi però, capito che questa STOMIA non era il massimo, specialmente tenerla per tutta la vita, ho usato tutti i mezzi a mia disposizione per farmela togliere, anche perchè piano piano, ingoiando SOLO CIBI NATURALI il mio corpo ha recuperato ed ero pronto a sopportare il nuovo intervento, il 4° (quarto) in questo ultimo anno. Intanto erano passati circa 3 mesi e mezzo.
In data 19 luglio 2018 la RICANALIZZAZIONE, intervento con cui finalmente mi hanno tolto la STOMIA.
La pagina recita:
"Per informazione, l'intervento della "ricanalizzazione" è stato rimandato al 19 luglio 2017, grazie al dottor Valente, primario del reparto di chirurgia e da lui effettuato, ed effettuata con successo.
"In seguito all'intervento per il blocco intestinale in data 25 marzo 2017, come ampiamente descritto sotto, ed aver asportato nell'occasione il tumore al colon, la stomia è stato un passaggio obbligatorio. Così ritengo che sia, ma dopo, ora capisco benissimo che questo è un passaggio molto INTERESSATO e di conseguenza non sono sicuro della sua utilità; però non sono in grado e non ho le necessarie informazioni per giudicare questo operato. Questa mia conclusione l'ho tirata in quanto un amico in Spagna, avendo subito lo stesso intervento, questo passaggio molto doloroso ed invalidante, non l'ha vissuto.
Posso dichiarare TANTA SOFFERENZA nel periodo, sia con la stomia (me la gestivo autonomamente) che dopo questa ricanalizzazione di cui molto meno, ma ancora oggi, dopo 16 giorni dall'intervento. Ho certezza che le complicanze per le persone normali sono veramente molte.
Prima di tutto per i giorni necessari al corpo per riuscire a liberare il colon ricollegato agli intestini. Ho testimonianza di 4-5 giorni indispensabili per ottenere la prima difficoltosa evacuazione a conferma del buon esito dell'intervento.
Ma questo non è che l'inizio, in quanto la nausea ed il vomito sono direttamente collegati a questa mancata evacuazione e di conseguenza una difficoltosa alimentazione orale.
Per fortuna mia e grazie agli "ALIMENTI ESSENZIALI" queste disabilitanti complicanze non le ho vissute, neppure una.
Certo, il dolore non mi è mai mancato, ma con l'aiuto dell'ACIDO ASCORBICO abbondantemente ingoiato, sono riuscito a dominare questo dolore evitando di immettere nel mio corpo DELETERI antidolorifici se non quelli delle flebo, quindi di obbligo Difatti la dimissione lo dichiara apertamente..
Mi sono presentato al reparto chirurgia il 18 luglio 2017 alle ore 8 a digiuno dalla sera precedente come da richiesto e da tre giorni non ingoiavo nè frutta nè verdura, sempre da richiesto.
Mi hanno prelevato il sangue per i necessari accertamenti.
Per pranzo della pastina in brodo, ma l'appetito non mi mancava.
Nel pomeriggio un clistere nella stomia mi ha ripulito alla grande. Però niente purga. Alla sera un piccolo clistere anale senza problemi.
A cena altro brodino e pastina, ma molto rada. Il mio peso era di 70.5 kg.il mattino del giorno precedente al ricovero.
Naturalmente non ho mai mancato di ingoiare le mie dosi normali con TUTTI gli "ALIMENTI ESSENZIALI" che ingoio ogni giorno.
Il mattino del 19 luglio 2017, giovedì giorno dell'intervento, non potendo più bere ho ingoiato tutto senza acqua.
Aspettando il mio turno, quando mi hanno detto di prepararmi ho ingoiato ACIDO ASCORBICO + CLORURO DI MAGNESIO + BICARBONATO DI POTASSIO senza acqua. Erano circa le 15.
Mi sono risvegliato verso le 17 e mi hanno riportato nella mia camera dove ho trovato Franca che mi aspettava.
Non potendolo fare autonomamente, lei mi ha messo in bocca quanto le chiedevo come è successo molte volte nel periodo di questi disguidi.
Ogni 3-4 ore circa ripetevo la operazione in quanto Franca ad una certa ora ha dovuto andarsene.
Naturalmente solo gli "ALIMENTI ESSENZIALI" descritti prima.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... azione.htm
Che sollievo ricominciare ad avere quel desiderio di eliminare gli scarti dal solo buco possibile e NATURALE!
Non ebbi problemi, neanche il giorno successivo all'intervento, in quanto non lesinavo con gli "ALIMENTI ESSENZIALI", dei quali i primi ACIDO ASCORBICO e CLORURO DI MAGNESIO, dai quali ho avuto un valido aiuto. Sia nella evacuazione che nella attenuazione dei dolori, in quanto non ho mai chiesto degli antidolorifici.
Infatti sul foglio delle dimissioni a conferma:
"Dimesso il 24 luglio 2017 con la seguente diagnosi di dimissione:
ESITI DI RESENZIONE SEC, HARTMANN.
MOTIVO DEL RICOVERO:
Ricanalizzazione colostomia (19/7)
DECORSO:
Regolare, buon controllo della sintomatologia dolorosa, ripresa della canalizzazione d'alvo e dell'alimentazione per via orale, ferita chirurgica in ordine, mobilizzazione autonoma.
TERAPIA DURANTE IL RICOVERO.
Antibiotica - antodolorifica - eparinica.
INTERVENTO CHIRURGICO
Ricanalizzazione colostomia (19/7)
TERAPIA CONSIGLIATA
- Fluxon 0.4 1fl sc/die per 6 giorni (fornito alla dimissione.
- Antidolorifici al bisogno
- Riprendere terapia domiciliare.
QUESTA SOPRADESCRITTA E' STATA LA TERAPIA degli "ALIMENTI ESSENZIALI" che inoltre ingoio costantemente ogni giorno, ed alcuni di loro da ormai 26 anni, ora fine 2018.
Quindi mi ero tolto il problema del "sacchetto", ma non sapevo a quali problemi stavo andando incontro, ma sopratutto quanta sofferenza avrei dovuto sopportare ancora!
Certo, mi resi conto che se ti rompi un polso e ti ingessano, dopo il relativo periodo, tolto il gesso è necessario fare FISIOTERAPIA.
Compresi che per il mio colon valeva la stessa regola, con la sola differenza che la FISIOTERAPIA non era possibile in quanto è un organo interno.
Mi sono spiegato, vero?
Quindi quanto tempo era necessario al mio COLON per rimettersi nelle condizioni precedenti all'intervento del tumore data la lunga inattività?
Ma sopratutto, come sarebbe stata la mia vita SENZA LA STOMIA?
Sono certo che avrei risparmiato MOLTA SOFFERENZA, ma non basta, ho ancora un passaggio molto debilitante da raccontare.
Dopo la RICANALIZZAZIONE la ferita mi ha causato da sempre un dolore continuo alla pancia, naturalmente non negli intestini, ma sotto pelle, quindi dalla ferita..
Intanto mettendomi i pantaloni per uscire di casa, per tenerli a posto dovevo mettermi la cintura, ma guai a chiuderla, poichè la pancia era un dolore continuo, quindi la cintura faceva solo figura.
Passavano i giorni ma il dolore non si attenuava, anzi aumentava sempre di più. Passava solo se allungato sul sofà o nel letto a pancia in sù, ma come mi alzavo il problema era sempre tale e quale.
Ho sopportato per almeno 6 (sei) mesi, ma un giorno che nonostante l'essere allungato il dolore non passava, anzi era veramente forte, ecco che mi sono recato dal mio medico di base per informazioni in merito.
Spiegato il problema mi ha informato che quel dolore era causati dalle ADERENZE e mi ripropose un'altra visita chirurgica che rifiutai categoricamente
Oddio, si aggiungeva un altro problema e cercato sul web ho scoperto che per ovviare era necessario un altro intervento chirurgico.
E' inutile che descriva la SOFFERENZA vissuta giorno e notte, che in crescendo era insopportabile. Ore lunghe che nessuno può descrivere se non le vive. Fortunatamente ingoiando alte dosi di ACIDO ASCORBICO, di notte si attenuavano e potevo riposare tutte le ore necessarie al mio corpo onde AUTOGUARIRSI. Mai meno delle otto ore. Almeno un periodo di tregua.
Un'amica che ho trovato nel circolo per gli anziani del paese, mi ha confermato che avendo avuto il mio stesso problema del tumore al colon, ma senza la STOMIA, causa le ADERENZE ha dovuto subire l'altro intervento per la eliminazione di queste.
Intanto il tempo passava ed il dolore delle ADERENZE si attenuava sempre più, però nella settimana passavo alcuni giorni che il mio corpo non era in forma, come invece per altri giorni che stavo bene.
Però i giorni NO, erano sempre meno, intanto siamo arrivati alla data odierna, in cui la ERNIA non la sento più e le ADERENZE sono sparite del tutto ed i giorni NO sono molto rari.
Con Franca, siamo impegnati tutta la settimana. Il lunedì solo la corsa ed un giro in bici, il martedì in palestra, il mercoledì in piscina per acquagin, il giovedì in palestra, il venerdì la corsa ed il giro in bici, il sabato il ballo liscio con bughi-bughi, e la ripetizione alla domenica.
Le mie forze sono quasi come prima del tumore e corro ogni giorno per allenarmi, dimenticando i problemi passati e divertendoci anche per il brutto periodo trascorso.
A dimostrazione della mia SALUTE, ecco tre video di questo ultimo periodo:
La scala dell'albergo di Rimini
https://www.facebook.com/genre.franco/v ... 219526697/

La corsa sulla passerella:
https://www.facebook.com/genre.franco/v ... 237020894/

Il tutto in piscina:
https://www.facebook.com/genre.franco/v ... 465457070/
.. ed oggi 28 dicembre 2018 eccomi sulla pista ghiacciata insieme ai bambini. Eccomi sulla pista di ghiaccio di Bra sulla quale il mio collaudo alla resistenza
https://www.facebook.com/genre.franco/v ... 554438894/
Ora concludendo, ho dimostrato ampiamente che la STOMIA non è altro che UN GUADAGNO PER IL CHIRURGO E CAPISCO CHE LUI GUADAGNA SOLO SE FA' INTERVENTI CHIRURGICI.
Senza contare le ditte che di questa loro INVENZIONE vivono sulla SOFFERENZA ALTRUI.
Ora se non avessi avuto il vantaggio degli "ALIMENTI ESSENZIALI", che con la AUTOGUARIGINE fatta dalle mie DIFESE IMMUNITARIE, che sono certo, ognuno di voi ormai ha capito della loro GRANDE UTILITA', avrei subito i PREVENTIVATI INTERVENTI CHIRURGICI elencati senza contare la SOFFERENZA CHE NE AVREI SUBITO IN QUEL PERIODO.
Posso quindi dichiarare che il mio COLON ci ha messo 18 mesi per recuperare senza la dovuta FISIOTERAPIA ma sono altrettanto certo che per essere perfettamente in quadro dovranno trascorrere ancora altri 6 (sei) mesi.
Però quante persone avrebbero superato tutti questi passaggi?
PERSONALMENTE PERO' POSSO CONCLUDERE CHE SE MI AVESSERO EVITATO QUESTA STOMIA, AVREI SICURAMENTE AVUTO MENO SOFFERENZA, EVITANDO COSI' DI TOCCARE QUEL FONDO CHE HO INVECE TOCCATO IN QUESTI ULTIMI 17 MESI, E GLI ALTRI 6 MESI CHE DOVRO' ANCORA PASSARE, CON QUEI GIORNI CUI LA "FISIOTERAPIA" DEL MIO COLON DOVRA' ANCORA TRASCORRERE ONDE METTERSI A FUNZIONARE APPIENO. CAPISCO PERO' CHE SE COSI' FOSSE STATO PERO LE PERSONE IMPLICATE IN QUESTO AVREBBERO AVUTO MENO GUADAGNO. E POI SI PARLA DEI MAGHI E DELLE CHIROMANTI CHE APPROFITTANO DELLA SOFFERENZA ALTRI, MA QUESTI PERSONAGGI COME DOBBIAMO CONSIDERARLI?
Lascio ad ognuno di voi tirare le sue personali conclusioni e non intendo colpevolizzare nessuno, perchè questa è LA VITA CHE E' SOLO DEI FURBI.
Ora mi permetto di sottoporvi due pagine che ritengo molto importanti per capire i VARI INGANNI:
La pagina recita:
Questo post deve essere molto breve, ma molto esplicativo, perchè lo ritengo molto informativo, quindi invito a TUTTI alla sua lettura.
Inizio col comunicare che i principali "ALIMENTI ESSENZIALI" sono:
ACIDO ASCORBICO cui la medicina lo chiama vitamina C
COLESTEROLO
vitamina D
CLORURO DI MAGNESIO.
Si, anche il COLESTEROLO è un "ALIMENTO ESSENZIALE", e lo dichiaro in quanto circola nel sangue ed è anche nel liquido seminale maschile.
La conferma certa ci viene dal medico di base il quale ne richiede il valore al laboratorio analisi.
Ora parto dal principio che i primi tre e cioè:
ACIDO ASCORBICO
COLESTEROLO
vitamina D
SONO AUTOPRODOTTI.
Nessuno lo può contestare, vero?
Quindi è facile capire che se sono AUTOPRODOTTI è perchè >Madre >Natura vuole che con questa AUTOPRODUZIONE, essi NON MANCHINO MAI, IN NESSUNA OCCASIONE, poichè in caso sarebbero guai grossi, quindi non posso che dedurre che dalla loro CARENZA non ne può venire nulla di buono.
La riprova di queste AUTOPRODUZIONI ci vengono da tutte le altre specie animali.
Mentre per il CLORURO DI MAGNESIO la pagina recita:
"Il mare ci offre due "ALIMENTI ESSENZIALI" importantissimi:
Il CLORURO DI MAGNESIO
e la vitamina D.
Infatti in un litro di acqua del Mare Mediterraneo, vi sono 7 grammi di CLORURO DI MAGNESIO, poichè nel mare vi è la quantità più importante del pianeta.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... romare.htm

E perchè la vitamina D?
Semplicemente perchè OGNI INDIVIDUO DI OGNI SPECIE vivente in queste acqua è OBBLIGATO A SUBIRE I RAGGI UV DEL SOLE PER TUTTA LA SUA VITA, E DATA LA AUTOPRODUZIONE NON POSSONO FARE A MENO DI AVERNE IN ABBONDANZA, QUINDI ANCHE PER NOI INGOIANDOLI..
E' facile capire che TUTTA la vita marina, ANIMALE o VEGETALE, in questo CLORURO DI MAGNESIO CI NASCE CI VIVE E CI MUORE e se dovesse essere ALLERGICO o soffrisse di IPERMAGNESIEMIA le specie si sarebbero estinte da sempre, quindi come è possibile che questi problemi li abbiano SOLO le specie viventi sulla terra, ma specialmente l'HOMO SAPIENS?
Passiamo ora al COLESTEROLO, per il quale la medicina ne combatte la AUTOPRODUZIONE con le MICIDIALI STATINE, cui le controindicazioni di questi "principi attivi" sono descritte sui BUGIARDINI (foglietti illustrativo).
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... odotti.htm
e questo:
"Come vedremo sotto, mano a mano che avanziamo nella lettura, troviamo che per mantenersi la SALUTE, ogni essere vivente deve CIBARSI.
Quindi il CIBO NATURALE è ciò che deve essere una regola per ogni individuo.
Conta quindi il contenuto di questi CIBI NATURALI in SALI MINERALI e VITAMINE. Mentre la medicina li chiama INTEGRATORI, ed il SISTEMA sà perfettamente il perchè di questa parola, noi che ne conosciamo la utilità di questi, arrogantemente li abbiamo denominati "ALIMENTI ESSENZIALI" che sono i SALI MINERALI E LE VITAMINE. La parola la scrivo in maiuscolo e tra virgolette, poichè HO CERTEZZA che dentro questi il corpo di mio padre ha GENERATO quello spermatozoo che mi ha dato la vita. E vi pare poco?
Stabilito questo: CIBI NATURALI contenenti gli "ALIMENTI ESSENZIALI", dobbiamo aggiungere il terzo ingrediente indispensabile per la VERA SALUTE degli animali, in quanto ai nostri fratelli vegetali questo ingrediente non è richiesto, in quanto il primo è il CIBO NATURALE, il secondo gli "ALIMENTI ESSENZIALI" contenuti in questo CIBO NATURALE:
IL MOVIMENTO.
Parleremo del più importante tra gli "ALIMENTI ESSENZIALI":
L'ACIDO ASCORBICO
definiremo senza ombra di dubbio, cosa unisce gli ANIMALI ai VEGETALI.
Parleremo del primo ANTICIBO, che danneggia giornalmente la SALUTE UMANA, in quanto DROGA-INSETTICIDA:
IL CAFFE'
Continueremo con quanto causa le più disparate malattie:
LA STITICHEZZA
Troveremo conferma di quanto sia importante liberare il corpo dai rifiuti, quindi evitando questa sopracitata STITICHEZZA.
Parleremo delle CELLULE di cui il corpo animale è composto, e di quanto sia importante che queste cellule siano liberate da questi scarti.
Detto questo, mi permetto di citare la parte dell'articolo in oggetto che dice:
"Per cui, come al solito, per un buon funzionamento del nostro corpo, servono soprattutto VITAMINE e MINERALI, questo mangiano le nostre cellule e questi importanti nutrimenti si trovano solo nella frutta e nelle verdure crude. Non sono in farmacia, non sono dentro gli integratori, sono dentro a cibo vivo ed organico."
Quindi l'articolo ci informa che le cellule VIVONO DI "ALIMENTI ESSENZIALI" come il SODIO, il POTASSIO, il CALCIO, il MAGNESIO che ne sono la base e gli altri che le sono indispensabili per mantenersi in SALUTE.
Sotto la spiegazione precisa della pompa SODIO-POTASSIO che ne sono la loro base.
L'articolo cita queste vitamine e minerali come "integratori", ma la parola è FALSA, in quanto, sapendo che questi SONO NEL MIO SANGUE e sono anche nel MIO LIQUIDO SEMINALE MASCHILE di maschio, NON AMMETTO CHE SIANO DENOMINATI con questo nome, ma devono essere denominati "ALIMENTI ESSENZIALI" in quanto sono scritti nel mio DNA a lettere di fuoco.
La conferma certa ci viene dal medico di base il quale ne richiede il valore al laboratorio analisi che riescono a definirli SOLO con formula chimica, poichè solo così si possono riconoscere.
A riprova ancora la RGR (Razione Giornaliera Raccomandata) che li elenca TUTTI i conosciuti e riporta come quantità massima consentita da ingoiare giornaliero, per questi "ALIMENTI ESSENZIALI", come si può rilevare dal link, i valori massimi sotto descritti.
Si potrà anche rilevare che nelle diverse date queste quantità sono state aumentate di valori che ritengo irrisori rispetto ai valori che >Madre >Natura ha sicuramente previsto per la AUTOPRODUZIONE.
vitamina C - ACIDO ASCORBICO, nella prima tabella il valore di 0.60 mg, nella seconda 500 mg e nell'ultima attuale 1000 mg.
vitamina D, nella prima tabella il valore di 5 mcg, nella seconda 7.5 mcg e nell'ultima attuale 10 mcg.
MAGNESIO, mantenendo sempre il valore di 450 mg.
COLESTEROLO, non è previsto nella tabella, in quanto non si ha mai avuto un segnale di CARENZA, ma sempre un segnale di ABBONDANZA, quella che si dovrebbe avere per ognuno di questi grazie alla AUTOPRODUZIONE.
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... ionerg.htm

Ecco per cui accettare che vi sia differenza fra gli "ALIMENTI ESSENZIALI" contenuti dai CIBI NATURALI e gli "ALIMENTI ESSENZIALI" prodotti sinteticamente, non è possibile, in quanto entrambi sono riconosciuti SOLO CON UNA FORMULA CHIMICA, sia dal laboratorio analisi disciolti nel sangue, che quelli nella confezione prodotti sinteticamente, per essere ingoiati, quindi senza alcuna differenza, in quanto NON SONO varietà di mele o di pere.
Questa differenza viene inventata dalla medicina onde evitare che se ne ingoi tanto da ottenere la SALUTE, che sarebbe con questa per loro, una perdita in denaro, e non solo in denaro ma in prestigio.
L'articolo riporta ancora:
"Innanzitutto cosa vuol dire di tutto un po’ ? Intendono di tutto ciò che viene venduto in un moderno supermercato? Saremmo morti da 5 milioni di anni, visto che i supermercati esistono da pochi decenni. Forse si potrebbe intendere di tutto un po’ di ciò che in una ipotetica foresta, luogo naturale di partenza, noi umani con i nostri mezzi naturali, potremmo mangiare! Ecco così sicuramente questa regola vale!".
Questa parte conferma chiaramente che i CIBI degli scaffali sono da evitare come la peste in quanto ANTICIBO contenente PRODOTTI CHIMICI VELENOSI consigliati dalla medicina attraverso le tanto pubblicizzate "prove scientifiche".
Non solo i CIBI ANTICIBO degli scaffali proposti dalle industrie alimentari, ma parlando dei "principi attivi", quale di questi potranno guarire UNA CELLULA MALATA che insieme ad altre CELLULE uguali MALATE formano UN ORGANO MALATO? Come potranno guarire queste CELLULE MALATE, le quali hanno necessità di "ALIMENTI ESSENZIALI" e NON SONO IN GRADO DI RICONOSCERE PRODOTTI CHIMICI VELENOSI?
Dell'articolo riporto nuovamente:
"Intendono di tutto ciò che viene venduto in un moderno supermercato? Saremmo morti da 5 milioni di anni, visto che i supermercati esistono da pochi decenni."
... quindi intende i PRODOTTI CHIMICI VELENOSI, frutto della "ricerca scientifica" della SCIENZA, aggiunti a ciò che dovrebbe essere UN CIBO NATURALE, ma che di NATURALE non ha più nulla.
Come faccio a dichiarare che sono PRODOTTI CHIMICI VELENOSI?
Solo per il fatto che se fossero CIBI NATURALI NON CI SAREBBE IL BISOGNO DELLE "prove scientifiche", vero?
Quindi anche i "brevetti" dei "principi attivi" SONO IL FRUTTO DELLE "ricerche scientifiche".
Come abbiamo visto però, che le nostre cellule vivono di "ALIMENTI ESSENZIALI" è chiaro che i "principi attivi" non riusciranno mai a guarire le cellule malate.
Comprensibile vero?
Lascio quindi a voi la vostra personale conclusione.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... vivere.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... stomia.htm
.


09 gen 2019, 08:36
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)