Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 25 set 2018, 08:44


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Bassi livelli di vitamina k2 associati a rigidita' e calcifi 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 1123
Località: Saluzzo
Messaggio Bassi livelli di vitamina k2 associati a rigidita' e calcifi
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... zionia.htm
Per le pagine precedenti:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... edenti.htm

La vitamina K è una vitamina importante per la salute dall'apparato circolatorio, un nuovo studio suggerisce che la mancanza di matrice attiva Gla-proteica (MGP) è associata a calcificazione vascolare, rigidità vascolare e arteriosa.
La pagina in oggetto recita:
"I ricercatori hanno misurato la calcificazione vascolare e la rigidità vascolare misurando anche le lesioni delle calcificazioni nell'aorta addominale, e attraverso la valutazione dell' indice vascolare chiamato cardio-ankle e la velocità delle pulsazioni."
Per rivedere il pensiero di questo FALSO articolo sotto citato, dobbiamo partire da una informazione molto precisa e valida che dice:
"Nel nostro organismo, normalmente avvengono fenomeni di natura elettrica e di natura atomica, sia negli interscambi fra cellula e cellula che all'interno della cellula stessa.
Ogni nostra cellula possiede un equilibrio fra il suo interno ed il suo esterno che si fonda sulla stabilità del potenziale di membrana e sulla regolarità del meccanismo della pompa sodio-potassio.
Tutti gli elementi leggeri (almeno 21) sono essenziali per la vita. Di questi in particolare sono quattro quelli fondamentali: Sodio, Potassio, Calcio e Magnesio.
L'individuo sano possiede:
- tutti gli elementi necessari nella giusta quantità
- un regolare potenziale di membrana e un regolare funzionamento della pompa sodio-potassio
- un sistema immunitario integro ed efficiente
NELL'ORGANISMO SANO, E SECONDO LE NECESSITA', SI PRODUCONO, PER AZIONE DEGLI ENZIMI, DELLE TRASMUTAZIONI DI UN ELEMENTO IN UN ALTRO: IL CALCIO IN POTASSIO O IN MAGNESIO, IL SODIO IN O MAGNESIO, IL MAGNESIO IN CALCIO, IL POTASSIO IN CALCIO ECC.. IN PARTICOLARE, L'EQUILIBRIO DELLA POMPA SODIO-POTASSIO è SALVAGUARDATA DAGLI ASCORBATI DEI QUATTRO ELEMENTI, CIOE' DALLA SALINIFICAZIONE DI QUESTI ULTIMI OPERATA DALL'ACIDO ASCORBICO
L'organismo equilibrato è in grado di mantenere attivo questo processo e di conseguenza il sistema immunitario preposto a combattere ogni forma di aggressione."
Quindi la parte iniziale dell'articolo non ha ragione di essere:
"Nonostante l’ossessione nella nostra società per assunzione di calcio, gli studi mostrano ripetutamente che le culture con il più elevato consumo di latte e prodotti caseari, e quindi con la più alta assunzione di calcio, presentano la maggiore incidenza di fratture osteoporotiche e di denti in cattive condizioni.
Questa osservazione ha dato origine a quello che viene chiamato il “paradosso del calcio”.
Come è possibile che nel mondo occidentale sono considerati necessari da 1000 a 1500 mg di calcio al giorno per mantenere la salute delle ossa mentre molte altre popolazioni mantengono forti le ossa e i denti in discrete condizioni con l’assunzione di 400 mg o meno di calcio?" "
quindi, NON CONTA la quantità di CALCIO, ma la quantità di ACIDO ASCORBICO ingoiato per la SALINIFICAZIONE di questo minerale se in eccesso per trasmutarlo negli altri minerali di cui in eventuale CARENZA.
Un esempio che dimostra chiaramente quanto sopra è quello di un COLOMBO che nel periodo invernale, carente di CIBO, trovandone uno SOLO contenente molto POTASSIO, sicuramente non sapendo che può causargli danni alla salute lo ingoia tranquillamente per mesi.
Naturalmente però tutto questo POTASSIO potrebbe arrecare danni a questo colombo, non solo ma se dipendesse dalla medicina dichiarerebbe questo colombo in IPERKALEMIA o IPERPOTASSEMIA, senza tenere conto che invece Madre Natura non vuole che questo succeda, altrimenti cesserebbe la vita sulla terra, ed ecco che allora questa Madre Natura e la EVOLUZIONE gli vengono in soccorso ed il FEGATO del colombo gli AUTOPPRODUCE dal concepimento alla morte la necessaria quantità di ACIDO ASCORBICO per ovviare e TRASMUTARE per mezzo della SALINIFICAZIONE tutto questo POTASSIO negli altri minerali ESSENZIALI, di cui è carente il CIBO e che ha bisogno per non ammalarsi e rischiare la estinzione.
Accertato che l'ACIDO ASCORBICO ingoiato in giuste dosi, gioca un ruolo molto importante con gli "ALIMENTI ESSENZIALI", equilibrandoli alle sue necessità, riguardo alla OSTEOPOROSI, della quale soffrono milioni di persone e di cui si colpevolizza il CALCIO, sono certo che si debba smettere di colpevolizzare questo MINERALE, ma che si debba rivolgere lo sguardo verso un "ALIMENTO ESSENZIALE" denominato vitamina D (un ORMONE), di cui vi è una CARENZA ACCERTATA su famiglie complete e quindi di tutta la popolazione umana. Per conoscere la CARENZA basta un semplice esame del sangue richiedendo i valori di:
vitamina D
PARATORMONE
CALCIO (che sono CERTO lo si rileverà nel sangue SEMPRE NORMALE)
OMOCISTEINA
vitamina B12
e sono certo che se si ha il COLESTEROLO ALTO si ha CARENZA CERTA di vitamina D.
Questa vitamina D dovrebbe essere AUTOPRODOTTA dal corpo sotto la pelle, trasmutando il COLESTEROLO anch'esso AUTOPRODOTTO dal fegato con l'ausilio dei raggi UV del SOLE, che è fonte di vita per ogni essere vivente, ma a causa della mancata esposizione e della DEMONIZZAZIONE, VOLUTAMENTE si fà evitare la AUTOPRODUZIONE di questo INDISPENSABILE ORMONE vitamina D.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... ormone.htm
"La vitamina K è una molecola liposolubile scoperta nel 1929 dallo scienziato danese Henrik Dam. Egli osservò che polli sottoposti ad una dieta inadeguata sviluppavano una particolare situazione clinica caratterizzata da bassi livelli di protrombina e spiccata tendenza emorragica. Successivamente gli stessi scienziati scoprirono che nutrendo questi animali con piante ricche di sostanze liposolubili (erba medica/medicago sativa) era possibile alleviare questi problemi. Questa sostanza che influiva sulla coagulazione (in danese : Koagulation) fu chiamata vitamina K. Negli stessi anni veniva anche scoperto che soggetti con gravi patologie epatiche ad impronta itterica avevano anch’essi bassi livelli di protrombina. Era stato chiarita la relazione tra vitamina K, adeguata funzione epatica e normale funzione coagulativa.
Dal punto di vista biochimico la vitamina K è un chinone, più precisamente un naftochinone. Nell’ambito dei chinoni si annovera anche l’Ubichinone o Coenzima Q10, quella fondamentale molecola che a livello della Fosforilasi ossidativa mitocondriale catalizza il passaggio più importante, ovvero quello della riduzione dell’ossigeno cellulare ad acqua, con liberazione di una gran quantità di energia sotto forma di ATP. In realtà l’entità di produzione energetica dipende dal potenziale ossido-riduttivo della molecola piazzata a questo livello. Gli antrachinoni hanno un potenziale redox più alto di quello del CoQ10 fisiologico e quindi forzano una maggior produzione di energia, ma anche di ossidazioni, peraltro molto utili in svariate patologie.
L’azione biochimica base della vit.K è la g carbossilazione dei residui glutamminici di varie proteine (Vitamin K-Dependent Gla Proteins) a livello microsomiale. La carbossilazione proteica rappresenta un potente meccanismo di stimolo della capacità legante il calcio della proteina stessa.k1Questa azione viene fatta con ossidazione della vit.K, si libera l’energia necessaria per la decarbossilazione la quale attiva le proteine della coagulazione e permette il legame con gli ioni Ca2+ che creano ponti tra le proteine della coagulazione e i fosfolipidi di membrana delle piastrine.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... iaging.htm
Traduzione dall'inglese dell'articolo del dr. Mercola
Cosa devi sapere sulla vitamina K2, D e calcio
Storia a colpo d'occhio
La vitamina K2 è un'importante vitamina solubile in grassi che svolge un ruolo fondamentale nella protezione del tuo cuore e del cervello e nella costruzione di forti ossa. Essa svolge anche un ruolo importante nella protezione del cancro
Il ruolo biologico della vitamina K2 è quello di aiutare a spostare il calcio nelle aree corrette del tuo corpo, come le tue ossa ei denti. Aiuta anche a rimuovere il calcio da aree in cui non deve essere, come nelle arterie e nei tessuti molli
Le quantità ottimali di vitamina K2 sono ancora in fase di indagine, ma sembra probabile che 180-200 microgrammi di vitamina K2 potrebbero essere sufficienti per attivare le proteine K2 dipendenti del vostro corpo per trasferire il calcio nelle aree corrette
Se prendi la vitamina D orale, devi anche assumere la vitamina K2. La carenza di vitamina K2 è in realtà ciò che produce i sintomi della tossicità della vitamina D, che include una calcificazione inappropriata che può portare all'indurimento delle arterie
Se prendi un integratore di calcio, è importante mantenere il giusto equilibrio tra calcio, vitamina K2, vitamina D e magnesio. La mancanza di equilibrio tra queste sostanze nutritive è il motivo per cui gli integratori di calcio sono stati associati ad un aumento del rischio di infarto e ictus

Dott. Mercola
La vitamina K è una vitamina solubile in grassi più nota per il ruolo importante che gioca nella coagulazione del sangue. Tuttavia, molti non si rendono conto che esistono diversi tipi di vitamina K e sono completamente diversi.
I benefici per la salute della vitamina K2 vanno ben oltre il coagulo di sangue, fatto dalla vitamina K1 e la vitamina K2 funziona anche sinergicamente con un certo numero di altre sostanze nutritive, tra cui il calcio e la vitamina D.
Il dottor Kate Rheaume-Bleue, un medico naturopatico con un forte interesse per la nutrizione, ha scritto quello che credo sia uno dei libri più completi su questo importante argomento, intitolato: Vitamina K2 e il paradosso del calcio: come una piccola vitamina nota potrebbe risparmiare La tua vita
"Ho sintonizzato le ricerche emergenti su K2 all'inizio del 2007", dice. "Non molto tempo prima, avevo letto la nutrizione e la degenerazione fisica di Weston A. Price. Quando ho imparato sulla vitamina K2, ho pensato:
"Hey, sai cosa? Sono sicuro che Price ha parlato tutto di questo nel suo libro". Sono andato al libro, ho guardato e non ho trovato alcun riferimento alla vitamina K2. Ero veramente stumped.
Un po 'più tardi nel 2007, ho letto un articolo brillante di Chris Masterjohn che collega la vitamina K2 al lavoro di Price su Activator X.
Una volta che ho capito quel collegamento, la lampadina ha continuato a parlare di quanto sia importante questo nutrimento e come è trascurato è stato così a lungo. Realmente fornisce il pezzo mancante al puzzle di tante condizioni sanitarie, eppure è stato completamente trascurato, nonostante le enormi quantità di ricerca moderna ".

Che cosa è così speciale circa la vitamina K2?
La vitamina K è in realtà un gruppo di vitamine liposolubili. Tra i due principali, K1 e K2, quelli che ricevono la massima attenzione sono K1, che si trova in verdure a foglia verde e è molto facile da ottenere attraverso la vostra dieta. Questa mancanza di distinzione ha creato molta confusione ed è uno dei motivi per cui la vitamina K2 è stata trascurata per così tanto tempo.
I tre tipi di vitamina K sono:
La vitamina K1, o il fililoquinone, si trova naturalmente in piante, in particolare nelle verdure; K1 va direttamente al tuo fegato e ti aiuta a mantenere la coagulazione sana del sangue
La vitamina K2, chiamata anche menaquinone, è fatta dai batteri che allineano il tratto gastrointestinale; K2 va dritto alle pareti dei vasi sanguigni, alle ossa e ai tessuti diversi dal fegato
La vitamina K3, o menadione, è una forma sintetica che non consiglio; È importante notare che tossicità è avvenuta nei neonati iniettati con questa vitamina K3 sintetica
Esso svolge anche un ruolo nella rimozione del calcio da aree in cui non dovrebbe essere, come nelle arterie e nei tessuti molli.
"K2 è veramente critico per mantenere le ossa forti e le arterie chiare", dice Rheaume-Bleue.
Ora, la vitamina K2 può essere suddivisa in due categorie aggiuntive, chiamate:
MK-4 (menaquinone-4), una forma di vitamina K2 a catena corta trovata in burro, tuorli d'uovo e alimenti a base di animali
MK-7 (menaquinone-7), forme a catena lunga trovate in alimenti fermentati. C'è una varietà di queste forme lunghe, ma la più comune è MK-7. Questo è quello che vorrai cercare nei supplementi, perché in una forma supplementare, i prodotti MK-4 sono in realtà sintetici. Non sono derivati da prodotti alimentari naturali contenenti MK-4.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... storia.htm
Un nuovo studio suggerisce che la mancanza di matrice attiva Gla-proteica (MGP) è associata a calcificazione vascolare, rigidità vascolare e arteriosa.
L' attivazione del MGP dipende dalla vitamina K, per cui questi risultati possono quindi sottolineare l'importanza di un adeguato apporto di vitamina K per la salute cardiovascolare.
Hogne Vik, il medico che ha condotto lo studio ha detto che: "Il meccanismo di MGP che inibisce la calcificazione delle arterie è stato chiaramente comprovato nel cellule animali e umane".
"In effetti, una quantità adeguata di vitamina K è necessaria per attivare l' MGP ed è ampiamente riconosciuto che la vitamina K2 come menachinone-7 (MK7) è la forma più biodisponibile e bioattiva di vitamina K come supplemento alimentare disponibile al giorno d' oggi.".
Nel primo studio, pubblicato sulla rivista scientifica "Nefron"(1), sono stati inclusi 83 pazienti con malattia renale cronica (CKD), con un'età media di 62,9 +/- 13,9 anni.
I ricercatori hanno misurato la calcificazione vascolare e la rigidità vascolare misurando anche le lesioni delle calcificazioni nell'aorta addominale, e attraverso la valutazione dell' indice vascolare chiamato cardio-ankle e la velocità delle pulsazioni.
I livelli plasmatici ematici di MGP inattivi sono stati misurati con il metodo ELISA.
I ricercatori hanno provato che i livelli inattivi di MGP nel plasma sono aumentati a seconda della gravità della malattia renale cronica, e sono stati positivamente associati con una maggiore calcificazione vascolare.
Essi hanno concluso che alti livelli di MGP inattivi (noti anche come dp-ucMGP), possono anche " essere utilizzati come marker di una precoce calcificazione vascolare nei pazienti con Insufficienza Renale Cronica (IRC)"
Nel secondo studio, i due ricercatori hanno studiato i percorsi collegati alla rigidità arteriosa in un gruppo di 66 soggetti che avevano il diabete di tipo 2, con un'età media di 62 +/- 12 anni.
Scrivendo sul Journal of Hypertension, i ricercatori hanno utilizzato velocità delle pulsazioni per misurare la rigidità arteriosa attraverso a la tonometria arteriosa (Una tecnica per la misurazione della pressione sanguigna).
Essi hanno scoperto che i livelli di MGP inattivi circolanti era indipendentemente associata con velocità della pulsazione nei pazienti diabetici.
"Questo suggerisce che se la vitamina K2 è carente, la mancata attivazione del MGP può portare a calcificazioni importanti delle arterie e potrebbe essere corretta con la supplementazione di vitamina K2 nei pazienti con diabete", hanno concluso i ricercatori.
Questi studi confermano ancora una volta che la regolare supplementazione di vitamina K2 è essenziale per la salute cardiovascolare.
"Questi nuovi studi clinici hanno documentato correlazioni tra la calcificazione delle arterie e elevate quantità MGP inattivi, sia nei pazienti diabetici che nei pazienti con insufficienza renale cronica", spiega il Dott. Vik.
"La buona notizia è che la vitamina K2/MK-7 (come la Primal K2 1000) ha dimostrato di ridurre i livelli di matrice attiva Gla-proteica (MGP) e che la K2 ha dimostrato di ridurre la rigidità arteriosa in soggetti sani e in pazienti con malattie renali."
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... zionea.htm

Un nuovo studio suggerisce che la mancanza di matrice attiva Gla-proteica (MGP) è associata a calcificazione vascolare, rigidità vascolare e arteriosa.

L' attivazione del MGP dipende dalla vitamina K, per cui questi risultati possono quindi sottolineare l'importanza di un adeguato apporto di vitamina K per la salute cardiovascolare.

Hogne Vik, il medico che ha condotto lo studio ha detto che: "Il meccanismo di MGP che inibisce la calcificazione delle arterie è stato chiaramente comprovato nel cellule animali e umane".

"In effetti, una quantità adeguata di vitamina K è necessaria per attivare l' MGP ed è ampiamente riconosciuto che la vitamina K2 come menachinone-7 (MK7) è la forma più biodisponibile e bioattiva di vitamina K come supplemento alimentare disponibile al giorno d' oggi.".

Nel primo studio, pubblicato sulla rivista scientifica "Nefron"(1), sono stati inclusi 83 pazienti con malattia renale cronica (CKD), con un'età media di 62,9 +/- 13,9 anni.

I ricercatori hanno misurato la calcificazione vascolare e la rigidità vascolare misurando anche le lesioni delle calcificazioni nell'aorta addominale, e attraverso la valutazione dell' indice vascolare chiamato cardio-ankle e la velocità delle pulsazioni.

I livelli plasmatici ematici di MGP inattivi sono stati misurati con il metodo ELISA.

I ricercatori hanno provato che i livelli inattivi di MGP nel plasma sono aumentati a seconda della gravità della malattia renale cronica, e sono stati positivamente associati con una maggiore calcificazione vascolare.

Essi hanno concluso che alti livelli di MGP inattivi (noti anche come dp-ucMGP), possono anche " essere utilizzati come marker di una precoce calcificazione vascolare nei pazienti con Insufficienza Renale Cronica (IRC)"

Nel secondo studio, i due ricercatori hanno studiato i percorsi collegati alla rigidità arteriosa in un gruppo di 66 soggetti che avevano il diabete di tipo 2, con un'età media di 62 +/- 12 anni.

Scrivendo sul Journal of Hypertension, i ricercatori hanno utilizzato velocità delle pulsazioni per misurare la rigidità arteriosa attraverso a la tonometria arteriosa (Una tecnica per la misurazione della pressione sanguigna).

Essi hanno scoperto che i livelli di MGP inattivi circolanti era indipendentemente associata con velocità della pulsazione nei pazienti diabetici.

"Questo suggerisce che se la vitamina K2 è carente, la mancata attivazione del MGP può portare a calcificazioni importanti delle arterie e potrebbe essere corretta con la supplementazione di vitamina K2 nei pazienti con diabete", hanno concluso i ricercatori.

Questi studi confermano ancora una volta che la regolare supplementazione di vitamina K2 è essenziale per la salute cardiovascolare.

"Questi nuovi studi clinici hanno documentato correlazioni tra la calcificazione delle arterie e elevate quantità MGP inattivi, sia nei pazienti diabetici che nei pazienti con insufficienza renale cronica", spiega il Dott. Vik.

"La buona notizia è che la vitamina K2/MK-7 (come la Primal K2 1000) ha dimostrato di ridurre i livelli di matrice attiva Gla-proteica (MGP) e che la K2 ha dimostrato di ridurre la rigidità arteriosa in soggetti sani e in pazienti con malattie renali."

Bibliografia:
?
1. Thamratnopkoon S et al., “Correlations of plasma desphosphorylated uncarboxylated matrix Gla protein with vascular calcification and vascular stiffness in chronic kidney disease,” Nephron. Published online December 13, 2016.
2. Sardana M et al., “Inactive matrix Gla-protein and arterial stiffness in type 2 diabetes mellitus,” American Journal of Hypertension. Published online December 7, 2016.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... zionia.htm
.
.


26 feb 2018, 10:04
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

Conosci "Ragnarok Online"? Giocaci GRATIS adesso su Infinity 2.0!
CLICCA QUI!


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)