Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 18 ott 2017, 16:32


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 ARSENICO nelle acque minerali, la lista 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 970
Località: Saluzzo
Messaggio ARSENICO nelle acque minerali, la lista
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... senico.htm
Chiedo scusa, benchè avvezzo a scoperte pressochè sensazionali che già vi ho elencato quali, questa ultima mi ha lasciato di stucco.
Già ero venuto a conoscenza del CANCEROGENO bisfenolo A o BPA contenuto nella plastica, comprese le bottiglie dell'acqua minerale, ma non avevo ancora scoperto che nelle acque minerali vi si trova anche l'ARSENICO.
La descrizione che ne dà l'articolo del fondo pagina non lascia dubbi sulla sua pericolosità.
Mi permetto di riportare una parte dell'articolo come anteprima:
"L’Arsenico è classificato dall’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro come elemento cancerogeno certo di classe 1, e posto in diretta correlazione con molte patologie oncologiche, e in particolare con il tumore del polmone, della vescica, del rene e della cute. L’assunzione cronica di arsenico, soprattutto attraverso acqua contaminata, è indicata, da una rilevante documentazione scientifica, anche quale responsabile di patologie cardiovascolari, neurologiche, diabete, lesioni cutanee, disturbi respiratori, disturbi della sfera riproduttiva e malattie ematologiche."
Ed è per questo che ringrazio la mia convinzione di sempre che le acque dell'acquedotto sia la più controllata e la più PURA.
L'inganno del CLORO è ormai palese a tutti.
Riguardo al CLORO Wikipedia riporta: "Lo ione cloruro (formula chimica Cl-) è lo ione di cloro con numero di ossidazione -1, cioè un atomo di cloro carico negativamente con un elettrone. Esso si forma normalmente sciogliendo acido cloridrico in acqua. I sali che contengono uno ione di questo tipo vengono detti cloruri."
https://it.wikipedia.org/wiki/Cloruro

Mentre il professor Pierre Delbert scrive: """pagina 11/51------differenza del cloruro alle altre forme (carbonati)
Delbert aveva già sperimentato l'assunzione di dolomia per questo tipo di problema. ma senza ottenere risultati (la dolomia è un carbonato doppio di magnesio e calcio). La prosecuzione delle ricerche provò che l'azione del CLORURO DI MAGNESIO o delle DELBIASE era dovuta probabilmente non allo ione magnesio, ma alla molecola salina (il CLORURO). Esiste una grande differenza tra il carbonato e i sali alogenati! Egli potè constatare anche che, mentre i carbonati accelerano l'evoluzione di tumori neoplastici o delle lesioni precancerose, il CLORURO DI MAGNESIO, come la DELBIASE, ne arresta lo sviluppo e spesso li fa persino regredire.
I suoi numerosi esperimenti (ahime, sugli animali) prendendo quindi di mira la prevenzione e l'evoluzione di tumori innestati. I risultati, nettamente favorevoli, provano che è possibile rallentare l'evoluzione dei tumori saturando l'organismo di questi sali alogeni di magnesio, La loro azione sulla cellula neoplastica è indiscutibile. Tali fatti clinici gli permisero di attribuire ai sali alogenati di magnesio (CLORURO DI MAGNESIO e DELBIASE) un'azione preventiva contro il cancro.
Egli d'altra parte sottolinea che il CLORURO DI MAGNESIO non dev'essere considerato come tossico per la cellula neoplastica. In realtà "tutto quello che vive ha bisogno di magnesio, tanto le cellule neoplastiche quanto quelle sane". L'azione dei sali di magnesio, infatti, è citofilattica, vale a dire che essi aumentano la resistenza e l'attività delle cellule, ripristinando il buon funzionamento cellulare quando questo è compromesso da una qualsiasi patologia.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... gnesio.pdf
Quindi questo tanto demonizzato CLORO è parte degli "ALIMENTI ESSENZIALI" come ad esempio lo è il BORO, ritenuto un veleno dalla medicina, mentre il BORO NO.
Il borace Conspiracy - Come The Cure Artrite è stato fermato da Walter Ultima
Gio, 2013/06/27 - 01:34 - Arthur Cristian
Il borace Conspiracy
Come la cura di artrite è stato arrestato
Di Walter Ultimo
Potrebbe non essere in grado di immaginare che il borace, questo umile insetticidi e lavanderia detersivo, ha il potenziale di da solo abbattere il nostro intero sistema economico. Ma non c'è bisogno di preoccuparsi, il pericolo è stato riconosciuto e sono già state adottate le misure necessarie per sdrammatizzare la situazione. Vorrei iniziare con le basi e capirete cosa intendo come la storia si sviluppa. Borace è un minerale naturale comunemente estratto da laghi salati secchi, ed è la fonte di altri composti di boro fabbricati.
I principali giacimenti sono in California e Turchia. Nomi chimici sono sodio tetraborato decaidrato, tetraborato decaidrato, o semplicemente borato di sodio. Questo significa che contiene quattro atomi di boro come caratteristica centrale combinata con due atomi di sodio e dieci molecole (o volte meno) di acqua di cristallizzazione. Tutti borace è naturalmente estratto, non c'è borace sintetico, la differenza è solo la quantità di acqua di cristallizzazione contiene - decaidrato significa 10 molecole di acqua, significa pentaidrato 5, e anidrite significa 0 acqua; chimicamente è lo stesso.
Il borace è comunemente venduto come grado tecnico o agricolo con 99-99,5% di purezza minima. Potenziali impurità costituite da sodio, potassio, calcio, cloruro, bicarbonato, carbonato, solfato e fosfato ma metalli non tossici o pesanti. Questo grado comprende il borace comunemente usato come detergente per la casa. Qualità farmaceutica non è visibilmente più puro o migliore.
Borace è il sale sodico dell'acido borico debole. Poiché sodio è più fortemente alcalino, questo rende una soluzione di borace fortemente alcalina con un pH compreso tra 9 e 10 (pH 7 è neutro). Se ingerita, reagisce con l'acido cloridrico nello stomaco per formare acido borico e sodio cloruro. Il contenuto in boro di borace è 11,3%, mentre per l'acido borico è 17,5% o superiore al 50% circa. Composti di boro ingeriti sono rapidamente e quasi completamente escreti con le urine. L'acido borico Precedentemente è stato ampiamente utilizzato come conservante in alimenti, ma è ora vietato per questo scopo in molti paesi, ed è anche vietato di vendita al pubblico in Australia.
Secondo la medicina convenzionale non è noto se il boro è essenziale per gli esseri umani, ma la ricerca dimostra che abbiamo bisogno di esso. Il motivo per cui è stato difficile rispondere a questa domanda è la presenza di boro in tutte le piante e gli alimenti non trasformati. Le diete con una discreta quantità di frutta e verdura forniscono circa 2 a 5 mg di boro al giorno, ma questo dipende anche la regione in cui è stato coltivato il cibo e come è stato coltivato.
In realtà l'assunzione media nei paesi sviluppati è di 1-2 mg di boro al giorno. Pazienti istituzionalizzati possono ricevere solo 0,25 mg di boro al giorno. I fertilizzanti chimici inibire l'assorbimento del boro dal suolo: una mela biologica coltivata in buona terra può avere 20 mg di boro, ma se coltivate con fertilizzanti che possono avere solo 1 mg di boro. Fertilizzanti combinati con scelte alimentari poveri hanno notevolmente ridotto la nostra assunzione di boro rispetto a 50 o 100 anni fa.
Inoltre, metodi di cottura salutari ridurre notevolmente la disponibilità del boro dal cibo. L'acqua di cottura delle verdure che contengono la maggior parte dei minerali può essere eliminata durante la cottura di casa o di trasformazione commerciale; acido fitico nei prodotti da forno, cereali e legumi cotti può ridurre notevolmente la disponibilità, mentre la sensibilità al glutine e crescita eccessiva del Candida inibiscono l'assorbimento di minerali. Tutto questo rende i problemi di salute a causa di carenza di boro ora molto comune.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... /boroc.htm

A proposito di questo ACIDO BORICO, riporto la mia personale esperienza di avvelenamento documentata:
"La mia personale accidentale avventura con circa 15 GRAMMI circa di ACIDO BORICO è iniziata alle 15.30 del 7 luglio 2017.
I FATTI:
Avevo appuntamento nel reparto di chirurgia per l'intervento di "ricanalizzazione" all'ospedale di Bra, il 9 luglio 2017 presentandomi a digiuno dalla sera precedente.
L'intervento sarebbe dovuto essere il 10 luglio 2017.
------
Dimesso il 11 luglio 2017 con la seguente diagnosi di dimissione:
INGESTIONE ACCIDENTALE DI ACIDO BORICO.
MOTIVO DEL RICOVERO:
Accesso in PS per erronea assunzione di ACIDO BORICO (scambiato per purgante) per cui in regime di urgenza praticata secondo parere del centro antiveleni gastrolusi ed attuata abbondate idratazione parentelare.
ANAMNESI:
Emicolectomia marzo us per etroplasia (confezionata stomia in attesa di ricanalizzazione prevista per lunedì us)
DECORSO:
Durante la degenza condizioni generali stabili, non segni e/o sintomi riconducibili a tossicità; proseguita terapia infusionale idratante onde prevenire rischi di insufficienza renale acuta da tubulopatia.
ematochitici di norma, non evidenza di acidosi metabolica, nulla da segnalare al monitoraggio cardiaco.
In corso dosaggio ACIDO BORICO.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... onemia.htm

Quindi oggi come oggi, continuo ad ingoiare il BORACE ed a bere l'acqua di rubinetto.
Prima di tutto devo giustificare il fatto che in Italia, gli impianti dell'acqua potabile sono obsoleti e trascurati, tanto che è di questi giorni che le perdite si acqua potabile sono di circa il 40% sull'intero territorio nazionale.
Ahahahahahah, mi viene da ridere!!!! Quanto è clientelare il SISTEMA italiano!
Negli abitati si sono eliminati le fontane pubbliche e i servizi pubblici! costano si dice! FALSO, conviene ai bar!!!
Questo non è che un esempio, ma quello più eclatante è questa perdita del 40% di acqua potabile che emerge senza ombra di dubbio.
A chi conviene che questo SISTEMA sia così perdente?
Ai bar ed alle industrie alimentari, e pare poco? e chi ci perde? e cosa ci perde?
L'abitante e la sua SALUTE! e pare poco?
Mi fermo e non vado oltre, ma mi auguro che questo SISTEMA cambi per il bene degli italiani.
E' migliore l'acqua di rubinetto o quella delle bottiglie?
Sono anni che bevo esclusivamente quella del rubinetto per ovvi motivi, ma questo articolo conferma appieno le mie convinzioni.
Sono certo che sarà una conferma anche per voi., certo, perchè nessun essere vivente usa l'acqua delle bottiglie. Anzi gli animali bevono anche nei rivoletti ed addirittura dalle paludi senza alcun problema.
Noi però abbiamo la fortuna dei rubinetti, ma ci dicono che ci causa danni, iniziando dal CLORO, ma è FALSO poichè anche il CLORO è un "ALIMENTO ESSENZIALE", come il BORO, che entrambi possono far male solo in grande quantità.
Ma il SISTEMA, formato da politici IMMONDI, hanno addirittura tolto le fontane dai nostri paesi e città, pur di assecondare i bar e le industrie alimentari.
Certo, tanto la vita umana vale meno di un euro!!!

Tranquilli, ormai il bisfenolo A (BPA) già lo conosciamo, vero?
Fin'ora abbiamo rilevato che i CIBI industriali contengono PRODOTTI CHIMICI NOCIVI alla nostra SALUTE, anche se, come detto dalla SCIENZA, e provate con le cosidette PROVE SCIENTIFICHE, in piccole o piccolissime parti, abbiamo certezza che ci causano le più disparate malattie. E sempre di più di nuove, iniziando dalla tenera età.
Mi permetto di ricordare gli "AROMI" o "AROMI NATURALI".
Svelato il segreto più gelosamente custodito dalle multinazionali alimentari
Tutte le aziende alimentari custodiscono gelosamente UN PICCOLO SPORCO SEGRETO e oggi voglio rivelartelo mettendo a nudo tutta la questione!
Molte persone parlano degli additivi chimici utilizzati come ingredienti, questo però non è il solo problema: le aziende alimentari inseriscono qualcos'altro negli alimenti, qualcosa che sfugge alle regolamentazioni qualcosa di DAVVERO MESCHINO.
Il problema principale di ogni azienda alimentare è vendere di più spendendo di meno.
Per far ciò le aziende nell'ultimo secolo si sono sempre più modernizzate, implementando sistemi di produzione ad alta resa e bassa spesa.
Questi sistemi di produzione sono stati applicati all'agricoltura, agli allevamenti e tutta la produzione successiva.
Procedimenti altamente tecnologici producono enormi quantità di cibo in pochissimo tempo.
Tutto ciò però ha contribuito a far crescere un problema: il cibo industriale NON E' SAPORITO, PERDE TUTTO IL SUO SAPORE NATURALE le diverse fasi di lavorazione: la lavorazione è diventata iper-tecnologica, ma LA VERDURA, LA FRUTTA, LA CARNE, IL LATTE. I LATTICINI e le materie prime non sono risultate adatte per essere sottoposte a questo tipo di stress meccanico e chimico, risultato il cibo che esce dalla filiera ad alta tecnologia non ha più sapore, è cattivo, e nessun uomo lo accoglierebbe come cibo in quello stato.
Ma un momento! Il cibo che troviamo al supermercato è gustoso, pieno di sapore, eppure proviene da procedimenti industriali: come è possibile tutto ciò?
La risposta è semplice:
CHIMICA!
Ora però dobbiamo dedicarci a un qualcosa di più subdolo e sottilmente dannoso alla nostra salute:
LE BOTTIGLIE DI PLASTICA CHE TI RITIRANO PER POCHI CENTESIMI, MA CHE IN QUESTO MODO TI RENDONO SCHIAVO DEL SISTEMA .
MA NON SOLO DELLA BOTTIGLIA, MA ANCHE DELL'ACQUA CONTENUTA CHE CON ANALISI CHIMICHE TI ABBAGLIANO IN MODO DA DARTI LA CERTEZZA DELLA SALUTE.
Per arrivare questo però, hanno DEMONIZZATO per anni l'acqua PIU' CONTROLLATA E SICURA IN ASSOLUTO l'ACQUA DEL RUBINETTO.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... lenosa.htm
E questa la pagina degli "AROMI":
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... aromia.htm
Prima di procedere nella informazione è consigliabile vedere questo video molto interessante ed istruttivo al riguardo dell'acqua in bottiglia e l'acqua del rubinetto:
http://m.youtube.com/watch?v=X3QxBjWa2vU
ATTENZIONE, ATTENZIONE, ATTENZIONE IL PERICOLO E' REALE E GIA' LO TENIAMO IN CASA.
SI CHIAMA BISFENOLO A, UN PRODOTTO CHIMICO CANCEROGENO.
Gli " AROMI" o "AROMI NATURALI" li possiamo evitare lasciandoli sugli scaffali, ed è ANCORA PEGGIO della COCACOLA, in quanto anche questa se vuoi la eviti, ma il BISFENOLO A, NO, come fai?
Sei organizzato ad usare gli oggetti che lo contengono in ogni occasione della giornata sopratutto in casa!
CERTO E' NEGLI OGGETTI SI PLASTICA E PEGGIO ANCORA NELLE BOTTIGLIE DELL'ACQUA, LATTINE E BARATTOLI DI LATTA PER BEVANDE ED ALIMENTI.
NON HO PIU' PAROLE per descrivere il mio disappunto!
Lascio a voi capire il perchè di questa mia forte delusione nell'interpretare il comportamento così abominevole del mio simile nascondendosi dietro alla parola SCIENZA, quindi alle PROVE SCIENTIFICHE, VERE O FALSE.
Ecco perchè la STRAGE di TIROIDI nella popolazione IGNARA, ma poi dopo aver INCASSATO per l'asportazione, ecco l'"EUTORIX" A VITA con lauti guadagni garantiti.
"La scheda
Il Bisfenolo A (BpA) costituisce oltre il 70% del materiale plastico conosciuto con il nome di policarbonato, e per rendersi conto si tratta di una produzione annua pari a di 3 milioni di tonnellate nel mondo.
Si tratta del principale componente del policarbonato utilizzato per imballaggi e contenitori, ed è anche un componente delle resine epossifenoliche, impiegate nel rivestimento interno delle scatolette di metallo di alimenti e bibite, dei coperchi dei vasetti di omogeneizzati e di bottiglie di vetro. E’ anche presente nelle stoviglie di plastica e in diversi contenitori per alimenti nei serbatoi domestici dell’acqua potabile e nei tini per il vino ed è classificato come interferente endocrino ( ovvero sostanze che possono entrare in conflitto con le sostanze ormonali dell’uomo) e può interferire anche con la tiroide."
La parte la trivi sull'articolo sotto.
E non venitemi a dire che questo BISFENOLO A BPA non è messo nei prodotti di plastica per AMMALARE ED ELIMINARE LE PERSONE, COME PROGETTATO A TAVOLINO da scienziati SCELLERATI ED IMMONDI.
Basta cliccare sul link, leggere la tabella e giudicate voi stessi.
Non ci vuole molta cosidetta: SCIENZA per capirlo, vero?
http://digilander.libero.it/genfranco5/ ... loAbpa.htm
01-03-11
SALUTE: DA OGGI STOP AL BISFENOLO A NEI BIBERON.
(ASCA) - Roma, 1 mar - Entra in vigore oggi 1° marzo il divieto alla fabbricazione nell'Unione europea di biberon contenenti Bisfenolo A (BPA), sostanza potenzialmente molto pericolosa. Il BPA e' ampiamente utilizzato nella produzione di biberon in plastica. Se il Divieto di fabbricazione parte dal 1° marzo il divieto di commercializzazione e importazione di biberon contenenti BPA scatta dal 1° giugno: lo stabilisce una direttiva Ue (2011/8/EU), adottata alla fine di gennaio.
''Oggi è una data molto significativa - afferma Eva Alessi, responsabile sostenibilità del WWF Italia - perché segna un traguardo importante anche per il WWF nella salvaguardia della salute pubblica e dell'ambiente.
L'obiettivo raggiunto è fondamentale perché riduce - ma non elimina - l'esposizione della parte più vulnerabile della nostra popolazione, i bambini, ad una sostanza di cui sono sempre più evidenti gli effetti avversi. Infatti nel valutare i rischi per i bambini, bisogna considerare, oltre alla contaminazione dovuta al contatto diretto del biberon con il latte, anche altri apporti derivanti dalla contaminazione ambientale dovuta all'uso del bisfenolo A come additivo delle plastiche in moltissimi altri oggetti''.
''Da anni il WWF, in accordo con la comunità scientifica, sollecita una regolamentazione più severa per gli interferenti endocrini (Ie) che impattano sulla vita dei bambini e degli adulti - aggiunge - e sono ormai considerati contaminanti ubiquitari. La lista degli Ie è lunga e comprende oltre al bisfenolo A anche, tra gli altri, le diossine, i ritardanti di fiamma utilizzati in apparecchiature elettroniche e nelle tappezzerie, nonché diversi pesticidi. Una crescente quantità di dati scientifici ritiene che il feto ed il bambino siano particolarmente a rischio anche in presenza di dosi di interferenti endocrini molto più basse di quelle che causano effetti nell'adulto e per questo urge che la UE metta in atto una regolamentazione più severa''.
Piccole quantità di BPA possono essere rilasciate dai biberon nel latte nel momento in cui questi contenitori vengono riscaldati a temperature elevate.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... enoloa.htm
Generalmente è sconsigliabile l’acquisto di acqua in bottiglie di plastica. Questo sconsiglio non deriva soltanto dall’aspetto ecologico, ma anche per il bene della nostra salute. Ormai anche i sassi sanno che l’uso indiscriminato della plastica ha causato (e causa) non pochi danni all’ambiente. La plastica è una sostanza che il nostro pianeta fà fatica a metabolizzare, più o meno come un alimento che facciamo fatica a digerire.
Nel caso comunque si decida di bere l’acqua nelle bottiglie di plastica sarebbe opportuno controllare prima le etichette.
Perché
Le lettere presenti nel simbolo del riciclo, come PP e HDP, ci dicono tanto sulla plastica stessa. Questo è quello che bisogna sapere:
Se nell’etichetta c’è scritto PET o PETE (Polietilene tereftalato), la plastica delle bottiglie può aver contaminato l’acqua con metalli e sostanze chimiche in grado di influenzare l’equilibrio ormonale nel vostro corpo.
Se nell’etichetta c’è scritto HDP o HDPE (Polietilene ad alta densità), l’acqua presente nella bottiglia molto probabilmente non è stata contaminata da nessuna sostanza nociva.
Se nell’etichetta c’è scritto 3V o PVC (Cloruro di polivinile), non bisogna assolutamente bere quell’acqua. Questo tipo di plastica rilascia sostanze chimiche tossiche che influenzano il nostro equilibrio ormonale.
Se nell’etichetta c’è scritto LDPE (Polietilene a bassa densità) è molto strano. Perché l’LDPE è usato soltanto per fare i sacchetti di plastica.
Scritto da: Alessandro Pecora
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... sticac.htm
L'acqua in bottiglia LEGGETE!!
L’acqua in bottiglia lasciata nella vostra automobile è molto dannosa!
È stata identificata come la causa più comune dell’elevato tasso di diossina nella formazione del cancro al seno. Un oncologo ha detto: “ le donne non dovrebbero bere l’acqua dalle bottiglie lasciate nelle automobili. Il calore reagisce con i prodotti chimici della plastica che libera la diossina nell’acqua.” La diossina è una tossina che trova un buon alloggio nel tessuto e genera il cancro al seno. Quindi dovreste essere molto prudenti e non bere mai l’acqua lasciata in automobile se c’è la bottiglia di plastica.
Fate passare il messaggio a tutte le donne che conoscete.
Abbiamo bisogno di diffondere queste informazioni che possono salvare delle donne! Utilizzate una borraccia in acciaio inossidabile o una bottiglia di vetro al posto di quella di plastica!
Fatelo sapere anche a chi una figlia o un figlio se vi pare!
Questa informazione circola dal centro medico dell’esercito. Non mettere i recipienti e gli imballaggi di plastica nel microonde. Né la bottiglia d’acqua nel congelatore. La diossina causa il cancro specialmente quello al seno. La diossina inquina tantissimo le cellule del vostro corpo. Non congelare le vostre bottiglie di plastica con l’acqua così che non liberi diossina dalla plastica.
Il primario della clinica del benessere nell’ospedale di Castle, Edward Fujimoto ha parlato della diossina ed è quindi malvisto. Egli ha detto non dovremmo mai riscaldare il nostro cibo nel microonde, soprattutto nei recipienti di plastica perché la combinazione delle alte temperature libera la diossina nel cibo e di conseguenza nel nostro corpo. Raccomanda invece di utilizzare recipienti di vetro come il pyrex o Corning o recipienti in ceramica, si ottiene lo stesso risultato ma senza diossina. La carne o le zuppe istantanee dovranno essere tolte dal recipiente e riscaldate con qualcos’altro. La carta non è malvagia ma non sapete cosa contiene. È più sicuro utilizzare il vetro soprattutto per riscaldare. Vi ricordiamo che i fast-food hanno modificato i loro imballaggi per diversi problemi di cui la diossina è una delle ragioni. È anche molto dannoso il film plastico (PVC) per rinvolgere e riscaldare il cibo nel microonde. È come una bomba atomica nel cibo, il calore eccessivo miscela la tossina velenosa del film ai cibi. È meglio coprire il cibo con un tovagliolo di carta.
Questo articolo dovrebbe essere inviato a tutte le persone importanti della vostra vita.
Postato 15th May 2011 da Patrizia Poliseno
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... astica.htm

Ormai siamo abituati a bere acqua da bottiglie in plastica,sia per comodità,sia perchè ci viene maggiormente proposta. Ecco La verità che si nasconde dietro.
Quante volte siete fuori e pensate: “Vorrei proprio bere dell’acqua adesso”. Per cui entrate in un negozio e ne comprate una bottiglia, in genere una di quelle leggere in PET, anche perché spesso non se ne trovano altre. È semplice portarsele dietro mentre si corre o si viaggia. E proprio su queste bottiglie l’organizzazione Storyofstuff ha realizzato un video informativo. Viene fuori abbastanza chiaramente quale sia l’impatto delle bottiglie di plastica sulle nostre vite. Di seguito i punti salienti:
Una situazione che conosciamo molto bene e che possiamo definire l’altro lato della medaglia: un paesaggio meraviglioso come quello di una spiaggia, pieno di rifiuti e bottiglie di plastica. Un ambiente pericoloso anche per gli animali, che possono soffocare a causa di questi scarti abbandonati in giro.
Perché mai beviamo l’acqua nelle bottiglie di plastica? Al giorno d’oggi sono in molti a sapere che i residui di olio che si usano per produrre la plastica sono dannosi per la salute. Durante un test a Detroit, negli Stati Uniti, è stato scoperto che le costose bottigliette da 2$ contengono in realtà una qualità d’acqua inferiore a quella erogata dal rubinetto e persino il sapore è più scadente. Ma allora come mai la gente continua a preferirle?
I produttori vendono le bottiglie d’acqua a un prezzo di mercato che è 2.000 volte superiore al costo dell’acqua del rubinetto. Chi pagherebbe 10.000€ per un panino solo perché è confezionato nella plastica? Negli anni Settanta le società che ottenevano i ricavi maggiori in questo mercato erano quelle che vendevano bibite analcoliche, come la Coca Cola.
Ma quando si scoprì che queste bevande non facevano bene, si riprese a bere l’acqua del rubinetto. Per far fronte a questo cambiamento nel comportamento di consumo, queste stesse società iniziarono a vendere acqua in bottiglia. Ma la reazione non fu delle migliori, alla gente sembrava che provassero a mettere in vendita l’aria. Per cui la domanda venne creata artificialmente. Si iniziò a insinuare il dubbio che bere acqua del rubinetto non fosse salutare e che l’uso migliore restasse quello per l’igiene della casa e della persona. Poi vennero associate al prodotto immagini piene di colori, con montagne incontaminate.
Foto che suggeriscono la purezza dell’acqua. Da notare il paradosso, essendo quella in bottiglia, semplicemente acqua del rubinetto filtrata. Per non parlare del contenitore in cui viene venduta: la plastica è uno dei fattori di maggior rischio per l’ambiente. Non può essere distrutta. Il problema principale sta nella produzione delle bottiglie. Le grandi quantità di petrolio richieste corrispondono a quelle necessarie per le automobili negli Stati Uniti. La diffusione a livello internazionale è poi un altro fattore, viene fuori un numero pazzesco se si considera che si usa una bottiglia ogni 2 minuti.
Il problema successivo è lo smaltimento: anche se c’è un simbolo per il riciclo sulle bottiglie, questi prodotti non vengono rigenerati poi così spesso.
L’80% delle bottiglie finisce nella spazzatura e ci vogliono circa 1.000 anni prima che si decompongano. Nel caso vengano bruciate si creano ulteriori disastri ambientali. Quando i resti vengono gettati nei cassonetti per il riciclo, succede che interi carichi di bottiglie vuote vengano trasportate fino all’India e restino in cumuli insieme ad altre. Anziché essere riciclate, vengono declassate a prodotti di qualità più bassa che, ovviamente, in un secondo momento, finiranno a loro volta nei cassonetti.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook
Follow @JedaNews
Chi usa le bottiglie di plastica lo deve fare seguendo questi 3 passaggi: paura, tentazione e disinformazione. In molti posti, l’acqua del rubinetto (la peggior nemica dell’industria delle bibite) non si può bere, ma questo è causato, in parte, anche dalle fabbriche dove si processa l’imbottigliamento dell’acqua stessa. Eliminano i liquidi di scarto nei fiumi. Come si può fronteggiare quest’industria?
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... lenosa.htm

L’Arsenico è classificato dall’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro come elemento cancerogeno certo di classe 1, e posto in diretta correlazione con molte patologie oncologiche, e in particolare con il tumore del polmone, della vescica, del rene e della cute. L’assunzione cronica di arsenico, soprattutto attraverso acqua contaminata, è indicata, da una rilevante documentazione scientifica, anche quale responsabile di patologie cardiovascolari, neurologiche, diabete, lesioni cutanee, disturbi respiratori, disturbi della sfera riproduttiva e malattie ematologiche.

Una indagine realizzata nell’ambito del progetto Atlante Europeo dell’EuroGeoSurveys Geochemistry Expert Group (pubblicata nel maggio 2010 dalla rivista ‘Le Scienze’) ha permesso di conoscere tutti i dati relativi alla composizione delle acque minerali europee. Nel caso di quelle italiane è stato quindi possibile conoscere tra gli altri, anche il valore per litro del tanto discusso Arsenico. Ecco l’elenco delle principali acque minerali e loro contenuto in Arsenico (ricordando che per tutte le acque minerali italiane prese in esame, in nessuna è stato riscontrato un valore superiore ai 10 microgrammi per litro).

Principali Acque Minerali e relativo valore di Arsenico – Dati 2010 (ricordando che per tutte le acque minerali italiane prese in esame, in nessuna è stato riscontrato un valore superiore ai 10 microgrammi per litro).
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... senico.htm
.
.


21 set 2017, 09:33
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010