Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 20 ott 2017, 12:20


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Il retinoblastoma, tumore agli occhi 
Autore Messaggio
utente
utente
Avatar utente

Iscritto il: 29 dic 2008, 16:05
Messaggi: 971
Località: Saluzzo
Messaggio Il retinoblastoma, tumore agli occhi
Devo riportare quanto dichiara l'articolo in fondo pagina riguardo alla vitamina C, ACIDO ASCORBICO, rispetto al retinoblastoma, tumore agli occhi, sopratutto dei bambini, non solo, ma anche per altri tumori. Ed a dirlo è il professor Giovanni Grasso: «Abbiamo la dimostrazione inequivocabile che l’acido ascorbico, a tutti più noto come Vitamina C, è in grado di uccidere, a dosi elevate, le cellule di retinoblastoma».
Come far dare vitamina C endovena a un paziente in ospedale.
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... inaCIV.htm
Come preparare la vitamina C per endovena.
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... azione.htm
"Di fronte ad un crescente numero di evidenze sperimentali, i ricercatori del NIH (National Institutes of Health) ammettono oggi che la vitamina C endovena può essere un trattamento efficace per il cancro. L'anno scorso gli stessi ricercatori ottennero uno studio simile ma i media non ne diffusero notizia."
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... naCIVo.htm
"La vitamina C come farmaco per curare i tumori: sarebbe una grande novità per tutti i malati. La ricerca sta lavorando in questa direzione, con risultati incoraggianti. recentemente alcuni ricercatori del National Institutes of Health statunitense hanno appurato che l'ACIDO ASCORBICO, iniettato in dosi massicce nel sangue e nella cavità addominale dei topi con neoplasie molto aggressive, riesce a ridurre del 50% circa il peso del tumore e il suo tasso di crescita. Lo studio ha evidenziato come la vitamina C, iniettata a dosi molto elevate, non agisca più come antiossidante, ma diventi, al contrario, un pro-ossidante, ovvero sia in grado di formare radicali liberi in quantità tali da provocare la morte delle cellule malate."
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... IVproo.htm
"I ricercatori del NIDDK ( National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases ) hanno verificato l’ipotesi che l’Ascorbato, quando iniettato ad alti dosaggi, possa avere un effetto pro-ossidante anziché anti-ossidante.
I pro-ossidanti generano radicali liberi ed il perossido d’idrogeno, che potrebbe essere alla base della morte delle cellule tumorali. In esperimenti in vitro su 43 tipi di tumore e 5 linee cellulari normali, i Ricercatori hanno scoperto che alte concentrazioni di Ascorbato erano associate ad effetti antitumorali nel 75% delle linee cellulari tumorali, risparmiando invece le cellule normali. Per verificare l’effetto antitumorale dell’Ascorbato, a topi immunodeficienti sono state impiantate cellule di tumore dell’ovaio, tumore del pancres o del glioblastoma, un tumore cerebrale. Successivamente è stato iniettato Ascorbato ad alto dosaggio.
E’ stata osservata una riduzione della crescita tumorale e del peso dei tumori del 41-53%."
http://acidoascorbico.altervista.org/Im ... Vproos.htm
Da evidenziare e correggere:
Può stimolare (NO, NON PUO' MA LO FA' ogni notte nel primo sonno REM sostituendo il COLLAGENE deteriorato e rigenera anche la CARTILAGINE che ne è un tipo di COLLAGENE) la formazione di collagene per aiutare il corpo ad isolare il tumore. Inibisce la ialuronidasi, un enzima che i tumori usano per metastatizzare e invadere altri organi in tutto il corpo. Induce apoptosi, cioè la morte auto indotta delle cellule tumorali. Corregge la condizione di scorbuto, di riscontro quasi universale nei pazienti oncologici. I malati di cancro sono stanchi, svogliati, presentano ecchimosi ed hanno un scarso appetito. Non dormono bene ed hanno una bassa soglia per il dolore. Tutto questo si aggiunge ad un quadro molto classico di scorbuto che generalmente non viene riconosciuto dai medici convenzionali.
Quindi sono da tenere conto i sintomi elencati.
Mentre per il COLLAGENE:
"Vorrei ora comunicarvi quanto ho scoperto sul COLLAGENE in relazione all'ACIDO ASCORBICO. Abbiamo capito che l'assunzione di ACIDO ASCORBICO è ESSENZIALE per il nostro corpo, ottenendone dei risultati a dir poco STUPEFACENTI, però se è ESSENZIALE assumere, è senz'altro INDISPENSABILE aggiungere una assunzione prima del giusto riposo. Questo l'ho rilevato da diversi siti ed eccovene la motivazione:
"Con l'avanzare degli anni, i tessuti dei muscoli si degradano perché la quantità di collagene inizia ad essere inadeguata.
La pelle diminuisce notevolmente la quantità di collagene che potrebbe generare e le conseguenze si possono constatare con il mostrarsi delle prime grinzosità ed abbandonando la lucentezza caratteristica della giovinezza.
Spesso si producono segni, raggrinzamenti, striature e voglie scure.
La cute si secca ed i capelli si stressano e perdono la loro “vivacità”.
Il corpo umano pratica la maggior parte dell’attività termica sul collagene durante le ore notturne mentre dormiamo e per fare questo gli serve l’energia che, se non può essere ottenuta dai carboidrati o dagli zuccheri, viene attinta dai grassi.
E’ durante la fase REM del sonno che il corpo trasforma le sostanze nutrizionali in nuovi tessuti.
Per compiere questa funzione gli necessita una rilevante disponibilità di energia.
La conversione del collagene ha il compito di riparare tessuti epidermici, tendini, cartilagine ed organi vitali e di rafforzare il comparto muscolare ed osseo."
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... anagen.htm

... da questa pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... nebase.htm
Anche se molti medici temono che grandi dosi di vitamina C possano causare calcoli renali, raramente si è notato il fenomeno e diversi grandi studi clinici nella letteratura medica rigettano questa idea sbagliata.
Quindi ne conferma la FALSITA' dei calcoli renali.
Per riassumere, la maggior parte degli organismi viventi producono la propria vitamina C. Quando sono sotto stress, o per malattia o infortunio, madre natura ha fornito loro un mezzo per facilitare la guarigione: essi sintetizzano più acido ascorbico. Come risultato, essi provano meno dolore, rimangono attivi, possono dormire ed hanno un migliore appetito: tutte funzioni che promuovono la guarigione.
Questo è come viviamo Franca e me che in caso di STRESS
Per noi esiste quindi una SOLA MEDICINA: 3 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO più mezzo di BICARBONATO DI POTASSIO in mezzo bicchiere di acqua di rubinetto, che dopo che ha fritto bevo. Questo per almeno 4-5-6 volte di fila per ogni ora. Prima di andare a dormire ed il mattino successivo. Se continua il problema passo ad ogni 2 ore. La diarrea? sia la BENVENUTA, quindi TRANQUILLO, poichè escono le TOSSINE. Non conta la età, ma il BISOGNO.
Irving Stone è stato un pensatore e scrittore ed ha scritto anche sulla vitamina C (il cui nome scientifico è acido ascorbico). Stone sapeva che ci sarebbe voluta una dura battaglia per cambiare il modo in cui i medici considerano la vitamina C. Mentre la maggior parte dei medici accetta che lo scorbuto sia una malattia dovuta alla carenza di vitamina C, pochi hanno fatto il salto, piuttosto gigantesco, necessario per verificare se alte dosi di vitamina C endovena siano efficaci nella gestione del cancro.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... invena.htm

Il professor Giovanni Grasso: «Abbiamo la dimostrazione inequivocabile che l’acido ascorbico, a tutti più noto come Vitamina C, è in grado di uccidere, a dosi elevate, le cellule di retinoblastoma»

MEDICINA — Arriva da Siena e dal gruppo di ricerca del professor Giovanni Grasso del Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze dell’Università di Siena, la scoperta che potrebbe aprire la strada ad una nuova e rivoluzionaria cura dei tumori. In particolare del retinoblastoma, tumore degli occhi che colpisce i bambini di età tra zero e tre anni e che vede nel policlinico “Le Scotte” di Siena un centro di eccellenza e un punto di riferimento nazionale per la sua cura.

«Dopo anni di ricerche – spiega il professor Giovanni Grasso - abbiamo la dimostrazione inequivocabile che l’acido ascorbico, a tutti più noto come Vitamina C, è in grado di uccidere, a dosi elevate, le cellule di retinoblastoma. Lo studio, effettuato su cellule derivate da questo tumore, stabilizzate e in linea continua, è stato pubblicato dal Journal of Clinical and Experimental Ophthalmology». Per il momento si tratta di una sperimentazione in laboratorio, su cellule trattate in vitro. Ma le aspettative sono reali. «Si tratta – continua il dottor Domenico Mastrangelo, curatore della ricerca coadiuvato da Lauretta Massai – di risultati di laboratorio che dovranno necessariamente trovare un riscontro “clinico”, mediante la verifica dell’efficacia delle alte dosi di vitamina C». «I dati sperimentali ottenuti in vitro e la presenza, presso l’azienda ospedaliera senese del centro di riferimento nazionale per la diagnosi e cura del retinoblastoma, potrebbero rendere più che realistica la possibilità che la verifica dell’efficacia clinica della Vitamina C ad alte dosi, per via endovenosa, possa esser fatta sui piccoli pazienti colpiti dal tumore».

Gli studi e i risultati senesi trovano riscontro anche in sperimentazioni portate avanti fuori dai confini italiani. «In America, studi clinici su pazienti affetti da cancro pancreatico, - continua il dottor Mastrangelo - dimostrano che, anche a dosi elevate, la vitamina C è altamente tollerabile per via endovenosa. In più, a dosi elevate essa agisce come un pro-ossidante, generando acqua ossigenata, altamente tossica solo per le cellule tumorali, che sono sprovviste dell’enzima (la catalasi) in grado di metabolizzare e distruggere l’acqua ossigenata. L’acqua ossigenata non metabolizzata danneggerebbe (ossidandole) tutte le strutture della cellula tumorale, portandola a morte». A questo punto manca soltanto la prova sul campo. «Questa scoperta, se convalidata da studi clinici, può rappresentare una vera e propria rivoluzione nell’ambito della terapia del retinoblastoma e forse anche di altri tumori», conclude il dottor Mastrangelo.

In fondo ai tuoi occhi ( https://infondoaituoiocchi.wordpress.com/) con sede a Poggibonsi è una associazione non-profit nata nel maggio 2012 per la raccolta fondi per il reparto di Oftalmologia dell'ospedale Le Scotte di Siena dove si trova il centro di eccellenza per la cura del retinoblastoma e porta avanti una campagna di comunicazione e di sensibilizzazione verso il trattamento del tumore che colpisce i bambini.
http://acidoascorbico.altervista.org/pr ... iocchi.htm
.
.


02 set 2017, 10:34
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010